Skip to content

Principali problematiche di attuazione del disegno di federalismo fiscale in Italia

Informazioni tesi

  Autore: Damiano Benincasa
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze dell'Amministrazione
  Relatore: Emma Galli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 215

In questo lavoro si è cercato di ricostruire ed esaminare i principali aspetti istituzionali ed economici del "federalismo fiscale".

In tal senso, nella prima parte del lavoro sono state illustrate le principali fasi del lungo e complesso processo di riforma del sistema italiano di finanza pubblica che, avviatosi negli anni novanta del secolo scorso, ha gradualmente modificato, attraverso molteplici provvedimenti, il modello di finanza derivata, ampliando l’autonomia finanziaria dei governi locali e conferendo a questi una maggiore responsabilità nella gestione dei procedimenti sia delle entrate che delle spese. Processo riformatore, che ha ricevuto notevole impulso dal decreto legislativo n.56 del 18 febbraio 2000 ed è proseguito con la legge costituzionale 18 ottobre 2001 n.3, recante modifiche al titolo V della Costituzione che, come è noto, ha inciso profondamente sugli assetti istituzionali e sull’ordinamento finanziario delle Regioni e degli enti locali. Con riferimento agli assetti istituzionali, la riforma costituzionale ha infatti attribuito numerose materie al regime della competenza legislativa esclusiva delle Regioni ed ha ampliato, nel numero e nell’importanza, il novero delle materie attribuite al regime della competenza legislativa concorrente delle stesse. Per quanto attiene l’ordinamento finanziario, invece, l'articolo 119 della Costituzione ha rafforzato il principio dell’autonomia di bilancio delle Regioni e degli enti locali, ponendo una maggiore enfasi sui tributi propri e specificando che gli Enti dispongono di compartecipazioni al gettito di tributi erariali riferibile al loro territorio.

In seguito, come è stato osservato, il processo di riforma del sistema di finanza pubblica ha registrato una sostanziale battuta d’arresto, considerato che nessuna delle molteplici iniziative che hanno alimentato il dibattito nei contesti istituzionali ed accademici, quali: la relazione dell’Alta Commissione sul Federalismo Fiscale istituita nel 2003; il documento approvato dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province autonome nel febbraio 2007; la proposta legislativa del Consiglio Regionale della Lombardia del giugno 2007; il disegno di legge del Governo Prodi dell’agosto 2007, si è poi tradotta in puntuali provvedimenti legislativi.
Pertanto, l’esigenza di completare il processo di riforma costituzionale con una legge delega di attuazione dell’articolo 119 della Costituzione risultava, alla vigilia del provvedimento legislativo in esame, ormai improrogabile. La legge delega n.42/2009, approvata definitivamente lo scorso 5 maggio, apre quindi una nuova fase del processo riformatore, nel corso della quale dovrà essere ridefinito l’assetto complessivo dei rapporti finanziari tra Stato, Regioni ed Enti Locali. Il provvedimento prevede infatti un profondo mutamento nel meccanismo che, fino ad ora, ha regolato il sistema di finanziamento degli enti territoriali, proponendosi di migliorare il funzionamento delle amministrazioni, la qualità della spesa e gli equilibri di finanza pubblica.
Nello specifico, la riforma dispone l’attribuzione a Comuni, Province, Città metropolitane e Regioni di autonomia di entrata e di spesa, prefigurando un sistema nel quale, superati i trasferimenti, le risorse finanziarie derivano da tributi ed entrate propri, da compartecipazioni al gettito di tributi erariali e dal fondo perequativo per i territori a minore capacità fiscale per abitante. Essa sancisce, poi, il passaggio graduale dal finanziamento basato sul criterio della "spesa storica" a quello determinato in relazione al fabbisogno "standard", per quanto riguarda i livelli essenziali e le funzioni fondamentali fissati costituzionalmente (articolo 117, comma 2, lettera m) e lettera p) Costituzione), ed alla "capacità fiscale" per le restanti funzioni.
La legge delega prevede inoltre l’istituzione di un articolato insieme di organismi collegiali per il governo ed il controllo del nuovo sistema finanziario e tributario, stabilendo un periodo di due anni per l’approvazione dei decreti legislativi che dovranno definire le norme di dettaglio del nuovo modello federale, ed ulteriori cinque anni di periodo transitorio, in cui dovrà realizzarsi la progressiva transizione dai parametri storici ai nuovi criteri perequativi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 CAPITOLO 1 La teoria economica del governo decentralizzato e la sua evoluzione in Italia. 1.1 Introduzione. Come numerosi altri paesi nel mondo, europei ed extraeuropei, anche l'Italia ha avviato un faticoso processo di decentramento di competenze e risorse dal livello centrale di governo verso enti territoriali periferici. Al momento attuale, l'approvazione della legge delega n.42 del 5 maggio 2009 rappresenta il culmine di questo processo, iniziato sostanzialmente agli inizi degli anni novanta e per molti aspetti non ancora concluso; infatti trattandosi di delega in materia di federalismo fiscale, avrà bisogno dell'approvazione di tutta una serie di specificazioni necessarie all'effettiva realizzazione dei principi contenuti nel decreto stesso. Ma cosa si intende concretamente quando sentiamo parlare di processi di decentramento, di governi centrali, governi periferici o di federalismo fiscale? La risposta a questi quesiti è la condizione necessaria per comprendere non solo le tematiche sulle quali si è sviluppato, con sempre più frequenza ed intensità, gran parte del dibattito politico italiano degli ultimi anni; ma sopratutto, per comprendere ed analizzare le effettive trasformazioni dell'assetto politico, finanziario ed istituzionale in atto nel nostro paese. Diventa quindi essenziale chiarire in maniera dettagliata l'evoluzione della teoria e delle istituzioni caratteristiche del federalismo fiscale, utilizzando come punto di partenza le parole pronunciate nel 1959 da Luigi Einaudi (considerato uno dei padri della Repubblica italiana e secondo Presidente dello Stato stesso), che in un contesto storico-politico fortemente centralistico, come quello in qui è vissuto,affermava: "Se regioni, provincie e comuni devono ricorrere ad entrate proprie per finanziare le relative funzioni, nasce il controllo dei cittadini sulla spesa pubblica, nasce la speranza di una gestione sensata del denaro pubblico. Se gli enti territoriali minori vivono di proventi ricevuti dallo Stato, manca l'orgoglio del vivere del frutto del proprio sacrificio e nasce la

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

spesa storica
finanza pubblica
legge delega n.49/09
decentramento
costo standard
federalismo fiscale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi