Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Modelli per lo studio della volatilità: analisi e applicazioni

Modelli Garch e a eteroschedasticità condizionata - La scintilla che ha acceso e motivato il seguente lavoro, è germogliata sul fascino che il rischio, prima in un contesto generale e poi in uno specifico ambito economico, genera per sua natura. Nella vita quotidiana di ognuno, ogni giorno, qualsiasi tipologia di rischio contraddistingue le nostre scelte, alimenta i nostri timori, rafforza quelle certezze che utilizziamo come scudo per fronteggiare le avversità. Così in un ambito marcatamente più economico, il rischio e la volatilità che contribuisce a qualificarne la gravità, giocano un ruolo essenziale sulle strategie degli operatori economici, sui piani di sviluppo futuri di questi ultimi, nonché sullo stato di salute attuale e prospettico che gli stessi possono vantare.
Il rischio, da un certo punto di vista, può essere letto sia come virus infettivo che minaccia il punto di “equilibrio relativo”, raggiunto da un determinato sistema socio-economico, sia come opportunità di crescita e di sviluppo per lo stesso, in quanto puro condensato di variabilità sistemica. Come le forze più significative che ci circondano quindi, presenta questa netta dualità, derivante principalmente dall’alto grado di reattività informativa che lo connota.
Il rischio e la volatilità che lo qualifica, posso preannunciare periodi di crisi; ma nel contempo anche opportunità evolutive in un ottica sistemica; non è un caso che nella cultura cinese, l’ideogramma che sta ad indicare la crisi, è composta da wei che significa pericolo (indicato col simbolo del fuoco) e da ji

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La scintilla che ha acceso e motivato il seguente lavoro, è germogliata sul fascino che il rischio, prima in un contesto generale e poi in uno specifico ambito economico, genera per sua natura. Nella vita quotidiana di ognuno, ogni giorno, qualsiasi tipologia di rischio contraddistingue le nostre scelte, alimenta i nostri timori, rafforza quelle certezze che utilizziamo come scudo per fronteggiare le avversità. Così in un ambito marcatamente più economico, il rischio e la volatilità che contribuisce a qualificarne la gravità, giocano un ruolo essenziale sulle strategie degli operatori economici, sui piani di sviluppo futuri di questi ultimi, nonché sullo stato di salute attuale e prospettico che gli stessi possono vantare. Il rischio, da un certo punto di vista, può essere letto sia come virus infettivo che minaccia il punto di “equilibrio relativo”, raggiunto da un determinato sistema socio-economico, sia come opportunità di crescita e di sviluppo per lo stesso, in quanto puro condensato di variabilità sistemica. Come le forze più significative che ci circondano quindi, presenta questa netta dualità, derivante principalmente dall’alto grado di reattività informativa che lo connota. Il rischio e la volatilità che lo qualifica, posso preannunciare periodi di crisi; ma nel contempo anche opportunità evolutive in un ottica sistemica; non è un caso che nella cultura cinese, l’ideogramma che sta ad indicare la crisi, è composta da wei che significa pericolo (indicato col simbolo del fuoco) e da ji, che indica opportunità: 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Walter Briganti Contatta »

Composta da 169 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2001 click dal 11/07/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.