Skip to content

Il corpo dell'arte. Aspetti e problemi di Neuroestetica

Informazioni tesi

  Autore: Annalisa Stacchini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia teoretica, morale, politica ed estetica
  Relatore: Fernando Bollino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 268

‘Neuroestetica’ è l’abbreviazione di ‘Neurologia dell’Estetica’ e denota il progetto interdisciplinare che ha come obiettivo la spiegazione scientifica, finalmente esatta e sperimentalmente fondata, dell’Estetica, grazie alle conoscenze sul funzionamento del cervello, che le nuove tecnologie permettono oggi di acquisire.
Ma cosa cercano esattamente i neurologi dell’arte nel cervello? Quali risposte sperano di trovare interrogando l’attività elettrica dei circuiti neuronali?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione «NEUROESTETICA. Così la scienza spiega l’arte e l’amore» 1 , annuncia trionfante, il cinque settembre 2009, La Repubblica. Nell’ultima decade gli studi scientifici sul funzionamento e le strutture del cervello sono progrediti enormemente e rapidamente, grazie soprattutto alle nuove macchine per il brain imaging funzionale, una tecnologia all’avanguardia che sembra fotografare le zone cerebrali che si attivano mentre l’individuo che partecipa all’esperimento svolge un compito particolare. Tramite questo tipo esperimenti i neuroscienziati sono convinti di poter individuare le aree del cervello e i meccanismi neurofisiologici che rendono possibili i pensieri, gli affetti, i movimenti e i comportamenti umani. Così i giornalisti proclamano a gran voce che presto tutti i fenomeni piø intimi, indefinibili e privati della vita umana, come l’amore, non avranno piø segreti, entusiasmando l’opinione pubblica e allertando gli umanisti. Il fascino che esercita l’idea di poter spiegare finalmente in modo apodittico questioni sulle quali gli umanisti non possono che ‘speculare’, ha condotto alla nascita di numerose «presunte nuove discipline, create premettendo il prefisso ‘neuro’ a saperi nobili e antichi» 2 . La Neuroestetica, argomento di questo elaborato, è una di queste: «queste scoperte (neuroscientifiche) schiudono un nuovo ed estesissimo campo in cui la neurobiologia può cercare di dare risposta a interrogativi come: quali strutture neuronali sono coinvolte nella nostra reazione alla bellezza?» 3 . Se dunque si riuscisse a localizzare nel cervello ogni singola funzione mentale e motoria necessaria all’esperienza artistica e se tutte le leggi neurofisiologiche che presiedono al funzionamento dei neuroni fossero scoperte, tutti i misteri dell’arte, su cui da secoli si arrovellano gli umanisti, verrebbero finalmente svelati, sostengono i neuroscienziati. Ma, si chiedono gli umanisti, l’arte non è una costruzione culturale? Cosa c’entrano le neuroscienze con la dimensione estetica? Zeki risponde: «anche i frutti delle discipline umanistiche, della storia dell’arte e della filosofia… sono prodotti del cervello umano» 4 . In quest’affermazione si intravede già lo «spettro della fisiologia» 5 , che ha condotto molti pensatori troppo fiduciosi nel progresso scientifico, già molto prima della nascita delle neuroscienze, a concezioni meccanicistiche e deterministiche dell’essere umano, che ne negano la libertà, l’originalità, l’anima. A questo proposito, Alessandro Serra scrive: 1 S. ZEKI, in un intervista su ‘La Repubblica’, 05/09/2009, p. 45. 2 C. LEGRENZI, P. UMILTÀ, Neuro-mania. Il cervello non spiega chi siamo, il Mulino, Bologna, 2009, p. 13. 3 S. ZEKI, intervista su ‘La Repubblica’. 4 Ibidem. 5 A. SERRA, Introduzione, cit. p. 9.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi