Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Effetto di alcuni farmaci per uso umano sulla qualità ecosistemica del Fiume Arbia (SI)

La qualità ambientale dei corsi d’acqua è inevitabilmente legata all’impatto antropico. Alla comune percezione del problema, come pure alla legislazione in materia, sfugge però il ruolo di una categoria di contaminati di cui ognuno è potenziale e inconsapevole fonte: i farmaci. Questa classe di composti assume elementi di criticità ambientale proprio per l’enorme quantitativo rilasciato in continuo dagli scarichi civili, passando per impianti di depurazione inadeguati a ridurne significativamente il carico o a disattivarne le proprietà chimiche. Questo studio si è avvalso di dati sulle concentrazioni di alcuni principi attivi in uscita dal depuratore di Ponte a Tressa (Siena) nel Fiume Arbia, frutto di un precedente lavoro di tesi svolto presso Università di Siena, come punto di partenza per un’indagine su pericolo e rischio ambientali. Per la stima delle concentrazioni dei farmaci (Carbamazepina, Ciprofloxacina, Claritromicina, Diazepam, Eritromicina, Furosemide, Ibuprofene, Lincomicina) nei tratti d’asta fluviale successivi all’immissione, è stato fatto ricorso alla modellistica ambientale e, in particolare, al software EQC (EQuilibrium Criterion) Model, modello di fugacità sviluppato dalla Trent Univeristy (Canada). La simulazione è stata protratta fino alla confluenza dell’Arbia nel Fiume Ombrone. I dati ottenuti dalla simulazione sono stati confrontati con il criterio di qualità (CQ), elaborato con il metodo HCP (Hazardous Concentration for p % of species), per il calcolo della percentuale di specie esposte a pericolo alle concentrazioni stimate. È stato inoltre determinato il grado di selettività (GS) dei composti come misura della specificità dell’azione tossica esplicata. L’analisi del rischio è stata condotta, con metodo ranking (Scoring approach), ove sia stata rilevata una situazione di pericolo potenziale. Dai risultati ottenuti, il Fiume Arbia risulta esposto a una condizione di rischio ambientale per tutto il tratto studiato, con potenziali ripercussioni sull’ecosistema acquatico del Fiume Ombrone. È stata inoltre constatata una possibile correlazione tra entità del rischio e grado di selettività dei principi attivi.
È auspicabile che questo studio e l’approccio proposto possano essere, con adeguate risorse e informazioni disponibili, ulteriormente sviluppati e approfonditi come contributo alla soluzione del problema della contaminazione ambientale da farmaci.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. INTRODUZIONE L'acqua non è un prodotto commerciale al pari degli altri, bensì un patrimonio che va protetto, difeso e trattato come tale. Questa è la considerazione di principio che Parlamento Europeo e Consiglio dell’Unione Europea esprimono in apertura della direttiva quadro 2000/60/CE per l’azione comunitaria in materia di acque. La natura di bene primario, di risorsa insostituibile e inalienabile dell’elemento acqua prescinde, infatti, da qualunque considerazione e azione di tipo politico o economico e come tale è avvertita da qualunque essere vivente sin dalla nascita. Altrettanto salda nei principi di chiunque di noi è la necessità di salvaguardare tale patrimonio tanto da inutili sprechi quanto da imperdonabili alterazioni ecologiche e depauperamento. Le fonti d’inquinamento, ben presenti nella percezione comune del problema, vanno dall’industria con i suoi scarichi, all’agricoltura intensiva con i suoi pesticidi ed erbicidi, all’uso diffuso di prodotti e sostanze di utilità quotidiana. Le campagne di sensibilizzazione ad opera di enti e amministrazioni contribuiscono ad aumentare conoscenza e consapevolezza dei rischi e delle misure di buon senso e responsabilità che possano ridurne il pericolo; le normative comunitarie, nazionali e locali indicano le prescrizioni e definiscono obiettivi di qualità da perseguire. Uno dei più diffusi elementi di potenziale rischio per la qualità delle acque e di conseguenza di tutto l’ecosistema è però tanto presente nella vita di ognuno quanto in gran parte trascurato da opinione pubblica e normative di settore: i farmaci e i loro metaboliti. 1.1 I farmaci e le loro fonti In Italia, l’Osservatorio sull’Impiego dei Medicinali ha rilevato nel decennio 2000-2009 un aumento del consumo di farmaci del 60%, con una media annua del 5% circa, e un ulteriore incremento delle quantità prescritte nei primi nove mesi del 2010, con 954 dosi ogni mille abitanti (Gruppo di lavoro OsMed, 2010a; Gruppo di lavoro OsMed, 2010b). A questi vanno aggiunti i farmaci senza obbligo di prescrizione (SOP) e quelli per automedicazione o da banco (OTC). Parte di questa enorme mole di prodotti resta inutilizzata e – se indesiderata o scaduta – è smaltita nella maggior parte dei casi in maniera impropria, nella spazzatura o negli scarichi domestici. Lo smaltimento improprio è una fonte di contaminazione di sicura rilevanza ma la cui significatività relativa è ancora scarsamente compresa; non è noto, infatti, quale percentuale di un

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Lorenzo Sevi Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 701 click dal 15/06/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.