Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo della donna nel movimento pentecostale italiano contemporaneo

L’intenzione di scrivere una tesi sul ruolo delle donne pentecostali, è nata con l’idea di iscrivermi alla Facoltà Pentecostale di Teologia e Scienze Religiose di Aversa.
L’approfondimento di un argomento così specifico era necessario per rispondere ai molti interrogativi personali sulla funzione della donna nella Chiesa. Farlo considerando la prospettiva italiana, era un particolare che intendevo escludere a-priori.
Man mano che la ricerca affondava nelle pieghe di alcune dinamiche del pensiero teologico, però, si rendeva necessario sapere quale significato assumevano quei dati alla luce del pensiero teologico pentecostale in Italia, così da trovare risposte valide agli interrogativi che erano alla base dello studio intrapreso.
Ecco che quello che si presentava come un lavoro di analisi storica si è trasformato, strada facendo, in un lavoro di ricerca. Sono bastati pochi passi per inciampare nello scoglio della mancanza di fonti italiane sull’argomento. È emerso che non solo negli anni passati nessuno ha scritto niente (fatta eccezione di pochi casi rarissimi di tipo dottrinale più che teologico), ma è mancata soprattutto l’elaborazione di una riflessione strutturale che corrispondesse alla realtà spirituale, sociale e culturale della nostra amata Italia.
Tutto quello che si è creduto riguardo alle donne e tutto ciò che è le stato lecito fare o non fare fino ad oggi, è dipeso da pensieri d’importazione, lontani oltremodo dalla chiave di lettura biblica di matrice pentecostale.

Ad oggi c’è una significativa carenza di fonti e documenti in Italia, che spiega il disorientamento e la dispersione di pensiero; causa questa, di una lotta intestina nel mondo pentecostale in tema di donne e di ministero.
Le donne delle nuove generazioni pentecostali che intendono servire Dio in Italia, avanzano interrogativi ai quali bisogna pur dare una risposta che non lascia spazio a dogmi e misteri della fede.
È forse giunto il tempo in cui i Pentecostali decidano d’impegnarsi in un seria osservazione del tema che riguarda l’impegno ministeriale femminile, passando al setaccio ciò che è nodale da ciò che è marginale.
La proposta che una tesi di questo tipo porta con sé, indica alla necessità di elaborare un pensiero sistematico su un tema affrontato solo all’estero, ma non in Italia. Si vuole segnalare, pertanto, la mancanza e il bisogno di riflessione e di interpretazione univoca riguardo al ruolo delle donne nel Movimento Pentecostale italiano contemporaneo. Da questa peculiarità prenderà le mosse il presente lavoro.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 PREFAZIONE L‟intenzione di scrivere una tesi sul ruolo delle donne pentecostali, è nata con l‟idea di iscrivermi alla Facoltà Pente- costale di Teologia e Scienze Religiose di Aversa. L‟approfondimento di un argomento così specifico era ne- cessario per rispondere ai molti interrogativi personali sulla funzione della donna nella Chiesa. Farlo considerando la pro- spettiva italiana, era un particolare che intendevo escludere a- priori. Man mano che la ricerca affondava nelle pieghe di alcune dinamiche del pensiero teologico, però, si rendeva necessario sapere quale significato assumevano quei dati alla luce del pen- siero teologico pentecostale in Italia, così da trovare risposte valide agli interrogativi che erano alla base dello studio intra- preso. Ecco che quello che si presentava come un lavoro di ana- lisi storica si è trasformato, strada facendo, in un lavoro di ri- cerca. Sono bastati pochi passi per inciampare nello scoglio della mancanza di fonti italiane sull‟argomento. È emerso che non solo negli anni passati nessuno ha scritto niente (fatta ec- cezione di pochi casi rarissimi di tipo dottrinale più che teolo- gico), ma è mancata soprattutto l‟elaborazione di una riflessio- ne strutturale che corrispondesse alla realtà spirituale, sociale e culturale della nostra amata Italia. Tutto quello che si è creduto riguardo alle donne e tutto ciò che è le stato lecito fare o non fare fino ad oggi, è dipeso da pensieri d‟importazione, lontani oltremodo dalla chiave di let- tura biblica di matrice pentecostale.

Laurea liv.I

Facoltà: Teologia

Autore: Silvia Di Biasi Contatta »

Composta da 52 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1347 click dal 09/06/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.