Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione pubblicitaria delle compagnie aeree. Il caso Alitalia

La tesi, strutturata in quattro capitoli, è un’approfondita analisi del linguaggio pubblicitario di Alitalia. L’analisi si concentra principalmente sugli annunci cartacei, apparsi sui quotidiani o sulle riviste, dal momento che è stato il materiale più facile da reperire.
I primi due capitoli sono una panoramica degli annunci pubblicitari delle altre compagnie aeree, sia italiane che straniere. L’analisi di queste pubblicità è necessaria per poter comprendere quali strategie comunicative abbiano utilizzato i concorrenti della compagnia italiana. Il terzo ed il quarto capitolo, invece, si concentrano sulla comunicazione effettuata dal vettore italiano, dalle sue origini fino al giorno d’oggi.
Nello specifico, il terzo capitolo considera gli aspetti socioculturali che hanno influito sulla costruzione della comunicazione pubblicitaria di Alitalia ed analizza gli annunci pubblicitari dal punto di vista grafico e creativo. Il quarto capitolo, invece, è un’analisi dell’immagine aziendale e dello sviluppo delle pubblicità che segue il percorso storico della vita della compagnia aerea. Il fine è quello di individuare se la comunicazione pubblicitaria sia caratterizzata da elementi ricorrenti, se abbia subito delle variazioni e se sia stata coerente con l’immagine della marca. Alla fine della tesi è possibile constatare quali siano state le tecniche ed i mezzi utilizzati dall’aerolinea italiana per persuadere gli individui a sceglierla come compagnia e per comunicare i valori e gli attribuiti che vuole che siano percepiti.
L’analisi ha messo inoltre in risalto i vari metodi che una compagnia aerea può utilizzare per catturare l’attenzione del pubblico e promuovere il servizio aereo, e ha anche cercato di individuare eventuali analogie tra gli annunci delle diverse aerolinee.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 1 - LA COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA DEL TRASPORTO AEREO “Advertising is the art of convincing people to spend money they don’t have for something they don’t need” Will Rogers 1 1.1 - GLI ALBORI DEL MEZZO AEREO L’antico sogno dell’uomo di volare è passato dal mitologico volo di Icaro agli studi di Leonardo da Vinci e alle mongolfiere, fino al dicembre del 1903, quando si assistette al primo volo della storia, per merito dei fratelli Wright. La prima compagnia aerea di trasporto civile al mondo fu la tedesca Deutsche Luftreederei 2 , alla quale seguirono aerolinee sia europee sia americane che, per i loro primi annunci pubblicitari, si avvalsero della pubblicità illustrata. La stampa, infatti, già dalle sue origini permise il diffondersi di messaggi commerciali, religiosi o politici in modo molto veloce, e stava facendo nascere il bisogno di comprare i beni prodotti dalla Rivoluzione industriale oltre che a far diffondere i primi status symbol borghesi 3 . Non era, infatti, alla portata di tutti permettersi un viaggio aereo per spostarsi in modo rapido e godere nello stesso tempo di una visione panoramica. L’uso dei manifesti e delle riviste illustrate che fungevano come ottimi contenitori pubblicitari e che iniziavano ad arricchirsi di slogan 4 , 1 [“La pubblicità è l’arte di convincere le persone a spendere soldi che non hanno per qualcosa di cui non necessitano”]. Cfr. G. Tibballs, The Mammoth Book of Zingers, Quips, and One-Liners: Over 10,000 Gems of Wit and Wisdom, One-liners and Wisecracks, Running Press, 2004, p. 16. 2 Nel 1919 per prima inaugurò un traffico civile aereo, collegando Berlino con Weimar. In proposito cfr. AA.VV. , L’aeronautica, gli aerei. L’epopea del volo dalle origini ai giorni nostri, Demetra, Colognola ai Colli (Vr), 1998, p.22. 3 In proposito cfr. G. Ambrosio, Siamo quel che diciamo, Meltemi, 2002, pp. 22 – 23. L’autrice sottolinea come si sia passati da un approccio verso il pubblico di stile gentile, ad uno più aggressivo. 4 Cfr. AA.VV., a cura di G. Mariani, Il dizionario illustrato della pubblicità e comunicazione, Lupetti & Co, Milano, 1992, p. 418.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Francesco Gentile Contatta »

Composta da 230 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3370 click dal 28/06/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.