Skip to content

Valutazione ambientale strategica del piano regolatore portuale di Cagliari

Informazioni tesi

  Autore: Gavino Mele
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria per l'ambiente e il territorio
  Relatore: Corrado  Zoppi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 196

La tesi tratta la valutazione ambientale strategica del Piano Regolatore Portuale (PRP) di Cagliari, in riferimento alla parte del PRP che si occupa delle aree da destinare al turismo da diporto.
In particolare si concentra sulla modalità di redazione del rapporto ambientale,che costituisce la parte fondamentale della Vas.
La prima parte è un'analisi di tipo economico incentrata sulla situazione economica di Cagliari e sul settore del turismo da diporto (con particolare riferimento alle ripercussioni economiche di tale settore).
Segue una analisi della normativa di riferimento per la definizione di una procedura di VAS, a partire dalla direttiva europea, 42 del 2001 fino alla normativa italiana per poi arrivare alla normativa regionale sarda.
In base ai riferimenti normativi di cui sopra, nel capitolo 3 viene delinato il rapporto ambientale vero e proprio, che parte dalla definizione degli obiettivi, estratti dei vari strumenti di pianificazione regionale,prosegue con l' analisi delle componenti ambientali (paesaggio, aria, acqua,suolo e sottosuolo...) e porta alla redazione di schede di sintesi per ogni componente ambientale (ogni scheda di sintesi riporta gli indicatori che meglio descrivono e sintetizzano lo stato di fatto di quella particolare componente ambientale); in seguito viene effettuata l'analisi SWOT e la definizione di tutti gli obiettivi di piano in base ad una procedura che prima raccoglie tutti gli obiettivi dei vari strumenti di pianificazione e poi estrapola un sottogruppo di obiettivi, detti di "piano", in seguito ad'una procedura di selezione;a tali obiettivi sono successivamente associate le rispettive azioni.
Nell' ultimo capitolo viene effettuato un confronto tra il piano oggetto di tesi e il PRP vigente, sulla base di un'analisi multicriteria (effettuata con il metodo A.H.P. di Saaty);si tratta di un sistema analitico che, sulla base di un certo numero di criteri, stabilisce quale tra i due piani oggetto di valutazione sia preferibile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Il presente lavoro si propone di elaborare una valutazione ambientale strategica con l’obiettivo di individuare le linee guida per una gestione ottimale del turismo diportistico nel contesto della città di Cagliari. Lo studio si pone l’obiettivo di stabilire l’eventualità di un ampliamento del numero di posti barca del capoluogo destinati al turismo diportistico, al fine di poter gestire in maniera ottimale la crescita della domanda alla quale ha assistito il settore della nautica da diporto negli ultimi anni. Il motivo che spinge verso la scelta di un contesto cittadino anziché di un piccolo centro turistico è per lo più legato a ragioni di tipo economico ed ambientale. Si pensa infatti che sotto l’aspetto economico si possano trarre maggiori benefici inserendo la struttura portuale di cui sopra in un contesto urbano, il quale, già dotato di infrastrutture strettamente legate all’ accoglienza e allo svago del diportista, possa in tal modo instaurare un flusso netto di introiti distribuito tra tutti i soggetti, pubblici e privati, che offrono dei servizi alle utenze turistiche; viceversa si può constatare che l’inserimento del suddetto porticciolo in una realtà meno attrezzata dal punto di vista ricettivo (e di fatto pochi comuni possono competere con il capoluogo regionale per quanto concerne l’ampio ventaglio di servizi offerti al cittadino sia esso un turista o un residente) apporterà sì dei benefici economici al comune in questione, ma saranno inesorabilmente legati al porto stesso (costi di “vendita” o di “transito” dei posti barca) e a servizi di tipo alberghiero-ristorativo, mancando infatti gli ampi spazi turistico-ricettivi e commerciali di cui può disporre il capoluogo. Dal punto di vista ambientale si intende invece perseguire l’idea di privilegiare l’individuazione di un contesto urbano in quanto, essendo questo fortemente antropizzato, l’inserimento di un’ulteriore struttura portuale non arreca danni all’ecosistema marino di entità paragonabile a quelli provocati dall’inserimento della stessa struttura in una costa poco o nulla antropizzata. Preme inoltre sottolineare che in Sardegna, fin dalle origini del fenomeno turistico, la risposta che le amministrazioni comunali hanno saputo dare nei confronti dei crescenti flussi turistici è stata meramente quantitativa. Si è impostata una forte politica delle seconde case, orientata verso l’accoglimento del maggior numero possibile di turisti, con conseguente impoverimento delle risorse ambientali e paesaggistiche del territorio sardo, a causa della cementificazione dei litorali. Questo tipo di politica era peraltro giustificabile in un primo momento di sviluppo del settore turistico, quando le infrastrutture di cui disponevano i comuni costieri erano del tutto inadeguate per la gestione della crescente domanda di case, posti letto, viabilità e servizi ricettivi di vario genere. Ma non si può protrarre questo modello a tempo indeterminato se non si vogliono danneggiare inesorabilmente quelle stesse risorse che sono alla base dello sviluppo turistico in Sardegna. Senza voler essere integralisti in senso opposto (ossia proibendo ogni ulteriore edificazione in ambito costiero) si può indicare la via della qualità quale principio ispiratore dello sviluppo turistico; all’ atto pratico bisogna sostenere uno sviluppo del

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi swot
vas
analisi multicriteria
piano regolatore portuale
rapporto ambientale
analisi del contesto
nautica da diporto
a.h.p di saaty

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi