Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Indicatori ambientali e interventi di riqualificazione territoriale: il caso del Parco d’Interesse Sovracomunale del Roccolo

Obiettivi dello studio sono l’individuazione delle criticità e qualità ambientali in un ambito di parziale urbanizzazione (il Parco locale d’interesse sovracomunale del Roccolo in provincia di Milano) attraverso l’uso di un set di indicatori ambientali, calcolati – con l’ausilio di un Sistema Informativo Geografico - per ognuna delle sottounità territoriale in cui viene divisa l’area di studio.
Vengono successivamente proposti una serie di interventi tesi a diminuire le criticità e ad incrementare le qualità ambientali che si sono riscontrate.
I vari interventi proposti sono quindi confrontati in termini di efficacia e di efficienza economica.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREVIEW: Indicatori ambientali e interventi di riqualificazione territoriale: il caso del Parco d’Interesse Sovracomunale del Roccolo. di Santi Daniele La Rosa Tesi di Laurea in Ingegneria per l’Ambiente e per il Territorio 1.1) Considerazioni di partenza Il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale individua alcune aree all’interno della provincia di Milano destinate alla creazione di parchi locali d’interesse sovracomunale (PLIS) 1 . Da ciò è scaturita l’idea di provare a dare ai comuni interessati all’istituzione di tali parchi uno strumento d’aiuto alle decisioni circa i possibili interventi di localizzazione di nuove aree verdi e ipotesi di sistemazione di quelle già presenti, in uno di questi ambiti territoriali. Tali indicazioni sono da leggersi all’interno di un’eventuale strumento di gestione quale, ad esempio, un Piano di Coordinamento del PLIS o Piano Particolareggiato. In alcuni di questi ambiti l’iter burocratico per la formazione ed il riconoscimento è iniziato già da qualche anno e, in qualche caso, sono stati individuati i confini amministrativi del futuro parco. Durante il lavoro di “testing”, l’analisi è stata estesa oltre agli interventi direttamente finalizzati su aree naturali (che pure restano prioritari), ma anche di altro tipo. L’idea di base si è allora aggiornata in quella di individuare qualità e criticità della zona in esame e, conseguentemente, di suggerire degli interventi che ne riducano le criticità e ne tutelino le qualità; a questo proposito risulta evidente come all’interno della provincia milanese interventi del primo tipo si rendano sicuramente più urgenti, dal momento che gli elementi di naturalità sono presenti in numero ridotto al contrario delle pressioni su di essi esercitate. Tale situazione dei territori milanesi è in realtà spesso - giustamente- vista come un’irreversibile conseguenza dei processi di urbanizzazione e industrializzazione che hanno stravolto il ruolo agricolo 1 I Parchi Locali d’Interesse Sovracomunali nascono con la LR n. 86/1983 di disciplina delle aree protette, articolo 34; si tratta di aree di particolare interesse ambientali tutelate direttamente dai Comuni interessati attraverso l’istituzione del Parco e la sua perimetrazione sul Piano Regolatore. Il ruolo della Regione consiste nel riconoscere l’interesse sovracomunale della zona, nel fornire indirizzi di massima sulla pianificazione e nell’erogare contributi annuali per interventi di miglioramento ambientale; le scelte pratiche ed attuative di pianificazione e di gestione nascono invece dal basso, cioè dai Comuni.

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Daniele La Rosa Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2569 click dal 20/03/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.