Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il problema dell'efficienza energetica nelle reti di telecomunicazione

L’efficienza energetica e la emissione di gas ad effetto serra sono diventate motivo di grande preoccupazione per l’ambiente e l’economia mondiale.
La questione dei consumi energetici in generale e delle tecnologie ICT (insieme delle tecnologie che consentono di elaborare e comunicare l’informazione attraverso mezzi digitali) in particolare è ormai motivo di studi e discussioni negli ultimi anni. Il rapporto della domanda di energia sulle risorse disponibili è infatti in crescita costante e i costi sono in continuo aumento. Dai dati forniti da Eurostat si legge che i costi dell’elettricità nel mercato italiano hanno avuto un innalzamento globale di circa il 35% durante il periodo 2004/2007 e solo tra la seconda metà del 2007 e la seconda metà del 2008 in tutta l’UE il prezzo dell’elettricità per le famiglie è aumentato del 9,6%, mentre per gli utenti industriali è aumentato del 13,8%. Inoltre è pienamente riconosciuto che le emissioni di gas ad effetto serra, prodotte dal consumo energetico di combustibili fossili, hanno un impatto negativo sul clima ambientale e l’umanità è sempre più consapevole del problema della protezione ambientale. Un contributo alla riduzione di gas ad effetto serra può essere fornito sicuramente dalle fonti di energia rinnovabile, risorse energetiche che derivano da processi naturali (dipendenti direttamente o indirettamente dal sole) che sono costantemente disponibili e permettono di fornire una energia più sicura e di contrastare la questione dei prezzi del petrolio. Inoltre, l’UE può essere considerata leader nel settore delle applicazioni di energia rinnovabile, incrementando le industrie high-tech, offrendo nuove opportunità economiche e costituendo una fonte di sviluppo e impiego industriale non trascurabile. Nel 2010 nell’UE circa il 21% dell’energia totale è generata dalle fonti rinnovabili (fonti idriche, geotermia, biomasse, solare termico e solare fotovoltaico), ma molto si può ancora fare per permettere a tali fonti di diventare un elemento chiave di aiuto per un futuro più sostenibile!

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L’efficienzaenergeticaelaemissionedigasadeffettoserrasonodiventatemo tivodigrandepreoccupazioneperl’ambienteel’economiamondiale. La questione dei consumi energetici in generale e delle tecnologie ICT (insieme delletecnologiecheconsentonodielaborareecomunicarel’informazioneattraver so mezzi digitali) in particolare ` e ormai motivo di studi e discussioni negli ultimi anni. Il rapporto della domanda di energia sulle risorse disponibili ` e infatti in cre scita costante e i costi sono in continuo aumento. Dai dati forniti da Eurostat [1] si legge che i costi dell’elettricit` a nel mercato italiano hanno avuto un innalzamen to globale di circa il 35% durante il periodo 2004/2007 e solo tra la seconda met` a del 2007 e la seconda met` a del 2008 in tutta l’UE il prezzo dell’elettricit` a per le famiglie ` e aumentato del 9,6%, mentre per gli utenti industriali ` e aumentato del 13,8%. Inoltre ` e pienamente riconosciuto che le emissioni di gas ad effetto serra, prodotte dal consumo energetico di combustibili fossili, hanno un impatto negati vo sul clima ambientale e l’umanit` a ` e sempre pi` u consapevole del problema della protezione ambientale. Un contributo alla riduzione di gas ad effetto serra pu` o es sere fornito sicuramente dalle fonti di energia rinnovabile, risorse energetiche che derivano da processi naturali (dipendenti direttamente o indirettamente dal sole) che sono costantemente disponibili e permettono di fornire una energia pi` u sicura e di contrastare la questione dei prezzi del petrolio. Inoltre, l’UE pu` o essere con siderata leader nel settore delle applicazioni di energia rinnovabile, incrementando le industrie hightech, offrendo nuove opportunit ` a economiche e costituendo una fonte di sviluppo e impiego industriale non trascurabile. Nel 2010 nell’UE circa il 21% dell’energia totale ` e generata dalle fonti rinnovabili (fonti idriche, geotermia, biomasse,solaretermicoesolarefotovoltaico)[1],mamoltosipu` oancorafareper permettere a tali fonti di diventare un elemento chiave di aiuto per un futuro pi` u sostenibile! Lacrescitaesponenzialedell’utilizzodiInternetnegliultimiannideterminaunpa 3

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Daniela Solazzo Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 820 click dal 23/06/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.