Skip to content

Il nuovo framework sul rischio di liquidità delle banche

Informazioni tesi

  Autore: Concetta Scapellato
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Sebastiano  Mazzù
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 37

In risposta a quanto previsto dalla nuova disciplina, l’ABI ha inviato alle competenti autorità di vigilanza i position paper riportanti la posizione dell’industria bancaria italiana. In particolare, si evidenzia: l’importanza della valutazione di impatto sulla redditività e stabilità dei singoli intermediari e sul quadro macroeconomico nazionale e internazionale; l’auspicio di una ampia adesione al nuovo framework e di una sua armonizzata entrata in vigore a livello globale e non solo di Zona Euro; la necessità di assicurare il level playing field tra giurisdizioni e classi di intermediari finanziari tenendo in adeguata considerazione le peculiarità nazionali. Nel documento di consultazione, ad esempio, non trovano appropriata declinazione le particolarità giuridiche e operative delle banche di credito cooperativo e della loro organizzazione a rete; i position paper fanno presente che, relativamente ai buffer, tali banche già adottano un sistema di capital conservation rappresentato dall’obbligo di appostazione del 70% degli utili prodotti a riserva e presentano dei limiti strutturali e legali alla capacità di porre in essere operazioni di aumento di capitale.
Una normativa omogenea applicata a contesti eterogenei rischia di ingenerare, contrariamente all’obiettivo dichiarato, un unlevel playing field.
È necessario che le nuove proposte portino a una migliore qualità del capitale senza imporre penalizzazioni su strumenti che nella realtà italiana sono equiparabili agli elementi indicati come computabili dal nuovo framework (azioni di risparmio, azioni privilegiate, azioni delle banche di credito cooperativo).
Per le banche italiane assume una valenza fondamentale la computabilità delle poste relative alla fiscalità anticipata (generata, ad esempio, da svalutazione dei crediti, accantonamenti al fondo rischi e oneri) per le quali Basilea III prevede la deduzione dal capitale; altre deduzioni dal common equity, ritenute particolarmente penalizzanti e che comporterebbero effetti distorsivi sulla concorrenza tra conglomerati finanziari, sono quelle relative agli interessi di minoranza e alle partecipazioni in banche, finanziarie e assicurazioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La congiuntura economica che stiamo attraversando trova le sue origini nella crisi finanziaria provocata dallo scoppio della bolla dei mutui sulle abitazioni. In seguito al rialzo dei tassi ufficiali d’interesse, varato dalla Federal Reserve nel tentativo di contenere le pressioni inflazionistiche, sul mercato immobiliare si registra una flessione, sia nelle nuove costruzioni sia nelle vendite, e la straordinaria scalata dei prezzi delle abitazioni si arresta. Il rialzo dei tassi unito ad un rallentamento ciclico dell’economia provoca una brusca impennata delle insolvenze nel settore dei mutui ipotecari. Si tratta dei cosiddetti mutui subprime, prestiti immobiliari concessi a soggetti con basso merito creditizio, una particolare categoria di tali mutui è costituita dai prestiti NINJA (no income, no job, no assets), nei quali l’unica garanzia per la banca erogatrice è data dal valore dell’immobile oggetto del mutuo. Simultaneamente all’utilizzo di tali prestiti, si diffonde il modello di intermediazione originate-to-distribute (crea e distribuisci). Tale modello ha permesso agli intermediari di cartolarizzare il credito e distribuirlo al mercato sotto forma di prodotti strutturati, asset backed securities (ABS), il cui valore è ancorato ad un pool di attività sottostanti (più o meno sicure, più o meno “pulite”) e garantito da crediti detti CDS (credit default swap). Gli intermediari che avevano acquistato titoli strutturati il cui sottostante comprendeva anche mutui subprime, sono costretti a svalutare il proprio attivo subendo un forte calo dei corsi azionari. In un quadro di accentuata integrazione dei mercati, la crisi si propaga ben presto all’Europa dove sono numerosi gli intermediari che detengono in portafoglio titoli strutturati basati su prestiti subprime. A causa della crescente percezione del rischio di controparte e dell’aumento della domanda di liquidità a fini precauzionali da parte delle banche, il mercato interbancario è sottoposto a forti tensioni: la liquidità “evapora”; le banche rifiutano di prestare i fondi in eccesso ad altri operatori bancari; il tasso overnight registra una brusca impennata.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

basilea iii
rischio di liquidità
net stable funding ratio
liquidity coverage ratio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi