Skip to content

Ordalie, torture e supplizi capitali: il corpo sotto accusa nell'Europa medievale

Informazioni tesi

  Autore: Michela Carcassi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Barbara Fois
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 309

La presente tesi si propone come un excursus storico, dall'Impero romano sino al secolo XVII, sulla storia della tortura, intesa come punizione corporale e psicologica, con un discorso introduttivo sul sistema ordalico. Il collegamento tra punizione fisica e degradazione del corpo diventa così il filo conduttore che sarà presente per tutto il medioevo sino alla fine del secolo dei lumi, nutrito dalla allora vigente concezione religiosa, cattolica e protestante. Si ripercorreranno le tappe che porteranno alla nascita dell'Inquisizione e all'uso che fece della tortura per estorcere confessioni di eresia ai suoi imputati. Una particolare attenzione alla situazione della Sardegna, con riferimento al processo di Giulia Carta e Sigismondo Arquer. La tesi si conclude con una panoramica sulle conoscenze possedute in epoca medievale e moderna sul corpo femminile, insieme a numerose immagini rigurdanti strumenti di tortura e processi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 “La tortura è nata con l’uomo e soltanto con l’uomo: per quanti studi e ricerche si siano fatti sugli animali, ancora non risulta che viga presso le bestie l’usanza di torturare.” Strumenti di tortura e di morte attraverso i secoli. I.1. Inquadramento storico-geografico della tortura. La tortura come forma di coercizione atta a piegare la volontà dell’imputato al fine dell’accertamento della verità o, più raramente, come semplice strumento punitivo a se stante o introduttivo a pene capitali, accompagna la storia dell’uomo. E’ impossibile rintracciare l’origine storica della tortura giudiziaria, la radice della quale può considerarsi etico-pedagogica ancor prima che giuridica. La dimensione geografica in cui la tortura si diffuse è altrettanto vasta quanto quella temporale, per cui, seppur con modalità differenti, essa è riscontrabile sia nelle civiltà dell’estrema Asia quali Cina e Giappone 1 , nell’Oriente assiro 2 , egiziano 3 , persiano 4 , per poi passare alle più vicine società greche e romane. Con la fine dell’Impero Romano d’Occidente si apre una lunga parentesi nella storia della tortura in quanto, se ci spostiamo al centro e poi ad ovest dell’Europa e diamo uno sguardo ai popoli barbarici ormai diventati i nuovi signori di gran parte dell’ex Impero Romano, notiamo che questi non conoscevano l’uso della tortura nelle modalità e nell’applicazione vigenti nei paesi sopra elencati, ma utilizzavano un altro strumento di prova che apparentemente svolgeva l’identica 1 E. C. Lea, Forza e superstizione ossia compurgazione legale, duello giudiziario,ordalia e tortura, Piacenza 1910, pp. 443-444. 2 E. C. Lea , Forza e superstizione, cit. p. 442. 3 I bidem. 4 E. C. Lea, Forza e superstizione, cit. p. 443.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

carta de logu
donna
stregoneria
tortura
inquisizione
processi
sardegna
ordalia
condaghe
supplizi capitali
dolore
diavolo
giulia carta
medioevo
strumenti di tortura
sangue
corpo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi