Skip to content

La Direttiva Rimpatri: Test case della procedura di codecisione in materia di immigrazione

Informazioni tesi

  Autore: Emanuela Anna Canetta Rossi Palermo
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Diritto Internazionale - Curriculum di Diritto dell'Unione Europea
Anno: 2009
Docente/Relatore: Bruno Nascimbene
Correlatore: MarcoPedrazzi
Istituito da: Università degli Studi di Milano
Dipartimento: Diritto Internazionale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 275

Il presente lavoro analizza la disciplina comunitaria in materia di rimpatrio concentrandosi sulla cd. Direttiva Rimpatri (2008/115).
Lo studio di questa misura è interessante perché si tratta della prima proposta legislativa in materia di immigrazione a cui è stata applicata la procedura di codecisione. Rispetto alla procedura vigente della consultazione, alla quale si accompagna la regola delle votazioni all’unanimità, la codecisione, prevedendo invece la regola della maggioranza, permetterebbe un più rapido raggiungimento dell’accordo necessario per l’adozione della legislazione comunitaria. Inoltre tale procedura, stabilendo che Parlamento e Consiglio sono co-legislatori, porterebbe ad un processo più “democratico” di redazione dei testi legislativi.
Il lavoro analizza dapprima la storia dello sviluppo delle competenze comunitarie in materia di immigrazione e poi, più in particolare, il processo di definizione della politica di rimpatrio. Si procede poi ad un excursus sul diritto comunitario e la protezione dei diritti fondamentali, tema a cui il Parlamento dedica particolare attenzione. La ricerca si concentra in seguito sulla Direttiva Rimpatri come test-case della procedura di codecisione analizzando l’aspetto della rapida composizione degli interessi contrastanti, della redazione più “democratica” del testo legislativo e del rispetto dei diritti fondamentali. Infine, si traggono conclusioni sulle prospettive e tendenze legislative in questo campo considerando che, per quel che riguarda la politica di immigrazione e la gestione efficiente dei flussi migratori, è sicuramente necessario il raggiungimento di ulteriori traguardi affinché lo spazio di libertà, sicurezza e di giustizia sia completato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Oggi in Europa vivono approssimativamente 5.5 milioni di immigrati in posizione irregolare 1 . L‘elemento che accomuna questa categoria di persone corrisponde al fatto di non possedere, o non possedere più, un valido titolo per poter entrare e risiedere in uno Stato membro dell‘Unione europea 2 . Tuttavia queste persone possono ritrovarsi in situazioni molto diverse fra loro che corrispondono ai casi di scadenza del visto o del permesso di soggiorno (cd. over stayers), di ritiro del visto o permesso per ragioni di ordine pubblico o sicurezza nazionale, di mancata accoglienza della domanda di asilo. Inoltre un cittadino di paese terzo potrebbe trovarsi da sempre in posizione irregolare nell‘Unione europea nel caso di attraversamento irregolare delle frontiere. Qualora i cittadini dei paesi terzi non lascino volontariamente il territorio in cui si trovano senza diritto, l‘autorità pubblica procede coattivamente alla loro espulsione al di fuori dell‘Unione europea. Il presente lavoro intende analizzare la disciplina comunitaria in materia di rimpatrio concentrandosi sulla Direttiva 2008/115 recante norme e procedure comuni applicabili negli Stati membri al rimpatrio di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare, cd. Direttiva Rimpatri 3 . Diverse espressioni sono utilizzate, sia a livello comunitario che a livello nazionale, in riferimento alle persone che non soddisfano o non soddisfano più le condizioni per l‘ingresso e il soggiorno in uno Stato membro dell‘Unione europea: ―non autorizzati‖, ―irregolari‖, ―illegali‖, ―clandestini‖. Non essendovi una definizione univoca di questi termini, in questo lavoro si è preferito utilizzare il termine ―irregolare‖. Tuttavia sarà riportato anche il termine ―illegale‖, spesso criticato per la marcata connotazione negativa, qualora questo sia menzionato dai documenti oggetto di studio. Inoltre, al termine ―rimpatrio‖ si affiancano altre 1 Data la situazione di irregolarità di questo gruppo di persone è estremamente difficile raccogliere dati affidabili e solo stime approssimative sono disponibili. Cfr. Risoluzione 1568/2007 del Consiglio d‘Europa ―Regularisation programmes for irregular migrants‖: ―Some estimates indicate that there may be as many as 5.5 millions irregular migrants in the European Union alone‖. 2 Il presente lavoro non si occupa degli spostamenti dei cittadini comunitari all‘interno del territorio dell‘Unione europea, fenomeno a cui si fa riferimento con il diverso termine ―mobilità‖. 3 GUCE L 348 del 24 dicembre 2008.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

espulsione
direttiva 2008 115
illegali
rimpatri
flussi migratori
schengen
cittadini dei paesi terzi
codecisione
irregolari
ingresso
visti
visto
ingressi
carta europea
immigrazione
direttiva 115/2008
rimpatrio
espulsioni
immigrati
diritti fondamentali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi