Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Al di là dei confini''. Disturbo Borderline di Personalità. Un ipotesi integrativa tra i modelli psicoanalitico e cognitivo

la tesi indaga la possibilità che nel suo dispiegarsi dinamico la patologia borderlinae possa essere rappresentata da un unico processo interpersonale ed unitario che si svolge nelle relazioni di attaccamento denominata, disorganizzazione dell'attaccamento. Se questo è vero sarebbe utile indagare la possibilità che questa costituisca nella sua evoluzione il nucleo di tale disturbo atto ad integrare aspetti di diversi modelli psicoanalitici e cognitivi in particolare Linehan, Kernberg, Fonagy, Liotti. Verificando altresì questa ipotesi in un contesto clinco.

Mostra/Nascondi contenuto.
1.Parte Prima “I disturbi di personalità” 1. Capitolo 1 1.La Personalità La personalità è la risultante di una serie di operazioni mentali, caratteristiche psichiche e modalità comportamentali che costituiscono il nucleo delle differenze individuali, nella molteplicità dei contesti in cui la condotta umana si sviluppa. Il termine latino " personalitāte(m) " derivò dal greco " πρόσωπον " e dall'etrusco "phersu ". Cicerone la definì come l'aspetto e la dignità di un essere umano oppure, in un'altra definizione, quella parte che si recita nella vita e non a caso "persona" rappresentava la maschera indossata dagli attori. Psicoanalisi e Cognitivismo Evoluzionistico si muovono in direzioni simili. Lichtenberg, Lachman e Fosshage (1992), Gilber (1992) e Liotti (1994) sostengono che il comportamento umano è spiegato a partire da un set di sistemi comportamentali che si attivano per soddisfare scopi primari (fame, sete) e interpersonali (attaccamento, sessualità). La personalità è descrivibile come lo stile che il soggetto adotta nell'organizzare queste motivazioni in un sistema coerente di significati e di strategie relazionali che promuovono l'adattamento. L'auto narrazione è lo strumento che gli permette di formare a partire dalla molteplicità di rappresentazioni un senso coerente di identità e coordinare i propri scopi con l'ambiente sociale prossimale. 1

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Claudio Daffra Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3056 click dal 01/07/2011.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.