Skip to content

Paradisi Fiscali e Rapporti Tributari Internazionali

Informazioni tesi

  Autore: Mauro La Porta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: UniCusano - Università degli Studi Niccolò Cusano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Carla Lollio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 99

Negli ultimi anni, nei Paesi in cui la pressione fiscale, in aggiunta alla più recente crisi economica, tendono ad assumere sempre maggiore consistenza, si ha avuto modo di riscontrare un sempre più ampio ricorso a pratiche tendenti all’evasione ed elusione fiscale, la cui attuazione avviene, anche, tramite l’ausilio dei c.d. paradisi fiscali, constatando che il “fascino” delle giurisdizioni offshore non si limita alla sola bassa imposizione fiscale, ma comprende anche, la garanzia dell’anonimato, l’assenza di controlli e di verifiche bancarie, ovvero, il luogo ideale per collocare le proprie attività, e sfuggire ad ogni sorta di onere fiscale.
L'incremento delle transazioni internazionali, l'esponenziale crescita dei gruppi multinazionali, unite alle contemporanee liberalizzazioni finanziarie, hanno di concerto generato nuovi scenari caratterizzanti l'elusione e l'evasione fiscale nei rapporti tributari internazionali, non più riguardanti solamente soggetti economici svolgenti attività di impresa, ma anche persone fisiche che, attraverso opportuni mutamenti di residenza, cercano di collocare la propria sfera giuridico-fiscale in tali luoghi definiti “Tax e Bank Havens”, ovvero, paradisi finanziari, i quali alimentano il dibattito politico economico e sociale, in quanto divenuti fenomeni ad altissima diffusione, sia in un ottica interna che internazionale.
Difatti, risultano numerose le persone fisiche e giuridiche che cercano di occultare in tutto o in parte i propri redditi alle autorità pubbliche (fiscali, finanziarie, giudiziarie, di polizia), senza poi escludere che possa trattarsi, sia di redditi percepiti in maniera lecita, ma con il fine deliberato di sfuggire alle legislazioni fiscali e sociali, limitando l’imposizione fiscale, ma che in altri casi, vi possono essere anche redditi di natura illecita, frutto di traffico d’armi, droga, contrabbando, abuso di beni societari, che tendenzialmente alimentano flussi di capitali, destinati ad incrementare la ramificazione delle criminalità organizzate su scala mondiale.
Di recente, l'attenzione delle amministrazioni fiscali dei paesi più industrializzati si è particolarmente orientata verso lo studio di soluzioni idonee a limitare il ricorso a tali condotte, riguardanti “la fuga” della materia imponibile o del contribuente ma che, tuttavia, vengono ostacolate solo in parte dal proliferare di ricercate normative mirate a limitarne l’effettiva utilizzazione.
Prima della recente crisi economica, i governi nazionali non hanno sempre condotto delle politiche aggressive contro i paradisi fiscali, ma è prevalso un approccio non coordinato che si è basato sul diffondersi di misure unilaterali, intese si a scoraggiarne l’uso, ma che in assenza di una fitta collaborazione internazionale, ha portato ad un relativo controllo sui movimenti dei capitali, con ridotti risultati evidenti.
L’oggetto della presente tesi è quello di analizzare la normativa dettata dal legislatore tributario italiano, per arginare il fenomeno dell'evasione e dell'elusione sia in ambito interno che nei rapporti tributari internazionali, e di valutare se tale normativa risulti idonea a reprimere i comportamenti che il soggetto, persona fisica o giuridica, può porre in atto per sottrarsi dal carico tributario.
Il fenomeno in esame, viene collocato nell'uso dei paradisi fiscali, che nell’analisi delle sue strutture economiche, giuridiche e fiscali, tende a fornire quelle che sono le motivazioni che lo rendono il luogo ideale, in cui affluiscono le più svariate attività economiche e finanziarie, passando anche dall’evoluzione storica, che ha preceduto e posto le basi relative alla forma e costruzione attuale.
Inoltre, risulta di ovvia pertinenza la valutazione e l’analisi della normativa volta al contrasto dei paradisi fiscali, nell’ottica sia internazionale che interna, senza tralasciare quelli che sono i più recenti interventi normativi in materia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Prefazione Negli ultimi anni, nei Paesi in cui la pressione fiscale, in aggiunta alla più recente crisi economica, tendono ad assumere sempre maggiore consistenza, si ha avuto modo di riscontrare un sempre più ampio ricorso a pratiche tendenti all’evasione ed elusione fiscale, la cui attuazione avviene, anche, tramite l’ausilio dei c.d. paradisi fiscali, constatando che il “fascino” delle giurisdizioni offshore non si limita alla sola bassa imposizione fiscale, ma comprende anche, la garanzia dell’anonimato, l’assenza di controlli e di verifiche bancarie, ovvero, il luogo ideale per collocare le proprie attività, e sfuggire ad ogni sorta di onere fiscale. L'incremento delle transazioni internazionali, l'esponenziale crescita dei gruppi multinazionali, unite alle contemporanee liberalizzazioni finanziarie, hanno di concerto generato nuovi scenari caratterizzanti l'elusione e l'evasione fiscale nei rapporti tributari internazionali, non più riguardanti solamente soggetti economici svolgenti attività di impresa, ma anche persone fisiche che, attraverso opportuni mutamenti di residenza, cercano di collocare la propria sfera giuridico-fiscale in tali luoghi definiti “Tax e Bank Havens”, ovvero, paradisi finanziari, i quali alimentano il dibattito politico economico e sociale, in quanto divenuti fenomeni ad altissima diffusione, sia in un ottica interna che internazionale. Difatti, risultano numerose le persone fisiche e giuridiche che cercano di occultare in tutto o in parte i propri redditi alle autorità pubbliche (fiscali, finanziarie, giudiziarie, di polizia), senza poi escludere che possa trattarsi, sia di redditi percepiti in maniera lecita, ma con il fine deliberato di sfuggire alle legislazioni fiscali e sociali, limitando l’imposizione fiscale, ma che in altri casi, vi possono essere anche redditi di natura illecita, frutto di traffico d’armi, droga, contrabbando, abuso di beni societari, che

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

trust
paradisi fiscali
principi di fiscalita
treaty shopping
elusione
tax
evasione
scudo fiscale
tributario
offshore
imposta
ocse
haven
black costs
internazionale
fiscalità
transfer price
bank
tassa
thin capitalization

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi