Skip to content

Contrattualizzare la sicurezza urbana

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Paolone
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Andrea Lippi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 283

Il tema della sicurezza urbana è entrato nel dibattito pubblico italiano solo di recente rispetto agli altri Paesi occidentali, le politiche ad esso legate sono peculiarizzate dall’incertezza e influenzate dal rapporto inversamente proporzionale che relaziona i reati con il loro relativo “allarme sociale” provocato e dalla capacità di condizionamento dei cittadini da parte dei media nella strutturazione dell’agenda setting. La complessità dei problemi legati al fenomeno della insicurezza urbana porta allo sviluppo di governance di multilivello e alla consapevolezza dell’esistenza di problemi e realtà poliedriche che non possono essere affrontati ricorrendo a tradizionali strumenti e strategie politiche, ma devono essere integrati con il coinvolgimento attivo degli attori locali in grado di comprendere le paure dei cittadini e avere la capacità di individuare soluzioni più efficaci. La presenza di differenti soggetti pubblici e privati in grado di influenzare le fasi del processo decisionale genera una frammentazione di competenze che dà vita a politiche pubbliche frutto di forme multilaterali di accordi tra enti di diverso livello riducendo il monopolio dello Stato sulla sicurezza, si assiste ad un passaggio dall’autorità all’intesa. Il rischio più grande è dettato dal potenziale ricorso a politiche immediate caratterizzate da una esclusiva natura simbolica incapaci di intervenire in modo esteso ed efficace in un determinato contesto territoriale. A partire dalla riforma del Titolo V della Costituzione la frequente adozione di politiche implementate in seguito alla stipula di forme pattizie evidenzia le carenze del “modello italiano di sicurezza” privo di una politica securitaria nazionale solidamente strutturata e condivisa. La complessità del problema comporta il ricorso a policies di natura integrata che abbiano come obiettivo la collaborazione tra Stato e governi locali condividendo le stesse finalità, ossia la vivibilità e la fruibilità dei contesti urbani. Per comprendere l’evoluzione delle politiche contrattualizzate di sicurezza urbana nella realtà italiana e soprattutto nell’ambito locale è indispensabile lo studio delle problematiche e delle realtà locali, quella toscana in generale e fiorentina, nello specifico, con il supporto di interviste semistrutturate ad attori politici e tecnici, per consentire l’individuazione dei limiti e delle prospettive per le città italiane nell’affrontare le difficoltà legate alla sicurezza e alla convivenza civile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
~ 9 ~  Introduzione Nella società contemporanea il sentimento d’insicurezza è sempre più diffuso, le problematiche legate alla sicurezza nella sua accezione più ampia, possono avere origini di diverso tipo: economico, politico-sociale, esistenziale o criminale. Tutte potenzialmente influenti nel condizionare l’esito di gran parte delle campagne elettorali sia nazionali che locali, in tutti i sistemi democratici. Le coalizioni politiche che si presentano agli elettori come garanti della sicurezza mostrano una maggiore capacità nell’influenzare l’opinione pubblica e il dibattito politico a proprio vantaggio. Tale condizionamento è amplificato dal ruolo giocato dagli attori politici e dai media nello strutturare la fase di agenda setting. Ciò avviene in un periodo storico in cui la diffusione di piattaforme di comunicazione e l’incremento di rapide e facili connessioni a internet consentono alle persone di ogni nazionalità di accedere a informazioni provenienti da ogni parte del globo (McLuhan, 1992; Meyrowitz, 1993). La sensazione d’insicurezza è causata principalmente dal disgregamento del Welfare State System e dallo sviluppo di politiche economiche neoliberiste “globali” che negli ultimi anni hanno contribuito alla diminuzione della presenza dello Stato a vantaggio di una maggiore autonomia dei i governi locali (De Giorgi, 2000; Wacquant ,2000; Castel, 2003; Garland, 2004). Lo stato d’insicurezza percepito dipende anche dalla disgregazione e dal mutamento dei nuclei familiari come centro identificativo di certezze (Bauman, 2000), l’instabilità di questi contesti tradizionali determina il radicamento di forme sempre più frequenti di “individualizzazione” nei soggetti che vivono nella società contemporanea. La condizione di isolamento, con la quale ogni persona convive, si amplifica all’interno delle città dove l’insicurezza aumenta progressivamente. Si vanno a costituire popolazioni urbane sempre più eterogenee formate non solo da cittadini residenti, ma anche da soggetti che usufruiscono semplicemente dei servizi che una città può offrire, tra di essi ci sono gli immigrati e i così detti city users, individui che “usano” la città senza appartenere alla popolazione urbana. Lo stato di ansia a cui sono sottoposti i cittadini degli agglomerati più industrializzati è condizionato da logiche non facilmente delineabili che possono essere riassunte in tre concetti principali: 1. security,è lo stato di sicurezza esistenziale, oggi riconducibile allo stato di precarietà causato dall’estremizzazione del liberismo economico;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

contrattualizzazione
community policing
polizia di prossimità
prevenzione sociale
società del rischio
poliziotto di quartiere
governance multilivello
sicurezza urbana
pacchetto sicurezza
prevenzione situazionale
microcriminalità
incivilities
consenso formalizzato
criminalità diffusa
broken window theory
patti per la sicurezza
politiche contrattualizzate
percezione della sicurezza
prevenzione comunitaria
toscana più sicura
zero tolerance

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi