Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il perdono di se stessi è possibile

Il perdono di sé è un argomento poco conosciuto e poco analizzato tanto dalla letteratura psicologica quanto dalla letteratura culturale in genere. E’un concetto spesso utilizzato in modo moralistico o sentimentale, come un suggerimento o un dovere: “devi perdonarti” “non devi pensarci” “è acqua passata”, ma senza saper dire “come” e “cosa” ci si perdona.
Tutti abbiamo qualcosa di cui perdonarci. Ciò spesso complica la vita con sensi di colpa che la rendono opaca, quando non angosciata. Altre volte, a causa di errate convinzioni sociali e culturali, si è caricati di colpe che non esistono e per le quali non c’è da perdonarsi.
Per ovviare a tale rischio è necessario un percorso di conoscenza che renda capaci di giudicare “Chi” è il colpevole e quale sia la “Colpa” da guardare in faccia assumendosene la responsabilità, condizione indispensabile per potersi perdonare, come sostenuto dagli autori e ricercatori che hanno studiato il perdono di sé.
Recenti ricerche svolte in Università Americane e Australiane descrivono iniziali approcci di modelli di ricerca e di misurazione da verificare e validare allo scopo di giungere a definire i fattori che possono favorire il perdono di sé, indispensabile per il benessere delle persone in generale, ma soprattutto per casi di sofferenza patologica.
Articoli e testi che trattano l’argomento dal punto di vista psicoanalitico esplicitano in particolare le origini della colpa e del senso di colpa e della convenienza di raggiungere, attraverso un'acquisita capacità di giudizio, il perdono di sé che può facilitare la possibilità di perdonare gli altri. Spesso non è chiaro se il rimorso per la colpa commessa può diventare senso di colpa e condanna di sé o se è il senso di colpa ad indurre a commettere delle colpe che a loro volta incrementano il rimorso.
Il perdono di sé richiede un percorso impegnativo, ma è indispensabile per la felicità personale e per la pace sociale: dove non c’è perdono di sé non c’è perdono degli altri e dove non c’è perdono c’è vendetta.
Nel rapporto educativo è indispensabile che l’educatore sia consapevole del bisogno di perdonare sé. Solo così infatti potrà aiutare l’educando a compiere il percorso che lui stesso ha fatto, evitando di farlo, inconsapevolmente, oggetto delle proprie problematiche irrisolte, dovute ad una personalità non in pace con se stessa, da cui non ultimo discende il problema del “burn-out”.
A fronte della complessità e della poca, spesso contraddittoria, conoscenza trasmessa dalla cultura sll’argomento trattato, l’indagine è incentrata sulla conoscenza degli aspetti più facilmente e normalmente vissuti da persone che hanno un basso livello di depressione o di nevrosi.
La presenza di consistenti problematiche psicologiche e relazionali impedisce alla persona un affronto razionale e quindi realistico della possibilità non solo di perdonare, ma anche di porsi un problema che interessa la totalità della persona nei suoi risvolti affettivi, cognitivi e psicologici, con i quali affronta il rapporto con la realtà e con se stessa.
Ciò non toglie, invece, che la possibilità di perdonare sé e quindi gli altri sia reale e il suo percorso, anche se lungo e oneroso, attuabile, come cerco di dimostrare attraverso il lavoro svolto.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il perdono di sé è un argomento poco conosciuto e poco analizzato tanto dalla letteratura psicologica quanto dalla letteratura culturale in genere. E’un concetto spesso utilizzato in modo moralistico o sentimentale, come un suggerimento o un dovere: “devi perdonarti” “non devi pensarci” “è acqua passata”, ma senza saper dire “come” e “cosa” ci si perdona. Quando mi è capitato di sentirne parlare o di leggerne, soprattutto in testi o da persone che si appellavano a sentimenti religiosi, lo ritenevo un argomento appunto letterario o di fede vissuta astrattamente, ora m’accorgo che mi riguarda direttamente nella vita quotidiana, nell’affronto dei miei rapporti con cose e persone. Tutti abbiamo qualcosa di cui perdonarci. Ciò spesso complica la vita con sensi di colpa che la rendono opaca, quando non angosciata. Altre volte, a causa di errate convinzioni sociali e culturali, si è caricati di colpe che non esistono e per le quali non c’è da perdonarsi. Per ovviare a tale rischio è necessario un percorso di conoscenza che renda capaci di giudicare “Chi” è il colpevole e quale sia la “Colpa” da guardare in faccia assumendosene la responsabilità, condizione indispensabile per potersi perdonare, come sostenuto dagli autori e ricercatori che hanno studiato il perdono di sé. 1

Diploma di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Giovanna Simonetto Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2167 click dal 22/06/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.