Skip to content

I dipinti murali di S. Benedetto in Piscinula a Roma

Informazioni tesi

  Autore: Pamela D'andrea
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia dell'Arte
  Relatore: Maria Luigia Fobelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 138

La piccola chiesa di S. Benedetto in Piscinula, situata a Roma nel quartiere Trastevere, presenta ancora tracce di due distinte campagne decorative.
Questo lavoro si propone di illustrarle, ponendo l'accento sulle pitture murali del XII secolo come esempio di arte che ha recepito le indicazioni della Riforma Gregoriana.
Il primo capitolo fornisce una panoramica dell'arte a Roma tra la fine dell'XI secolo e la metà del XIII.
Il secondo capitolo mostra gli avvenimenti storici che hanno interessato la chiesa di S. Benedetto in Piscinula e la descrizione dell'edificio.
Il terzo capitolo illustra, tramite schede, le pitture murali medievali.
Il quarto capitolo pone l'attenzione sul tema del Giudizio Universale e sulla sua rappresentazione in S. Benedetto in Piscinula.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 Capitolo I La pittura a Roma e nel Lazio dall’XI alla metà del XIII secolo Lo scenario politico della Roma degli inizi dell‟XI secolo mostra una città dominata dalla famiglia dei Crescenzi, soppiantati nel 1012 dai Conti di Tuscolo, che per circa un secolo condizionò le elezioni papali facendo salire al soglio pontificio i propri esponenti. Verso la fine del X secolo l‟imperatore salico Ottone III, con l‟intento di portare ordine nella città fiaccata dalle rivolte promosse dal patricius Giovanni Crescenzi, decise di stabilirsi a Roma, per dar vita al sogno di ricostituire un nuovo impero romano 1 . Nella realizzazione dell‟ambizioso progetto, l‟imperatore fu affiancato da uno dei maggiori intellettuali del Medioevo, Gerberto d‟Aurillac, poi divenuto papa col nome di Silvestro II 2 . Intorno all‟anno 936 si diffuse in città il movimento riformatore promosso da Oddone di Cluny, fautore del ripristino della moralità e dei valori della Chiesa compromessi dai 1 Il 21 maggio del 996 Ottone III venne incoronato imperatore in San Pietro. L‟imperatore sognava di realizzare una renovatio imperii con Roma come sede del potere imperiale e della Chiesa, per creare una concordia fra potere civile e religioso. Cfr. R. Krautheimer, Roma. Profilo di una città, 312-1308, Roma 1981, pp. 179-183; F. Marazzi, Aristocrazia e società (secoli VI-XI), in A. Vauchez (a cura di) «Roma medievale», Roma-Bari 2001, pp. 64-69; 2 Gerberto d‟Aurillac scelse il nome di Silvestro per consolidare il forte legame con l'Imperatore Ottone III, del quale fu precettore e maestro. L'imperatore Ottone considerava se stesso un secondo Costantino e così, di riflesso, Gerberto prese il nome del pontefice Silvestro I (314-335), che all'epoca aveva guarito Costantino dalla lebbra e al quale le antiche leggende attribuivano il merito di aver convertito al cristianesimo l‟imperatore. Cfr. A. Barbero, C. Frugoni, Medioevo. Storia di voci, racconto di immagini, Roma-Bari, 1999, pp. 115-118; P. Supino Martini, Società e cultura scritta, in A. Vauchez (a cura di) «Roma medievale», Roma-Bari 2001 pp. 253-254.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

apocalisse
giudizio universale
trastevere
s. benedetto in piscinula
riforma gregoriana
renouveau paléochretién
cicli testamentari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi