Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Musica e costruzione dell'identità negli adolescenti

La crescita dell'adolescente mediante il fenomeno musicale.
Prima di analizzare dettagliatamente il rapporto che intercorre tra i giovani e la musica è necessario analizzare ciascuno di essi separatamente e solo successivamente combinare i due elementi della ricerca: mentre il primo capitolo si occuperà dell’analisi storica e sociale della musica (le funzioni che essa ha assolto e alle quali attualmente ottempera) e il secondo analizzerà la figura dell’adolescente da un punto di vista psicologico – sociale, nei capitoli successivi si passerà alla descrizione dei processi che si innestano dal rapporto tra essi.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Premessa Per occuparsi di una tematica tanto attuale quanto vasta quale la musica e il suo fondamentale ruolo nei processi di socializzazione adolescenziale, occorre partire da ciò che sta alla base, che “compone” non solo essa, ma tutto ciò che ha vita, che è soggetto a mutamento, che quindi gode di incessante movimento: esso è il “ritmo” (dal latino rhythmus derivante dal greco rythmòs) . Tutta la nostra vita è scandita dal ritmo, anzi, dai ritmi: non ne esiste uno solo, i ritmi sono principalmente di due tipi : uno interno, l’altro esterno. Il primo è quello che ci appartiene, che fa parte di noi dal momento della nascita: già dentro il ventre della madre il battito del cuore è segno di vita, di salute, di gioia. Per ritmo interno si intende anche la scansione dei processi biologici naturali: le pulsazioni vitali, il fluire del sangue nelle vene, il processo di digestione, il processo di respirazione, ecc. Il ritmo esterno è invece quello della natura, che comprende la terra e la biosfera, che nel suo ciclico divenire condiziona la nostra vita: non a caso scriveva Shakespeare "la terra ha musica per coloro che ascoltano".

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Sabrina Sproviero Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2101 click dal 05/07/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.