Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'iconismo morfonologico: strategie motivate per la significazione di contenuti grammaticali

Alcune lingue del mondo utilizzano strategie foniche per l'espressione di morfemi grammaticali (es. plurale, superlativo): fenomeni come la reduplicazione di fonema, di sillaba, o di parola, o l'allungamento vocalico veicolano significati grammaticali. Tali strategie si fondano sull'uso iconico del segno linguistico. La nozione di icona è analizzata secondo la teoria del segno di Peirce.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il presente elaborato si propone di illustrare il fenomeno linguistico dell’iconismo morfonologico, ed ha come obiettivo l’analisi del rapporto iconico che intercorre tra l’introduzione di contenuti grammaticali e la loro espressione all’interno della forma fonetica e morfologica della parola. L’indagine è stata condotta attraverso quattro capitoli. Nei capitoli I e II, si delinea una cornice concettuale, la cui funzione è di definire i limiti della ricerca e di stabilire alcune definizioni dei concetti utili alla comprensione del fenomeno. Nei capitoli III e IV si osservano e discutono i dati linguistici che esemplificano il fenomeno stesso. Nel dettaglio: nel capitolo I, si focalizza l’attenzione sul rapporto tra iconicità e arbitrarietà, nel tentativo di definire i termini in cui è possibile parlare di motivazione linguistica e di iconismo, in particolare modo di iconismo fonico. Il capitolo II esamina l’iconismo nelle strutture grammaticali, nella cornice teorica della Morfologia Naturale, grazie alla quale esso diviene più facilmente riconoscibile all’interno di operazioni linguistiche formalizzate. Nel capitolo III si raccoglie un corpus di dati. I casi esemplificativi provengono da alcune lingue del mondo che ricorrono a strategie motivate formalizzate per trasmettere contenuti grammaticali: reduplicazione e allungamento – operazioni attorno cui si è concentrata l’indagine – rappresentano le più interessanti. Il capitolo IV, infine, analizza e discute il nesso di iconicità che intercorre tra reduplicazione e allungamento e i significati grammaticali associati a tali processi morfonologici.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Roberto Cirillo Contatta »

Composta da 52 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 477 click dal 20/06/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.