Skip to content

La partecipazione dei laici al munus docendi

Informazioni tesi

  Autore: Clelia Del Prete
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Giorgio Feliciani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 90

Questa tesi ha analizzato con un excursus storico, dottrinale, ma soprattutto giuridico l’evoluzione ed i cambiamenti in quella che è nell’ambito del diritto e della prassi ecclesiale una delle funzioni senza dubbio più importanti: la funzione di insegnare. In particolare si è analizzato come si sia sviluppata la partecipazione dei laici alla stessa. Partendo dalla definizione conciliare che indica la Chiesa come “popolo di Dio”, l’analisi si sviluppa seguendo due direttrici. La prima è l’iter storico - culturale che ha portato la comunità ecclesiale tutta a rivalutare ed a porre finalmente nella giusta luce il ruolo e la funzione del laicato senza più metterlo in “opposizione” con il clero e ciò si evince dall’attenta analisi di tutti i documenti in materia elaborati in seno alla Chiesa nell’ultimo quarantennio. Dall’altro questo lavoro, fedele all’idea che è utile ed oggi più che mai indispensabile essere attenti ai “segni dei tempi”, analizza come si è concretizzata la funzione di insegnare per le persone laiche in alcune realtà socio culturali di indubbio interesse per lo sviluppo della materia in oggetto. Le realtà del nord Europa, in particolare quella della Germania sono state oggetto di particolare approfondimento. A tutt'oggi non sono possibili elaborazioni definitive sulla materia, ma le prospettive aperte sembrano interessanti anche per la nostra realtà italiana.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
LA PARTECIPAZIONE DEI LAICI AL MUNUS DOCENDI Tesi di laurea di Clelia Del Prete Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore, 6/7/2000 BREVE SINTESI La Chiesa come communio è stata la grande intuizione del Concilio Vaticano II. Esso, infatti, è stato il primo concilio ecumenico che abbia avuto l’idea di trattare la tematica del laicato ed il primo che abbia inteso e definito la Chiesa tutta come “popolo di Dio”. Da tutti i documenti conciliari si evince come sia auspicabile una sempre più stretta collaborazione tra tutti i “christifideles”, anche nell’esercizio di ruoli e funzioni che, per definizione e per lungo tempo, sono stati riservati in via esclusiva ai sacerdoti. Il Vaticano II non è pervenuto ad una definizione positiva del laico: asserendo che questi non è un chierico e non è un religioso, esso ha creato una definizione che può essere validamente applicata a tutti i fedeli. Dal canto suo, il CIC/83 al canone 207 definisce laici coloro che non hanno ricevuto il sacramento dell’ordine, distinguendo poi tra laici consacrati e non. La differenza rispetto alle indicazioni conciliari è solo terminologica, vista la persistente incertezza teologica in materia e la difficoltà di definire l’indole secolare. La partecipazione dei laici al munus docendi si riallaccia alla questione della sacra potestas, che è un problema teologico – giuridico molto discusso e che non ha ancora trovato una soluzione unitaria. Si può affermare che tutti gli autori

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

conferenze episcopali
diritto canonico
laicato
munus docendi
chiesa cattolica
concilio vaticano ii
predicazione dei laici
insegnamento della religione cattolica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi