Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Totò e la funzione ludica della lingua - l'umorismo della riflessione metalinguistica e dell'ambiguità semantica

la ricerca intende analizzare il particolare utilizzo ludico della lingua che si pone alla base della fama e della fortuna dell'attore comico napoletano Antonio De Curtis, meglio noto come Totò, per giungere a riflettere sulla natura della lingua come importante strumento di coesione sociale, frutto di un accordo tra parlanti che ne stabiliscono leggi imprescindibili, spesso sottintese o sottovalutate.
I giochi linguistici di Totò ben si prestano ad esemplificare quei casi in cui vengono infrante le regole del sistema-lingua; dalla ricerca emerge chiaramente l'ineccepibile dimestichezza di Totò nel trattare ambiguità semantica, pragmatica e linguistica testuale.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. PRESENTAZIONE La ricerca intende analizzare il particolare utilizzo ludico della lingua che si pone alla base della fortuna e della fama dell‟attore comico napoletano Antonio De Curtis, meglio noto come Totò, per giungere ad individuare alcuni aspetti caratteristici del linguaggio verbale umano e della comunicazione interpersonale. Attraverso lo studio delle gag comiche di Totò, a cui qui si guarda come ad un ampio ventaglio di possibilità linguistiche e testuali, è possibile infatti riflettere sulla natura della lingua come importante strumento di coesione sociale frutto di un accordo tra parlanti che ne stabiliscono leggi imprescindibili, spesso sottintese o sottovalutate (e a tal proposito mi sembra particolarmente condivisibile il giudizio di Fabio Rossi, ricercatore di linguistica italiana all‟Università di Messina: «I giochi linguistici sono una lente attraverso la quale si vede meglio il funzionamento di una lingua e le abitudini dei suoi parlanti» 1 ). La scelta di riflettere su questo tema attraverso l‟analisi dei giochi linguistici di Totò è dovuta al fatto che questi ultimi risultano particolarmente funzionali ad esemplificare quei casi in cui vengono infrante le regole del sistema-lingua, e che pertanto debbano essere scongiurati nel corso di un‟ordinaria interazione comunicativa, pena l‟incomprensione e il totale fallimento dell‟atto comunicativo stesso. Nel caso di Totò, risultano particolarmente esilaranti le acrobazie linguistiche dell‟attore, perché contestualizzate all‟interno di una finzione scenica che ne legittima la possibilità e ne sfrutta il risvolto comico; ma se si immagina di trovarsi coinvolti in un tipo di interazione in cui il nostro interlocutore, così come fa Totò, continuamente disattenda le nostre aspettative sull‟andamento della comunicazione, sfruttando l‟ambiguità o infrangendo le regole della pragmatica, ad esempio, è assai probabile che l‟esito della conversazione si riveli tutt‟altro che comico. 1 ROSSI 2002, pag. 33.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Lucia Mattioli Contatta »

Composta da 50 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2305 click dal 09/06/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.