Skip to content

L’ istituto dell'amicus curiae nella funzione giurisdizionale internazionale

Informazioni tesi

  Autore: Martina Blancodini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Alberto Oddenino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 223

La figura dell’Amicus Curiae nel diritto internazionale rappresenta un punto tanto affascinante quanto controverso, il cui sviluppo è avvenuto attraverso gli anni non senza scontri e battute d’arresto.
In un contesto in cui gli effetti di una controversia trascendono spesso la controversia stessa e i diretti contendenti, e gli interessi coinvolti sono da valutarsi sempre di più su un piano globale e non limitato ai confini dei singoli stati, ne discende che estendere alla società civile la possibilità di intervenire in ambito processuale assume un’importanza sempre maggiore, e soprattutto che è sempre meno possibile esimersi dal far si che questa estensione prenda naturalmente corso.
Il panorama inoltre non è più caratterizzato dalla presenza di istituzioni internazionali formate solo da Stati, i cui governi si trovavano impegnati a difendere i diritti dei propri cittadini, che ne orientavano le priorità nazionali attraverso un’opera di lobby. Il sistema infatti si è ormai chiaramente aperto alla possibilità di consultarsi anche con attori non statuali, al fine di divenire più trasparente e democratico grazie all’apporto che essi sono in grado di fornire sulla base delle loro competenze e capacità.
La scelta del mezzo dell’amicus curiae per servire a questo scopo è riconducibile alle sue caratteristiche di snellezza e di flessibilità; fin dall’origine infatti la possibilità di presentare una memoria scritta sotto forma di amicus curiae è stata vista come una “concessione” dai collegi giudicanti, che solitamente cercarono di evitare di dare una definizione precisa e di specificare le condizioni per utilizzare tale meccanismo:
“Inasmuch as permission to participate as a friend of the court has always been a matter of grace rather than right, the courts have from the beginning avoid precise definition of the perimeters and attendant circumstances involving possible utilization of the device. This, of course, increases judicial discretion, while it concomitantly maximizes the flexibility of the device. As one court opinion has quite pointedly stated:
“If such appearance was an amicus curiae and as a matter of grace, then that grace alone concerns us. Grace doth not abound through consent of one’s adversary. It dropped, withal, like mercy-as the gentle and refreshing dews of Heaven.” ”
E proprio tale mancanza di regole precise che ne regolassero rigidamente i limiti e le modalità d’applicazione portarono l’istituto a essere la miglior “breccia procedurale” attraverso la quale i privati potessero insinuarsi nel contenzioso internazionale.
Abbiamo già ricordato che il diritto internazionale è un diritto originariamente interstatuale; gli attori che ne popolano la scena sono quindi storicamente gli Stati. In pratica accettare che dei
soggetti terzi possano intervenire nella disputa come amici curiae significa per gli Stati perdere una parte della loro supremazia, e accettare che, su questioni nelle quali gli stessi possono avere degli interessi diretti, tali soggetti terzi possano, ricorrendo a tale mezzo, influenzare il giudizio della corte in direzioni non sempre gradite a uno o più Stati coinvolti.
Considerato quanto sopra non stupisce che tale istituto trovò fin dalle sue prime apparizioni reazione molto diverse dai diversi attori operanti sulla scena mondiale. Richiamando brevemente solo quelle emerse nel WTO, in quanto ritenute particolarmente esemplificative, troviamo da una parte quelle degli Stati Uniti, già familiari all’istituto e convinti sostenitori dello stesso, mentre maggiori resistenze vennero dagli altri paesi industrializzati; apertamente ostili infine si rivelarono i Paesi in via di sviluppo. Questi ultimi infatti temevano di risultare svantaggiati dall’uso di un mezzo del quale risultava più facile si servissero in modo persuasivo le ONG e le parti private delle maggiori potenze commerciali, le quali indubbiamente godevano di mezzi e di un’influenza sia economica che politica maggiori rispetto a quelli dei PVS stessi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La figura dell’Amicus Curiae nel diritto internazionale rappresenta un punto tanto affascinante quanto controverso, il cui sviluppo è avvenuto attraverso gli anni non senza scontri e battute d’arresto. In un contesto in cui gli effetti di una controversia trascendono spesso la controversia stessa e i diretti contendenti, e gli interessi coinvolti sono da valutarsi sempre di più su un piano globale e non limitato ai confini dei singoli stati, ne discende che estendere alla società civile la possibilità di intervenire in ambito processuale assume un’importanza sempre maggiore, e soprattutto che è sempre meno possibile esimersi dal far si che questa estensione prenda naturalmente corso. Il panorama inoltre non è più caratterizzato dalla presenza di istituzioni internazionali formate solo da Stati, i cui governi si trovavano impegnati a difendere i diritti dei propri cittadini, che ne orientavano le priorità nazionali attraverso un’opera di lobby. Il sistema infatti si è ormai chiaramente aperto alla possibilità di consultarsi anche con attori non statuali, al fine di divenire più trasparente e democratico grazie all’apporto che essi sono in grado di fornire sulla base delle loro competenze e capacità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amicus curiae
wto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi