Skip to content

Reti internazionali e cooperazione tra città: logiche e problematiche del networking attivo nella definizione di politiche e progetti urbani

Informazioni tesi

  Autore: Cristina Viano
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze per la cooperazione allo sviluppo
  Relatore: Egidio Dansero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 188

L’elaborato studia le "reti di città" per fare emergere logiche e problematiche che la “retorica del fare rete" nella cooperazione internazionale dà talvolta per scontate. Sono studiati tre esempi di networking attivo, politico-progettuale, incentrato sul tema della riqualificazione urbana (nel campo della cooperazione europea e decentrata) per elaborare strumenti analitici applicabili a casi analoghi. Tali reti sono interpretate come particolari modalità di governance urbana e internazionale, per poter osservare, a livello di rete, le logiche ricorrenti, gli aspetti critici del networking tra enti locali e l’efficacia della rete nel gestire positivamente la complessità. A livello locale, il ricorso al concetto di governance territoriale permette di individuare le tipologie di capitale territoriale generato dalla partecipazione alla rete, per verificare gli aspetti del lavoro di rete e locale che l’amministrazione può migliorare.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Le “reti di città” sono un fenomeno sempre più diffuso nell’ambito della cooperazione internazionale. In un contesto di progressiva internazionalizzazione degli enti locali, resa possibile dalla maggiore autonomia nei confronti degli stati e dall’ampio utilizzo di mezzi di comunicazione rapida quali internet, le città scelgono frequentemente di associarsi a loro omologhi in paesi diversi per collaborare nella gestione di problematiche relative all’amministrazione urbana. Ci riferiamo ad esempi di networking attivo, termine che identifica le reti intenzionalmente e volontariamente istituite da enti che intendono cooperare per disporre di conoscenze e risorse superiori rispetto a quelle a disposizione dei singoli 1 . In particolare, l’attenzione è rivolta a reti incentrate su temi relativi alla riqualificazione urbana, qui intesa, in un’accezione piuttosto ampia, come insieme di azioni volte a migliorare la qualità della vita in determinate aree urbane non solo (e non necessariamente) attraverso operazioni architettoniche e urbanistiche, ma anche tramite fornitura di servizi, promozione di iniziative per contrastare l’esclusione sociale, incentivi alla partecipazione da parte della cittadinanza. Le domande e le curiosità alla base di questo studio sono le seguenti: perchØ le città si mettono in rete con soggetti diversi e distanti per lavorare su problematiche con una forte connotazione locale? PerchØ terminologie e logiche simili (il “fare rete”, lo “scambio di buone pratiche”, l’ “approccio integrato” e l’ “approccio partecipato” allo sviluppo urbano) ritornano in contesti anche piuttosto diversi fra loro, quali la cooperazione interna europea e quella decentrata 2 ? Le amministrazioni municipali devono affrontare dinamiche politiche e sociali locali “complesse” 3 , cioè caratterizzate da interazioni fra molteplici settori e attori. Per trovare soluzioni innovative ed efficaci ricorrono al networking, ampliando così la gamma di relazioni, informazioni e competenze a loro disposizione. Ci chiediamo se questo aggiungersi della rete sovra-locale a quella di attori locali non comporti una complicazione ulteriore delle dinamiche, che può risolversi in costi eccessivi da fronteggiare o in una “retorica della rete” a cui non corrispondono risultati operativi. 1 Con il termine “networking passivo” ci si riferisce, invece, ai collegamenti che si generano tra le città come conseguenza di dinamiche economiche. 2 All’interno di questi due contesti cooperativi, verranno analizzate reti diverse per dimensione, tipologia di partecipanti, struttura organizzativa, orizzonte temporale. 3 Una definizione più precisa del concetto di complessità ai fini del presente lavoro verrà data nel capitolo 3 della Parte II.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi