Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La commedia degli equivoci ovvero dell'identità scambiata. Plauto, Shakespeare e Goldoni

La presente è una tesi di letteratura comparata che riguarda il tema del doppio.
Il doppio può essere rappresentato dai gemelli, dalla somiglianza casuale o voluta fra due individui, dall’ombra e dal riflesso, dalla doppia identità all’interno dello stesso individuo. Lo studio è stato quindi svolto partendo dalla considerazione che i gemelli sono una delle possibili varianti del tema del doppio.
La ricerca prende in esame il tema dei gemelli, e la loro identità scambiata, nel contesto della commedia degli equivoci. Le opere considerate sono tre commedie: I Menaechmi di Plauto, The Comedy of Errors di Shakespeare, I due gemelli veneziani di Goldoni; esse appartengono al filone della commedia degli equivoci e prevedono l’utilizzo della coppia gemellare con scopo comico.
Il percorso inizia con Plauto, perché egli fornisce la prima commedia, a noi conosciuta, testimoniante l’utilizzo di due gemelli identici, come vittime di uno scambio di persona, per creare equivoci e il divertimento del pubblico. Plauto è il modello di partenza. Shakespeare e Goldoni si ispirano a lui per creare le loro commedie, la cui trama è identica, ma che in realtà presentano un risultato assolutamente personale.
Le tre commedie possono essere indicate con una sorta di sottotitolo:
Plauto: La commedia dell’identità scambiata.
Shakespeare: La commedia dell’identità perduta e ritrovata.
Goldoni: La commedia dell’identità nascosta.

Le tre opere sono analizzate singolarmente, in tre capitoli distinti, ma caratterizzati dalla stessa struttura e poi confrontate in un capitolo finale intitolato “confronto”.

La ricerca è stata affrontata attraverso l’analisi di testi concernenti diverse discipline:
- la psicanalisi, mi ha fornito le notizie necessarie per trattare il delicato tema dei gemelli, e per comprendere il rapporto che può instaurarsi in una coppia di gemelli monozigoti;
- lo studio del teatro (delle regole teatrali, degli ambienti scenici, del tipo di pubblico che assisteva alle commedie, la frequenza delle rappresentazioni, tradizioni teatrali precedenti, si è reso indispensabile per poter individuare e capire l’ambiente in cui le opere analizzate sono nate e che quindi le ha determinate;
- la storia, per l’approfondimento del contesto storico e sociale che ha influenzato il teatro e la vita dell’autore stesso;
- testi di letteratura comparata sono stati utili per capire le modalità di approccio allo scopo propostomi;
- saggi critici sulle singole commedie mi hanno indirizzato verso l’approfondimento di singoli elementi, evidenziati da questi, che ho utilizzato per cercare la presenza di quegli stessi elementi all’interno delle altre due commedie, con il fine di costruire una struttura comune fra i testi scelti.

Carla Galli

Mostra/Nascondi contenuto.
5 La presente è una tesi di letteratura comparata che riguarda il tema del doppio; questo tema accompagna le vicende dell’uomo fin dall’antichità e si manifesta sotto molteplici aspetti. Nell’ambito letterario siamo in presenza del doppio, quando all’interno dello stesso mondo, creato dalla finzione letteraria, l’identità di un personaggio si duplica e due corpi corrispondono alla stessa identità. Il doppio può essere rappresentato dai gemelli, dalla somiglianza casuale o voluta fra due individui, dall’ombra e dal riflesso che recuperano credenze folcloristiche antiche, dalla doppia identità all’interno dello stesso individuo. I gemelli sono dunque solo una delle possibili varianti del tema del doppio, e se nei miti e nelle religioni essi rappresentavano un prodigio della natura, ed erano portatori di un significato simbolico, con il loro ingresso nella letteratura vengono ad assumere una connotazione, prima comica, diventando spesso vittima del gioco degli equivoci, e in seguito tragica. La ricerca prende in esame il tema dei gemelli, e la loro identità scambiata, nel contesto della commedia degli equivoci. Le opere considerate sono tre commedie: I Menaechmi di Plauto, The Comedy of Errors di Shakespeare, I due gemelli veneziani di Goldoni; esse appartengono al filone della commedia degli equivoci e prevedono l’utilizzo della coppia gemellare con scopo comico. Il tema del doppio presente nelle tre commedie è in tutte lo stesso: i gemelli identici. A sua volta questa prima tipologia si suddivide in altre cinque, e le tre opere appartengono, ancora una volta, alla stessa: i gemelli scambiati 1 . Il metodo comparativo di analisi utilizzato per i testi scelti, è prevalentemente di stampo tipologico, poiché questi presentano lo stesso tema: il doppio gemellare nel contesto teatrale della commedia degli equivoci e il conseguente scambio d’identità. Bisogna però considerare, che è stato utilizzato anche il secondo metodo di confronto, Kontaktstudie, poiché le commedie testimoniano un’influenza per contatto diretto rispetto alla fonte ispiratrice. 1 Per un dettagliato approfondimento della tipologia dei gemelli vedi: capitolo 1, Il tema del doppio.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Carla Cristina Galli Contatta »

Composta da 247 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 43746 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 47 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.