Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La relazione previsionale e programmatica. Caratteristiche teoriche e problemi di implementazione.

La tesi “LA RELAZIONE PREVISIONE E PROGRAMMATICA. CARATTERISTICHE TEORICHE E PROBLEMI DI IMPLEMENTAZIONE” è articolata in sei capitoli; i primi tre di natura teorica i restanti tre di natura empirica.

Il PRIMO CAPITOLO è composto da cinque paragrafi.
L’oggetto di analisi è costituito dalle autonomie locali: regioni, città metropolitane, province e comuni.
Sono approfonditi, nello specifico, i seguenti argomenti:
-evoluzione normativa delle autonomie locali; dalla Costituzione del 1948 alla riforma del Titolo V del 2001
-proposta di eliminazione delle province
-cenni sulla legge finanziaria 2010
-analisi economica riguardante il decentramento delle funzioni e il federalismo fiscale

Il SECONDO CAPITOLO, formato da quattro paragrafi, si concentra solo sugli enti locali la cui disciplina è contenuta nel decreto legislativo del 18 agosto 2000 n. 262 chiamato Testo Unico degli Enti Locali (T.U.E.L.). L’articolo 2 precisa che, per enti locali si intendono i comuni, le province, le città metropolitane, le comunità montane, le comunità isolane e le unioni di comuni.
Elencate le tre fasi di governo - programmazione, gestione e rendicontazione - è approfondita la prima. Oggi, in presenza di risorse scarse è importante, in tutte le organizzazioni siano esse pubbliche o private, pianificare i mezzi di cui si dispone per soddisfare al meglio i bisogni più urgenti minimizzando gli sprechi. Purtroppo questo non è scontato e, se all’interno di una famiglia si sta attenti a non spendere di più di quanto si guadagna, la stessa cosa spesso non avviene nel settore pubblico dove i governanti, per raggiungere obiettivi personali come visibilità e carriera, tendono a spendere di più rispetto alle possibilità effettive dell’ente generando, negli anni, il loro fallimento (dissesto finanziario).
Sono esposti inoltre i problemi che gli amministratori affrontano nella redazione dei documenti di programmazione e le diverse modalità organizzative: management by objectives, new public management e governance.

Il TERZO CAPITOLO, composto da quattro paragrafi, termina la parte teorica analizzando la relazione previsionale e programmatica; un documento che collega la pianificazione quinquennale con quella annuale. Gli obiettivi di medio periodo (generalmente tre anni) infatti sono funzionali al raggiungimento di quelli di fine mandato e costituiscono la base per la predisposizione dei documenti di programmazione annuale.

Il CAPITOLO QUARTO è formato da due paragrafi.
Il primo presenta la provincia del comune di cui si analizzerà la Rpp; Enna. Sono rilevate le sue caratteristiche in relazione alla popolazione, al mercato del lavoro, alla demografica delle imprese, al commercio estero, al credito e al turismo.
L’osservazione dei dati economici permette di inquadrare meglio l’ambito in cui agisce il comune di Piazza Armerina la cui breve presentazione è effettuata nell’ultimo paragrafo.

Il CAPITOLO QUINTO presenta, in ognuno dei quattro paragrafi di cui si compone, le varie sezioni contenute nella Rpp 2009-2011 di Piazza Armerina: caratteristiche generali, analisi delle risorse e lettura del bilancio per programmi.

Il CAPITOLO SESTO conclude l’elaborato riportando una valutazione soggettiva del documento analizzato in relazione, non solo alla normativa vigente ma anche, al confronto tra bisogni e previsioni.

La tesi inoltre è composta da V allegati.

ALLEGATO I - I dati sulla provincia di Enna

Presenta i dati numerici contenuti nel Rapporto sulla situazione economica della provincia di Enna.
ALLEGATO II - La relazione in sintesi
ALLEGATO III - Caratteristiche generali
ALLEGATO IV - Analisi delle risorse
ALLEGATO V - Lettura del bilancio per programmi

Questi allegati riportano i dati contenuti nella Relazione Previsionale e Programmatica 2009-2011 del comune di Piazza Armerina.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 7 - INTRODUZIONE Il presente lavoro è articolato in sei capitoli; i primi tre di natura teorica i restanti tre di natura empirica. L‟argomento principale è la programmazione negli enti locali e, nello specifico, è approfondita la relazione previsionale e programmatica; documento che tutti gli enti locali devono redigere per pianificare la loro attività nel medio periodo. Il PRIMO CAPITOLO è composto da cinque paragrafi. L‟oggetto di analisi è costituito dalle Autonomie locali - regioni, città metropolitane, province e comuni. I primi tre paragrafi riportano una breve descrizione dell‟evoluzione normativa, dalla Costituzione del 1948 alla riforma del Titolo V del 2001, mentre l‟ultimo descrive la situazione attuale: proposta di eliminazione delle province e legge finanziaria 2010. L‟analisi economica, riguardante il decentramento delle funzioni e il federalismo fiscale, completa l‟esposizione. Il SECONDO CAPITOLO, formato da quattro paragrafi, si concentra solo sugli enti locali la cui disciplina è contenuta nel decreto legislativo del 18 agosto 2000 n. 262 chiamato Testo Unico degli Enti Locali (T.U.E.L.). L‟articolo 2 precisa che, per enti locali si intendono i comuni, le province, le città metropolitane, le comunità montane, le comunità isolane e le unioni di comuni. Elencate le tre fasi di governo - programmazione, gestione e rendicontazione - è approfondita la prima perché oggi, in presenza di risorse scarse è importante in tutte le organizzazioni, siano esse pubbliche o private, pianificare i mezzi di cui si dispone per soddisfare al meglio i bisogni più urgenti minimizzando gli sprechi. Purtroppo questo non è scontato e, se all‟interno di una famiglia si sta attenti a non spendere di più di quanto si guadagna, la stessa cosa spesso non avviene nel settore pubblico dove i governanti per raggiungere obiettivi personali (visibilità, carriera, premi …) tendono a spendere di più rispetto alle possibilità effettive dell‟ente generando, negli anni, il loro fallimento (dissesto finanziario).

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Laura Lo Fermo Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 929 click dal 08/07/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.