Skip to content

La più recente produzione teatrale di Edward Bond

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Lo Scalzo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Romana Zacchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 168

Edward Bond è considerato tra i più importanti drammaturghi inglesi “impegnati” del ‘900. Le sue prime opere, tutte andate in scena al Royal Court tra la seconda metà degli anni Sessanta e la prima metà degli anni Settanta, fecero scalpore per i contenuti scioccanti e dissacratori, tanto che spesso la censura ne proibì le repliche. Sicuramente le polemiche scoppiate intorno al “caso Bond” su quotidiani e settimanali, polemiche che divisero l’opinione pubblica in entusiasti e scandalizzati, contribuirono ad attirare l’attenzione sul problema della censura, che finì con l’essere abolita nel 1968.
Bond definisce i suoi primi dieci anni di attività un periodo di tirocinio, durante il quale ha preso coscienza del preciso significato politico che intendeva dare alla sua opera e, contemporaneamente, ha sperimentato e cercato di combinare diverse tecniche drammatiche – dal teatro surrealista a quello epico di impronta brechtiana, dal teatro dell’assurdo al genere agit-prop – alla ricerca di uno stile personale. Nella seconda fase della sua carriera di drammaturgo Bond non vuole più solo limitarsi a denunciare quello che non va nella società contemporanea, ma vuole proporre, attraverso le sue opere, un progetto per una società alternativa a quella esistente, basata su principi nuovi, in grado di creare un’umanità più libera e più felice. Mentre all’inizio il suo scopo primario era quello di scuotere le coscienze del pubblico, costringendolo ad assistere alla violenza del mondo in cui viviamo, successivamente si convince che il teatro può gettare le fondamenta per una vita migliore.Certo, una rappresentazione teatrale non può cambiare il mondo, ma può “co-operate with all those who are in any way involved in rationally changing society and evolving a new consciousness. It may initiate the change in some people.”
Nel corso degli anni ha sviluppato una personale idea sulla struttura di un testo teatrale, sotto molti aspetti persino contrastante rispetto alle caratteristiche del teatro epico brechtiano. Quello che continua ad accomunare i due autori è l’intento di creare un teatro “rivoluzionario”, in grado di contribuire attivamente alla creazione di una società socialista.
Dal 1978 Bond si dedica anche alla regia delle sue opere, da una parte perché – a suo parere – i registi, troppo preoccupati di riempire le platee di spettatori paganti, tendono a tradire la sostanza dei suoi testi, dall’altra perché il lavoro a stretto contatto con gli attori stimola la sua attività di scrittore: le difficoltà che incontra sul palcoscenico lo aiutano a sviluppare le sue teorie in modo che non siano soltanto funzionali al contenuto politico dell’opera, ma anche alle esigenze pratiche della messa in scena.
Uno dei progetti, ancora irrealizzato, di Bond, è trovare un proprio spazio, un teatro tutto suo, nel quale poter attuare liberamente ai suoi progetti.
Nella prospettiva di lavorare in futuro con una propria compagnia, Bond sta elaborando anche un metodo di approccio al testo, sul modello di quelli codificati in passato da Brecht e da Stanislavkji, con lo scopo di formare una nuova generazione di attori, capace di rendere, attraverso l’interpretazione, la complessità della sua teoria sui diversi piani di lettura di un testo teatrale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE Edward Bond è considerato tra i più importanti drammaturghi inglesi “impegnati” del „900. Come per altri suoi contemporanei, la sua carriera inizia in seno alla English Stage Society, la compagnia teatrale con sede al Royal Court Theatre di Londra, che alla fine degli anni Cinquanta iniziò una politica di incoraggiamento di nuovi autori. Le sue prime opere, tutte andate in scena al Royal Court tra la seconda metà degli anni Sessanta e la prima metà degli anni Settanta, fecero scalpore per i contenuti scioccanti e dissacratori, tanto che spesso la censura ne proibì le repliche. Sicuramente le polemiche scoppiate intorno al “caso Bond” su quotidiani e settimanali, polemiche che divisero l‟opinione pubblica in entusiasti e scandalizzati, contribuirono ad attirare l‟attenzione sul problema della censura, che finì con l‟essere abolita nel 1968.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi