Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sintesi di peptidi attivi verso MOR e studio dell’interazione ligando-recettore

Recentemente sono stati individuati e caratterizzati due peptidi: endomorfina-1 ed endomorfina-2 che hanno localizzazione cerebrale e attività simile alla morfina e derivati.Questi peptidi oppiodi endogeni hanno alta affinità ed attività agonista sugli stessi recettori sui quali agiscono gli alcaloidi oppiodi; in particolare sul recettore µ (MORs).La morfina e i suoi derivati sono tuttora lo standard per tutti i farmaci a potenziale azione analgesica ma l’assunzione prolungata ha gravi effetti sull’organismo e comporta sintomi come assuefazione e dipendenza.
E’ sorta così la necessità di cercare nuovi peptidi agonisti su tale recettore utilizzabili come analgesici e che abbiano una maggiore compatibilità biologica e minori effetti indesiderati.
Gran parte della mia esperienza si è focalizzata sulla sintesi in fase solida mediante tecniche semi automatiche e automatiche di peptidi oppioidi endogeni peptidomimetici dell’ endomorfina-1. E’ stata scelta l’ endomorfina-1 come scaffold di partenza per la sua alta selettività del recettore µ.I peptidi di nuova sintesi sono mimetici in quanto più stabili e in grado di attraversare la barriera emato-encefalica(BEE).

Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO I 1.1 Introduzione L’utilizzo dell’oppio come rimedio contro il dolore risale a tempi antichissimi: è documentato nel papiro di Erbes (ca. 1500 a.c.) e nelle opere di Ippocrate, Dioscoride e Galeno. L’oppio è il lattice consolidato raccolto, per incisione, delle capsule immature del Papaver Somniferum, una pianta originaria dell’Asia minore. In esso sono contenuti più di 25 alcaloidi, tra i principali, con struttura fenantrenica, troviamo la morfina, la codeina e la tebaina. L’oppio deve le sue proprietà analgesiche soprattutto alla morfina che, isolata da Friedrich Sertürner nel 1803, rappresenta il prototipo di farmaco analgesico-narcotico. Oltre all’azione analgesica la morfina presenta numerosi effetti collaterali, tra i più gravi assuefazione e dipendenza, che ne hanno limitato l’utilizzo clinico 1 . Per assuefazione si intende che, l’uso prolungato nel tempo di tali farmaci tende a vanificarne l’effetto, per cui è necessario aumentare progressivamente la dose somministrata per ottenere l’effetto analgesico desiderato. La dipendenza, invece, consiste nel fatto che il soggetto in cui si è già instaurata assuefazione non è in grado di fare a meno del farmaco manifestando in caso di mancata somministrazione una tipica sindrome di astinenza. Altri effetti collaterali indesiderati noti sono la depressione respiratoria e dell’attività vasomotoria, disturbi del sonno, nausea e vomito. Sono state avviate ricerche volte a individuare nuovi target sintetici, nel tentativo di produrre farmaci con attività analgesica paragonabile a quella della morfina, ma dotati di un miglior 1 G.Ronsisvalle, M. Pappalardo, L. Pasquinucci, O. Prezzavento, “I recettori oppioidi”, ed. CLUEB, 1999 Fig. 1.1 Lattice di Papaver Somniferum

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Federico Golfarini Contatta »

Composta da 41 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 590 click dal 30/03/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.