Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'accertamento con adesione

L'elaborato si propone di esaminare l'istituto dell'accertamento con adesione, introdotto con il D.Lgs. n. 218/1997, anche alla luce del D.L. n. 185/2008 e del D.L. n. 112/2008, riguardanti l'adesione ai processi verbali di constatazione e agli inviti al contraddittorio.
Partendo dall'analisi dell'attività di accertamento, si svilupperanno le modalità di svolgimento delle indagini istruttorie, sino a giungere alla formazione degli atti con cui l'ufficio, anche in via preventiva, formalizza la sua pretesa.
Nella parte centrale si esamina la disciplina dell'adesione, con particolare rilievo alla fase del contraddittorio, affrontando gli aspetti di fondo, la dibattuta tematica della natura giuridica e il complesso procedimento di definizione.
L'ultima parte sarà dedicata alla recenti procedure di adesione, incentrate sulla rinuncia al contraddittorio e sulla completa accettazione di tutti i rilievi da parte del contribuente, illustrando le diverse procedure, la discussa ratio e alcuni profili di criticità degli istituti in esame.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 | INTRODUZIONE Nell’ottica di una radicale riforma fiscale che investisse tutto il sistema dei rapporti tra Fisco e contribuente - segnati da una visione sostanzialmente conflittuale che ha condotto ad aumento esponenziale delle controversie - si è venuto a consolidare un nuovo indirizzo improntato, tendenzialmente, alla collaborazione nei rapporti tra le parti, volto a ridurre drasticamente il contenzioso tributario coniugandolo con l’esigenza di incrementare il gettito fiscale sottratto all’Erario. In questa nuova visione, il legislatore ha predisposto una vasta gamma di istituti amministrativi, i cosiddetti strumenti “deflattivi” del contenzioso (autotutela, acquiescenza, accertamento con adesione, conciliazione giudiziale) che permettono di concordare soluzioni conciliatorie prevenendo le liti in materia tributaria. Il presente elaborato si propone di esaminare l’istituto dell’accertamento con adesione, introdotto con il D. Lgs. n. 218 del 19 giugno 1997, in tutti i suoi aspetti peculiari, anche alla luce delle numerose novità introdotte dal D.L. n. 185/2008 e dal D.L. n. 112/2008, riguardanti l’adesione ai processi verbali e agli inviti al contraddittorio, prestando particolare attenzione ai recenti sviluppi normativi e giurisprudenziali. Partendo da un analisi dell’attività di accertamento, finalizzata al controllo e all’individuazione di eventuali fattispecie evasive o elusive, si svilupperanno le modalità di svolgimento delle indagini istruttorie - con particolare rilievo alle prescrizioni previste dallo Statuto dei diritti del contribuente - illustrando le varie metodologie di controllo e gli strumenti di cui l’amministrazione finanziaria può avvalersi per la determinazione del reddito, sino a giungere alla formazione degli atti con cui l’ufficio, anche in via preventiva, formalizza la sua pretesa. Nella parte centrale, si esamina la disciplina dell’adesione, “quale strumento snello ma, al tempo stesso, garantista, per giungere ad una rapida definizione della pretesa tributaria”, affrontando gli aspetti di fondo dell’istituto, la dibattuta tematica della natura giuridica e il complesso procedimento a seconda che l’iniziativa sia presa dall’ufficio o dal contribuente.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Gianni Infante Contatta »

Composta da 145 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2952 click dal 15/06/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.