Skip to content

Crevalcore: il romanzo della città del silenzio

Informazioni tesi

  Autore: Clizia De Santis
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia contemporanea
  Relatore: Ilaria Porciani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 107

Nella storia della letteratura italiana è difficile trovare una sezione dedicata alle scrittrici donne, come se si potesse fare a meno della loro presenza. Ma così non è. Le scrittrici, infatti, non solo sono presenti, ma nulla hanno da invidiare ai loro colleghi maschi, anche se il loro numero in percentuale è molto minore . Ed è proprio da questa considerazione che è nata la mia curiosità di far emergere e scoprire il meraviglioso mondo della scrittura femminile per troppo tempo ignorato.
La mia riflessione parte, dunque, da due questioni importanti: la prima affronta ed analizza l’assenza delle donne in ambito letterario e la seconda invece si occupa della loro presenza nell’esercizio della scrittura. Le scritture di donna, numerose nella storia della cultura italiana, sono state e rimangono esterne alla letteratura, considerate voci marginali, occasionali e minori. Nel corso dei miei studi mi sono spesso imbattuta in antologie dove l’assenza femminile era un dato di fatto; questo poteva indurre a pensare che le donne, fin in tempi recenti, salvo qualche rara eccezione, non scrivessero. In realtà le letterate in passato erano moltissime ma venivano escluse e discriminate. Tutto ciò ha portato a credere, in modo erroneo, che la donna non sapesse esprimersi se non nel proprio privato o attraverso forme d’arte silenziose e marginali. Solo negli ultimi decenni la letteratura femminile si è resa visibile e accessibile attraverso la scoperta di lavori inediti di letterate del passato, e di scritti pubblici e privati che per secoli sono rimasti nell’oblio.
L’obiettivo di questo elaborato è lo studio di un romanzo poco conosciuto e studiato di Neera: Crevalcore. Ho deciso di prendere in esame questo testo perché rappresenta la città dove vivo, Ferrara, ma soprattutto perché è un romanzo capace di incuriosire il lettore attraverso la descrizione minuziosa della sensibilità femminile, dei soprusi sociali e dell’enorme violenza che la realtà esercita sulle persone sensibili.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 2. La tradizione letteraria italiana tra Ottocento e Novecento Ho scelto di esaminare il contesto storico e letterario tra l‟Ottocento e il Novecento perché in questo periodo la tradizione culturale e il sistema letterario si trasformano e si ridefiniscono: negli strumenti e nei mezzi, nell‟insieme di produttori e di pubblico. Dopo la rivoluzione francese e le guerre napoleoniche, l‟Europa sembra tornare agli equilibri e alle strutture dell‟Antico Regime 3 . Le potenze vincitrici che definiscono il nuovo assetto europeo nel Congresso di Vienna (1815) sembrano voler eliminare tutte le conquiste della rivoluzione francese, rimettendo sul trono gli antichi sovrani, riaffermando il valore delle autorità, l‟uso della religione come sostegno del potere, la funzione dell‟aristocrazia come guida della società 4 . Gli anni trascorsi hanno però creato in tutta Europa grandi mutamenti scuotendo il prestigio e la sicurezza di valori e poteri costitutivi 5 . In modi diversi, la borghesia ha acquisito una nuova coscienza di sé, come protagonista dello sviluppo economico e sociale: ha scoperto i valori nazionali 6 e sente il bisogno di sperimentare forme di organizzazione politica e sociale. Inoltre, insofferente dei residui delle antiche strutture feudali, sente che la sua dinamicità economica la autorizza ad assumere la direzione della vita politica. Negli anni Cinquanta del XIX secolo, in alcune zone d‟Europa, inizia un processo di industrializzazione che allarga e rafforza quelle forme di organizzazione industriale che già si erano notevolmente sviluppate nell‟Inghilterra del secolo XVIII. Le iniziative industriali 3 Si veda Alberto Mario Banti, Il Risorgimento Italiano, Laterza, 2008. 4 AA.VV., Itinerari dell‟Invenzione,4, Autori, Temi, Crocevia della Letteratura Italiana ed Europea, L‟età del Romanticismo, Sansoni per la scuola, Firenze, 2002. 5 Giulio Ferroni, Storia della letteratura italiana, Dall‟Ottocento al Novecento, Einaudi Scuola, Milano, 1991.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

neera
crevalcore

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi