Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il turismo rurale e la valorizzazione delle risorse caratteristiche del territorio: il caso della Garfagnana

Con questa ricerca mi sono proposta di esaminare il fenomeno turistico a livello locale, riferito in particolare alla realtà della Garfagnana.
Negli ultimi anni abbiamo assistito a un’evoluzione del turismo, infatti un numero sempre maggiore di turisti punta su una destinazione “naturale”, ponendo l’attenzione alla valorizzazione delle specificità locali, attraverso il riconoscimento del valore del paesaggio, dei prodotti, e dell’ambiente stesso.
L’elaborato si presenta diviso in due capitoli, nel primo di questi verranno trattati, a livello generale, i concetti di: turismo rurale, in contrapposizione al turismo di massa e come forma alternativa di turismo; agriturismo, come fenomeno di recente sviluppo, ma divenuto di fondamentale importanza per lo sviluppo rurale, facendo anche riferimento alla normativa della nostra Regione; e prodotti tipici, visti come elementi per una strategia territoriale di salvaguardia delle tradizioni produttive e gastronomiche locali.
Nel secondo capitolo invece l’attenzione viene concentrata sulla Garfagnana, prima di tutto attraverso un inquadramento territoriale dell’area, con una descrizione fisica, ambientale e socio-economica, per contestualizzare meglio i concetti, passando poi alla verifica effettiva del turismo in questa zona, con riferimento al fenomeno dell’agriturismo e dei prodotti tipici.
Mi è stato possibile analizzare questa realtà soprattutto grazie all’apporto di informazioni e materiale forniti dall’ente locale della Comunità Montana della Garfagnana, in particolare dall’ufficio relazioni estere e promozione turistica e dall’ufficio statistico, inoltre sono stati d’aiuto anche il “Centro di coordinamento del turismo rurale” e l’ufficio “Punto Sviluppo”, nonché i dati statistici della provincia di Lucca.

Mostra/Nascondi contenuto.
21 CAPITOLO 2 LA REALTA’ DELLA GAFAGNANA 2.1 La Garfagnana: il contesto territoriale. La regione geografica conosciuta con il nome di Garfagnana si identifica con la vallata superiore del fiume Serchio; ubicata nella Toscana nord-occidentale, costituisce l‟estremità settentrionale del territorio della provincia di Lucca con una superficie complessiva di 533,77 kmq. Questa posizione di avamposto della Regione verso l‟Emilia, le conferisce una connotazione di “area cerniera” di notevole valore strategico quale punto di contatto fra le diverse realtà territoriali e amministrative con le rispettive tradizioni culturali, risorse e retroterra storici 12 . Ad occidente il massiccio delle Alpi Apuane, separa la Garfagnana dal vicino litorale tirrenico della Versilia e di Massa-Carrara, mentre a oriente, la dorsale appenninica segna il confine tra questo territorio e quello delle province di Reggio-Emilia e Modena. A differenza dei suddetti limiti geografici naturali, il confine meridionale è stato molto variabile nei secoli legato alle vicissitudini storiche della zona. Le due catene montuose che fanno della Garfagnana un‟isola intermontana distinta dal resto della toscana, si presentano molto difformi tra loro. Le Alpi si elevano con alte pareti di accentuata verticalità pressoché prive di vegetazione e culminano in creste dal profilo molto frastagliato: la cima più elevata (Monte Pisanino) raggiunge i 1946 m di altitudine. Trattandosi di una formazione calcarea, il cui componente principale è il marmo, hanno preso qui origine considerevoli fenomeni carsici come cavità e tracciati idrografici sotterranei. L‟Appennino Tosco-Emiliano che percorre parallelamente e a pochi chilometri di distanza dal massiccio apuano, pur raggiungendo la massima altitudine della toscana con i 2054m del Monte Prado, si snoda,invece, con cime più uniformi, arrotondate ed erbose; è costituito in prevalenza da arenaria-macigno e degrada nel fondo valle originando zone collinari 13 . 12 COMUNITA‟ MONTANA DELLA GARFAGNANA [1998] - “Interventi di promozione del turismo culturale in Garfagnana”, A. Cresti e P. Pieroni, Lucca. 13 GIOVANNETTI L. [2005] - “La storia del paesaggio: economia nell‟Appennino lucchese dal medioevo all‟età moderna”, Maria Pacini Fazzi, Lucca.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Edi Bertoncini Contatta »

Composta da 50 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2011 click dal 04/07/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.