Skip to content

Lo studio dell’affaticamento e gli effetti sulla percezione visiva di un conducente alla guida attraverso applicazioni sul campo e con l’utilizzo del simulatore.

Informazioni tesi

  Autore: Maria Grazia Carta
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Tecnica ed Economia dei Trasporti
Anno: 2010
Docente/Relatore: Paolo Fadda
Istituito da: Università degli Studi di Palermo
Dipartimento: DITRA - Dipartimento Trasporti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 196

La ricerca svolta nell’ambito dei tre anni del dottorato è stata finalizzata allo studio della percezione e comprensione da parte degli utenti posti di fronte alla segnaletica verticale. Allo scopo di studiare come l’occhio del guidatore si muova alla ricerca delle informazioni necessarie alla guida (come quelle provenienti dalla segnaletica verticale) è stato utilizzato l’oculometro (Eye Tracker) il quale consente di tracciare il movimento degli occhi di chi lo indossa. L’utilizzo dello strumento alla guida in “ambiente reale” ha consentito di eliminare i gap dovuti alla realtà simulata in modo da definire il tempo necessario al guidatore per percepire e comprendere il significato di un segnale stradale. Seguendo un filone già avviato in sede di tesi di laurea l’attenzione è stata rivolta in particolare agli effetti della segnaletica “intelligente”, i pannelli a messaggio variabile, sul normale comportamento di guida dell’automobilista e su come questi influenzino la corretta interpretazione della via di marcia. Questi dispositivi oggigiorno sono sempre più diffusi in Italia e nel resto del mondo; tale “successo” è dovuto principalmente alla loro versatilità di utilizzo: essi consentono di inviare informazioni di varia natura agli automobilisti principalmente per quanto concerne condizioni della circolazione, ingorghi, chiusure al traffico ecc.
I primi test svolti su automobilisti, intervistati immediatamente dopo il passaggio sotto due pannelli localizzati in due punti diversi della città di Brescia, hanno evidenziato una generale disattenzione verso tali dispositivi. Tale fattore è stato ulteriormente confermato dal fatto che la maggioranza di tali automobilisti, “abituali” del percorso, non ricordavano neanche la presenza di un pannello con quelle caratteristiche nelle immediate vicinanze del luogo, nonostante fossero lì presenti da una decina di anni. Tale fatto è stato attribuito alla cattiva abitudine di inviare messaggi ritenuti privi di interesse immediato per gli automobilisti.
Alla luce di quanto riscontrato nell’indagine svolta a Brescia la prima applicazione con l’oculometro è stata indirizzata a verificare il livello di percezione dei guidatori di fronte a tali dispositivi, confermando ulteriormente quanto già emerso dall’indagine precedente. Sulla base di quanto riscontrato in questi primi esperimenti l’analisi è stata indirizzata a determinare in maniera quantitativa il tempo necessario agli utenti per leggere un messaggio composto da 4 righe. Allo scopo di definire tale variabile ai guidatori è stato detto espressamente di leggere il messaggio proiettato nel pannello e di ripeterlo a voce alta al fine della registrazione. Sulla base dei dati provenienti da quest’ultima applicazione è scaturito come per gli automobilisti sia necessario un tempo attorno ai 3 secondi per leggere e ripetere un messaggio composto da 4 righe con un numero di parole variabili da 4 a 5. Tale intervallo di tempo risulta di gran lunga superiore all’”intervallo sicuro”, definito in letteratura pari a 0,7-0,8 secondi, per il quale un’automobilista può distogliere lo sguardo dalla sua visione principale senza che questo crei eccessivo pericolo. Tale ampio intervallo di lettura è da imputare al fatto che l’automobilista si deve confrontare, costantemente, con una serie di informazioni provenienti dall’ambiente circostante che possono ulteriormente distoglierlo dagli obiettivi principali. Per esempio, in ambito urbano la presenza di pedoni, intersezioni a raso, semafori, ecc. obbliga l’automobilista a selezionare maggiormente gli input provenienti dall’esterno e a catalogarli in funzione della loro importanza. Dalla ricerca scaturisce quindi la necessità, in primo luogo, di inviare messaggi ritenuti utili per gli automobilisti scartando tutti quelli che sovrapponendosi al campo di visuale possono con il tempo andare a far parte dello sfondo indistinto dell’ambiente di marcia o per contro ostacolare la corretta percezione di tutti gli “stimoli” fondamentali per la guida in sicurezza. In conclusione questa tesi di dottorato vuole porre le basi per la definizione di un protocollo di ricerca nel campo della sicurezza attiva volto al dimensionamento della segnaletica verticale ed in generale a tutti gli strumenti di invio delle informazioni al conducente. In futuro sulla base di questa esperienza sarà possibile implementare i dati in maniera tale da tener conto, per la determinazione del tempo di lettura, di ulteriori variabili come l’età e la capacità visiva, che inevitabilmente incidono nella corretta percezione e comprensione del testo. Applicazioni future, che prevedono anche l’utilizzo del simulatore, dovranno confermare questi risultati, inoltre, la flessibilità di utilizzo di tale strumento permetterà di riprodurre una serie di condizioni non altrimenti riproducibili con i test alla guida.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa 1 Premessa La presente Tesi scaturisce dall’esperienza maturata durante i tre anni di Dottorato in Tecnica ed Economia dei Trasporti dell’Università degli Studi di Palermo e la consorziata Università di Cagliari, specificatamente nel campo della sicurezza dei trasporti. L’iniziale obiettivo della ricerca era volto ad approfondire la tematica inerente il decadimento delle capacità psico-fisiche dei conducenti di ralla portuale; problemi di natura tecnica hanno ritardato la consegna del simulatore e hanno reso di fatto impossibile la completa ed esaustiva applicazione della ricerca esclusivamente in tale campo. A seguito dell’acquisto da parte dell’Università di Cagliari dell’oculometro “EyeTracker” la ricerca è stata ampliata e rivolta allo studio della percezione visiva del conducente alla guida: l’utilizzo dell’oculometro alla guida in ambiente reale consente di eliminare i gap dovuti alla realtà simulata e porta alla definizione di un protocollo di ricerca nel campo della sicurezza attiva volto alla definizione del tempo di fissazione/concentrazione del guidatore sul segnale stradale. Seguendo un filone già avviato in sede di tesi di laurea l’attenzione è stata concentrata sugli effetti della segnaletica “intelligente”, i pannelli a messaggio variabile, sul normale comportamento di guida dell’automobilista e come questi influenzino la corretta interpretazione della via di marcia. Questi dispositivi oggigiorno sono sempre più diffusi in Italia e nel resto del mondo; tale “successo” è dovuto principalmente alla loro versatilità di utilizzo: essi consentono, infatti, di inviare informazioni di varia natura agli automobilisti principalmente per quanto concerne condizioni della circolazione, ingorghi, chiusure al traffico ecc. Nella presente tesi si è voluta porre l’attenzione in particolare sulla sicurezza attiva e il suo ruolo direttamente connesso con l’errore umano. La maggior parte degli incidenti, difatti, risulta fortemente connessa alla mansione dell’operatore ed al ruolo centrale che questo ha nel delicato rapporto esistente tra uomo-veicolo e strada. In merito esistono numerose statistiche che confermano come un sovraccarico o un sottocarico di lavoro crei degli scompensi nella corretta interpretazione degli input provenienti dall’ambiente di guida, risulta di conseguenza molto importante definire al meglio la corretta modalità di invio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

percezione
tempo di lettura
eye tracker
segnaletica stradale
simulatore
variable message signs
pannelli a messaggio variabile

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi