Skip to content

L'implementazione del SISTRI nella tracciabilità dei rifiuti: vantaggi e criticità

Informazioni tesi

  Autore: Angela Flocco
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Alberto Simboli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 157

La corretta gestione dei rifiuti è un argomento a cui si sta dando sempre maggiore importanza per ridurre l'impatto ambientale e per trasformare i rifiuti in una risorsa riutilizzabile sia attraverso il riciclo o altre forme di recupero sia attraverso la produzione di energia. Per queste ragioni è importante avere informazioni sui rifiuti. Il Ministero dell'Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare ha istituito, pertanto, il SISTRI (il sistema telematico di tracciabilità dei rifuti) al fine di favorire la raccolta di questi dati. Con il SISTRI, previsto dal d.lgs 205/2006, ci sarà la sotrituzione dei vecchi metodi cartacei, complessi e con lunghi tempi di rielaborazione con un sistema informatico più snello e veloce. Questo porterà diversi vantaggi in termini di semplificazione burocratica per la Pubblica amministrazione, semplificazione degli adempimenti e dei costi per le imprese e lotta alla criminalità organizzata legata alla gestione dei rifiuti grazie al monitoragio costante dei rifiuti dal luogo di produzione a quello di destinazione. Con questo nuovo sistema le imprese si trovereanno a rivoluzionare il loro sistema di gestione e registrazione dei rifiuti: prima le categorie d’imprese indicate nell’art. 189 comma 3 del D.lg. 152/2006 erano obbligate a comunicare annualmente alle CCIAA territorialmente competenti la quantità e la qualità di rifiuti prodotti dalla loro attività attraverso il modello unico di dichiarazione ambientale (MUD). Al fine di questa comunicazione annuale al Catasto dei rifiuti esse dovevano tenere un registro di carico e scarico sul quale annotare la quantità e le caratteristiche qualitative dei rifiuti prodotti nei termini previsti dall’art.190 del D.lg. 152/2006. Infine il trasporto di questi rifiuti era accompagnato da un formulario d’identificazione come previsto dall’art.193 della stessa legge. Con il SISTRI si andrà a semplificare questa procedura con delle semplici operazioni da svolgersi su una piattaforma istituta dal Ministero. Per operare in SISTRI occorrono un pc e un collegamento ad internet, una chiavetta USB, fornita dal Ministero tramite le CCIAA, che serve all'operatore per accadere in sicurezza al sistema e compiere le operazioni per la tracciabilità dei rifiuti, una black box da istallarsi su ogni veicolo addetto al trasporto dei rifiuti, che ha al suo interno un sistema GPS per controllore i rifiuti durante il loro percorso, e delle apparecchiature di videosorveglienza per il controllo dei veicoli all'ingresso a all'uscita dagli impianti di smaltimento/recupero. Non sono stati pochi i disagi nella fase d'implementazione di questo nuovo sistema, basti pensare che l'entrata in vigore è stata prorogata per ben quattro volte, l'ultimo decreto miniteriale ha pervisto la piena operatività per tutte le imprese coinvolte al 1° gennaio 2012. Queste proroghe sono state causate da diverse inefficienze nella distribuzione dei dispositivi, nel loro funzionamento e nel funzionamento della piattaforma. Le imprese hanno incontratto numerosi difficoltà nella fase di sperimentazione a causa dei molti casi in cui ci si può trovare nella movimentazione dei rifiuti e dei ritardi nella pubblicazione del manuale operativo che esplica le diverse procedure che bisogna attuare. Inoltre le PMI, gli artigini e gli agricoltori sono i più svantaggiati perchè dovranno supportare maggiori costi, non solo per l'iscrizione ma anche per la dotazione di un sistema ADSL e per la formazione nell'utilizzo delle tecnologie informatiche o per l'assunzione di personale addetto. Infine il sistema non raggiungerebbe appieno il suo obbiettivo di lotta alla criminaltà in questo settore perchè ad essere tracciati saranno soltanto i veicoli italiani e il monitoraggio avverrà soltanto nella fase di movimentazione e non all'interno degli impianti di recupero/smaltimento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il decreto ministeriale del 17 dicembre 2009 ha istituito il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, il SISTRI. Questo nuovo sistema di monitoraggio dei rifiuti ha creato, e sta tuttora creando, non pochi problemi per tutti quei soggetti che si vedono obbligati a passare dai vecchi metodi cartacei (MUD, formulario d’identificazione e re- gistro di carico e scarico) al SISTRI. Le imprese, infatti, si trovano a rivoluzionare il loro sistema di gestione e registrazione dei rifiuti: prima del SISTRI le categorie d’imprese indicate nell’art. 189 comma 3 del D.lg. 152/2006 erano obbligate a comunicare annualmente alle Camere di Commercio, Industria, Agricoltura e Artigianato territorialmente competenti la quantità e la qualità di rifiuti prodotti dalla loro attività attraverso il Modello Unico di Dichiarazione ambienta- le (MUD), come previsto dal D.lgs. 22/1997 e successive modiche e integrazioni. Al fi- ne di questa comunicazione annuale al Catasto dei rifiuti esse dovevano tenere un regi- stro di carico e scarico sul quale annotare la quantità e le caratteristiche qualitative dei rifiuti prodotti nei termini previsti dall’art.190 del D.lg. 152/2006. Infine il trasporto di questi rifiuti era accompagnato da un formulario d’identificazione come previsto dall’art.193 della stessa legge. Il tutto si accompagnava e si accompagna a sistemi En- terprise Resourse Planning (ERP) ambientali che gestiscono, attraverso un sistema di omologhe, la definizione e la mappatura del rifiuto, dalla produzione alla destinazione, garantendo la piena tracciabilità delle lavorazioni all’interno dell’azienda. Il SISTRI si inserisce in maniera violenta in questo sistema poiché prevede, per i sog- getti obbligati e quelli che aderiscono su base volontaria come previsto dall’art. 1 del D.M. 17 dicembre 2009, la sostituzione del MUD, FIR e del registro di carico e scarico con la scheda ―Area registro-cronologico‖ e con la scheda ―Area movimentazione‖ del nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti. La principale novità apportata è che i vari sog- getti coinvolti nella movimentazione dei rifiuti si trovano a lavorare su una sola ―Scheda movimentazione dei rifiuti‖ creata dal produttore e richiamata dall’intermediario, dal trasportatore e dal gestore nei momenti in cui essi sono coinvolti nelle operazioni. Prima del SISTRI invece, ogni soggetto era tenuto alla compilazione del Registro di carico e

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ministero dell'ambiente
ecomafia
d.lgs.152/2006
mud
sistri
d.lgs 205/2010
direttiva 98/2008/ce
registro di carico/scarico
tracciabilità rifiuti
d.m. 17 dicembre 2009
formulario di identificazione dei rifiuti
area movimentazione
registro cronologico
semplificazione burocratica
black box- token usb
proghe
rifiuti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi