Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'immagine di Barcellona in Eduardo Mendoza

La tesi vuole essere un approfondimento sulla presenza di Barcellona nell'opera di Eduardo Mendoza, scrittore catalano contemporaneo.
Ciò che è spicca nella lettura dei suoi romanzi è la presenza costante della ‘sua’ Barcellona come sfondo della narrazione. La Barcellona evocata da Mendoza non è solamente la città di oggi, ma soprattutto la città dei cambiamenti, delle Esposizioni Universali e del Modernismo che l’hanno vista protagonista nel processo di trasformazione culturale tra la fine del XIX secolo e gli inizi del XX. E’ la Città dei prodigi, per l’appunto, come recita il titolo di uno dei romanzi più conosciuti dell’Autore.
Attraverso gli occhi di Mendoza analizzeremo poi i tratti di questa città negli anni intorno al 1917, quando l’Europa sarà teatro della Grande Guerra, conflitto a cui la Spagna non parteciperà.
Approfondiremo inoltre i tratti di Barcellona nel periodo immediatamente successivo alla guerra civile (1936-1939) e soprattutto vedremo come la guerra lascerà un’impronta visibile e una ferita dolente nella società degli anni successivi.
Altri romanzi di Mendoza sono ambientati a Barcellona negli anni della transizione democratica che segue la morte di Francisco Franco (1975), epoca di grandi cambiamenti politici, sociali e culturali in tutta la penisola, segnata da grandi aspettative, spesso disilluse; infine arriveremo ai romanzi ambientati nella città catalana durante il fervente periodo delle olimpiadi del 1992, che segna una nuova, potente trasformazione urbanistica e culturale.
Un secolo di storia, insomma, nato dalla penna di una scrittore che ancora oggi fa onore alla narrativa contemporanea spagnola

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Nella tesi di laurea che mi accingo a scrivere desidero approfondire un aspetto della letteratura di Eduardo Mendoza, scrittore catalano contemporaneo. Ciò che è spicca nella lettura dei suoi romanzi è la presenza costante della ‘sua’ Barcellona come sfondo della narrazione. La Barcellona evocata da Mendoza non è solamente la città di oggi, ma soprattutto la città dei cambiamenti, delle Esposizioni Universali e del Modernismo che l’hanno vista protagonista nel processo di trasformazione culturale tra la fine del XIX secolo e gli inizi del XX. E’ la Città dei prodigi, per l’appunto, come recita il titolo di uno dei romanzi più conosciuti dell’Autore. Attraverso gli occhi di Mendoza analizzeremo poi i tratti di questa città negli anni intorno al 1917, quando l’Europa sarà teatro della Grande Guerra, conflitto a cui la Spagna non parteciperà. Approfondiremo inoltre i tratti di Barcellona nel periodo immediatamente successivo alla guerra civile (1936-1939) e soprattutto vedremo come la guerra lascerà un’impronta visibile e una ferita dolente nella società degli anni successivi. Altri romanzi di Mendoza sono ambientati a Barcellona negli anni della transizione democratica che segue la morte di Francisco Franco (1975), epoca di grandi cambiamenti politici, sociali e culturali in tutta la penisola, segnata da grandi aspettative, spesso disilluse; infine arriveremo ai romanzi ambientati nella città catalana durante il fervente periodo delle olimpiadi del 1992, che segna una nuova, potente trasformazione urbanistica e culturale. Un secolo di storia, insomma, nato dalla penna di una scrittore che ancora oggi fa onore alla narrativa contemporanea spagnola.

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Debora Egaddi Contatta »

Composta da 27 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1689 click dal 23/06/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.