Skip to content

Il passaggio da gioventù ad età adulta nell'Italia dei primati demografici

Informazioni tesi

  Autore: Bianca Baggiani
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze della politica
  Relatore: Paolo Arvati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 127

Le peculiarità italiane in tema di strutture familiari e relazionali hanno da sempre affascinato molti studiosi di diversa matrice disciplinare, dalla demografia alla sociologia, ecc. Già nella metà degli anni '50 il sociologo statunitense Banfield coniò il termine di familismo amorale, aprendo un annoso dibattito che è rimasto attuale fino ai giorni nostri; anche le analisi demografiche di questi anni non possono che provocare curiosità negli studiosi, vedendo infatti per l'Italia l'affermazione di 5 primati demografici che la distinguono da ogni altro paese del mondo. Essi sono: un'immigrazione veloce, i forti legami di sangue, la lunga gioventù, i genitori attempati e la sopravvivenza. In questo lavoro si è cercato di indagare prevalentemente alcuni di questi primati, ovvero quelli connessi più specificatamente alla condizione di giovane e alla sua transizione verso lo stato adulto. Si sono individuati gli eventi che caratterizzano tale passaggio e le componenti familiari e sociali che lo indirizzano e lo scandiscono. Per ogni tappa caratteristica di questa transizione si è cercato di individuare i fattori causali che determinano le peculiarità del giovane italiano rispetto ai suoi coetanei europei, guardando sia a fattori esterni dal sistema familiare come, per esempio, l'aumento della scolarizzazione o il problema della disoccupazione giovanile, sia a fattori più specificatamente correlati ai rapporti intergenerazionali tipici del sistema familiare italiano. Ogni tappa evento della transizione determina un'assunzione di responsabilità sempre maggiore. Tutti i paesi industrializzati hanno conosciuto negli ultimi decenni una dilatazione nel tempo della transizione da uno stato adolescenziale ad uno stato propriamente adulto. Anche i dati ufficiali statistici sono stati influenzati da questo cambiamento generalizzato, ponendo infatti come anno spartiacque tra la gioventù e l'età adulta non più i 30 anni ma i 35. L'età tra i 20 e i 35 viene quindi descritta come quella situazione intermedia tra la dipendenza dell'adolescente e l'autonomia dell'adulto. La prima tappa a porsi come incipit dell'indipendenza e dell'autonomia del giovane adulto è l'uscita dalla casa d'origine, seguita dalla formazione di un nuovo nucleo familiare e dalla scelta riproduttiva. Queste tre macro tappe-evento costituiscono i tre capitolo centrali in cui si sviluppa la tesi e l'analisi dei dati statistici relativi, italiani ed europei.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 1. Banfield e il familismo amorale Le strutture familiari italiane, e le dinamiche che in queste si sviluppano, hanno da sempre affascinato studiosi di diversa matrice disciplinare e hanno contribuito alla costruzione dell'immagine (spesso stereotipa) dell'Italia nel mondo. Seppur fastidiosamente ridondante e strumentalizzato, il dibattito sul familismo italiano ha comunque trovato radici e conferme in molta della letteratura sociologica e demografica. Il termine familismo , aggettivato negativamente in amorale, fa la sua prima comparsa nello studio sulla famiglia italiana meridionale del sociologo e politologo americano Edward C. Banfield. La ricerca a cui si fa riferimento prende il titolo di Le basi morali di una società arretrata e fu realizzata nel biennio 1954 – 1955, dall'autore americano stesso, insieme alla moglie di origini italiane. Il paesino, oggetto di studio dell'osservazione partecipante di Banfield, fu un piccolo borgo della provincia lucana, chiamato con il nome immaginario di Montegrano (in realtà si tratterebbe del paese di Chiaromonte, nella provincia di Potenza), dove i due coniugi si trasferirono e vissero per quasi due anni. Le conclusioni dedotte dall'autore furono generalizzate all'Italia meridionale intera, e ancora oggi persistono nella dialettica sociologica e non solo, spesso richiamate all'attenzione come interpretazioni in forza causale della drammatica attualità italiana legata all'associazione mafiosa, al clientelismo e alle sue derivazioni come la raccomandazione, l'evasione fiscale o la mancanza di senso civico in generale. La regola generale del familismo amorale, così riassunta da Banfield, recita: “massimizzare i vantaggi materiali e immediati della famiglia nucleare; supporre che tutti gli altri si comportino allo stesso modo. Chiameremo familista amorale colui che agisce in base a questa regola”. 1 I comportamenti e gli atteggiamenti del familista amorale sono così puntualizzati: 2 1 Banfield E. C. “Le basi morali di una società arretrata”, p. 101 2 Banfield E. C. “Le basi morali di una società arretrata”, pp. 101 a seguire 2

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

lunga gioventù
prossimità abitativa
genitori attempati
nuzialità
statistica
uscita da casa
matrimonio
adulti
natalità
giovani
dati statistici
maternità
banfield
demografia
familismo amorale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi