Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

J.R.R. Tolkien: filologo e poeta tra antichità e '900

Il presente libro rappresenta un'evoluzione del suddetto lavoro di tesi con il quale l'autrice ha voluto fortemente indagare un aspetto di Tolkien ancora poco conosciuto in Italia, ovvero quello più specificatamente legato al suo amore per la filologia. Attraverso un excursus temporale sulla vita, formazione e attività accademica dell'autore e attraverso l'analisi di un breve componimento in lingua gotica che utilizza il metro allitterativo tipico della poesia germanica, l'autrice porta alla luce un nuovo Tolkien e sottolinea quanto di questo aspetto, spesso tralasciato dalla critica, sia presente nel Signore degli Anelli, l'opera che lo ha reso noto al mondo intero, e in tutta la sua produzione fantasy.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “In a hole in the ground there lived a Hobbit. Not a nasty, dirty, wet hole, filled with the ends of worms and an oozy smell, nor yet a dry, bare, sandy hole with nothing in it to sit down on or to eat: it was a Hobbit-hole, and that means comfort.” 1 Così il Professor J. R. R. Tolkien iniziava Lo Hobbit, preludio al fortunatissimo Signore degli Anelli, per il quale è ormai noto in tutto il mondo. Chi mai avrebbe pensato invece che, per molto tempo, fino alla metà degli Anni Ottanta circa, la sua opera sarebbe stata sottostimata, per non dire ghettizzata, dalla cultura dominante europea? Gianfranco de Turris, giornalista RAI e profondo conoscitore di letteratura fantastica, ha affrontato questa tematica in riferimento all‟Italia nel suo saggio Il Caso Tolkien, prendendo spunto dalla situazione politica di quegli anni: “Per circa un decennio, dunque, Tolkien fu sempre nel mirino della critica di sinistra (…) con l‟accusa di essere 1 “In una caverna sotto terra viveva uno hobbit. Non una caverna brutta, sporca, umida... e neanche una caverna arida, spoglia, sabbiosa... era una caverna hobbit, cioè comodissima.” in J. R. R. Tolkien, Lo Hobbit, o la Riconquista del Tesoro, Adelphi Edizioni, Milano 1992, p. 13. 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Maria Assunta Castriota Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2134 click dal 11/07/2011.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.