Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Endotelina e invecchiamento: caratterizzazione dei recettori cardiaci dell’endotelina in funzione dell’età in un modello sperimentale animale

Introduzione: Molti processi fisiologici presentano modificazioni in funzione dell’invecchiamento, la cui entità è caratteristica del tipo di processo. A livello cardiovascolare, l’invecchiamento, che può essere considerato come un fattore di rischio indipendente, provoca variazioni nella struttura e funzione dei vasi che portano ad un aumento dell’incidenza di alcune malattie cardiovascolari, come l’ipertensione, l’aterosclerosi e lo scompenso cardiaco. L’invecchiamento sembra essere associato con una riduzione progressiva della vasodilatazione endoteliodipendente, probabilmente per una riduzione nella sintesi o nel rilascio endoteliale di monossido di azoto, e con un parallelo aumento nella produzione di fattori vasocostrittori, come l’endotelina (ET)-1. Per quanto riguarda l’endotelina, nell’anziano, i livelli circolanti di questo peptide presentano un piccolo, ma significativo aumento rispetto ai soggetti giovani. Inoltre, variazioni nella risposta all’ET-1 a livello delle cellule muscolari lisce vascolari suggeriscono la possibilità di modificazioni dei recettori specifici.

Modificazioni dei recettori dell’ET-1 sono particolarmente importanti per le numerose, e talvolta contrapposte, funzioni biologiche indotte dall’endotelina e mediate dai suoi due recettori principali: gli ET-A, localizzati sulle cellule muscolari lisce e responsabili della risposta costrittrice, e gli ET-B che hanno una duplice azione; essi, infatti, sulle cellule endoteliali, mediano l’azione vasodilatante dell’endotelina, mentre sulle cellule muscolari lisce contribuiscono all’effetto vasocostrittore.
Scopo: Scopo di questo lavoro di tesi è lo sviluppo di un metodo per la valutazione dei parametri di legame dell’endotelina nel tessuto cardiaco di ratto e la sua applicazione a un protocollo sperimentale rivolto a valutare le modificazione dell’assetto recettoriale dell’endotelina in funzione dell’età.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 CAPITOLO 1 Introduzione L’endotelina-1 (ET-1) è un peptide, isolato inizialmente da cellule endoteliali, che esercita una grande varietà di azioni biologiche, mediate da due recettori, appartenti alla famiglia dei recettori accoppiati alle proteine G e espressi in molti tessuti, fra cui il tessuto cardiaco. L’endotelina oltre alla ben nota potente azione di vasocostrizione, ha effetti inotropi sul cuore, modula l’omeostasi idro-salina, agisce come fattore di crescita cellulare, e, come altre sostanze prodotte dall’endotelio, sembra avere un ruolo importante nella regolazione del tono vascolare e della pressione sanguigna nei soggetti normali. Il processo di invecchiamento sembra essere associato con una diminuzione della produzione endoteliale di sostanze con attività dilatatoria come il monossido di azoto (NO) e con un parallelo aumento di fattori contratturanti come l’endotelina. La conoscenza delle alterazioni di questi effettori in funzione dell’età, oltre a permettere di chiarire i meccanismi legati alla disfunzione endoteliale che accompagna il processo di invecchiamento, potrebbe permettere di valutare l’efficacia di interventi volti a ritardare tale processo, quali i regimi dietetici a basso contenuto calorico, che, in modelli animali, si sono mostrati capaci di rallentare i processi primari dell’invecchiamento.

Diploma di Laurea

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Maristella Maltinti Contatta »

Composta da 98 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1027 click dal 24/06/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.