Skip to content

Il coinvolgimento della Cia e degli ulteriori attori nella guerra per procura anti-Urss in Afghanistan

Informazioni tesi

  Autore: Giuseppe Armenio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche
  Relatore: Pietro Neglie
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 106

La tesi verte sul coinvolgimento della Cia e di ulteriori attori internazionali in Afghanistan. I sovietici invadono il paese nel 1979, per farne uno stato satellite e secondo una strategia finalizzata all'accesso ai mari caldi del Golfo Persico. Risulta evidente che gli Stati Uniti non possono permettere che tale intento venga raggiunto, pena uno squilibrio decisivo nell'ambito della Guerra fredda; la Cia mobilita un'ingente mole di risorse per costituire una guerra per procura che si fonda sul sostegno dell'Isi pakistana su cui grava il compito di canalizzare armi e fondi verso la resistenza mujahiddin. I leader principali dell'insorgenza sono il leggendario capo tagiko Ahmed Sha Massoud, Burhanuddin Rabbani ed il pashtun Hekmatyar su cui il Pakistan di Zia al Haq punta per aumentare la sua influenza in Afghanistan. A sostegno di Cia ed Isi si schierano anche l'Egitto di Sadat, la Cina e fanno la loro parte anche il Mi-6 britannico, Israele e l'Iran. È interessante quindi analizzare le dinamiche che portano alla cacciata dell'Urss dal paese ed alla sconfitta del blocco sovietico in un contensto globale, ma ancora più interessante è notare come gli aiuti americani e pakistani gettino le basi per la nascita dei talebani e la loro conquista dell'Afganistan. Nel contesto afgano dell'epoca, inoltre, muove i suoi primi passi Osama Bin Laden, fondatore di Al Qaida e sostenitore convinto del mullah Omar fino alla sua morte avvenuta il 2 maggio del 2011 ad Abbottabad. La mia tesi specialistica, che pubblicherò a breve, verterà sul movimento talebano ed in particolare su come si sia insediato in un contesto nazionale e tribale - su cui pongo particolare accento- completamente dissestato. Inoltre porrò l'accento sul controverso rapporto tra i talebani ed il Pakistan in un contesto di accesa rivalità con l'India e di ambiguità nei confronti dell'alleato statunitense.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. Introduzione Abitato fin dai tempi antichissimi l‟Afghanistan è stato violato da una schiera continua di invasori. Le montagne dell‟Hindu Kush (letteralmente “massacratore d‟indiani”), la catena che domina il paese, hanno visto passare alle loro pendici miriadi di eserciti. Tra i primi di cui si ha notizia, c‟è quello di Alessandro Magno, entrato in Afghanistan nel 330 a.C. Da allora ne sono penetrati talmente tanti che è impossibile tenerne il conto. Se si limita il calcolo a partire dal 1838, l‟Afghanistan ha subito quattro tentativi d‟invasione: da parte persiana (1838), britannica (1839-42 e 1878-82) e infine sovietica (1979-1989). Tutti quanti sono falliti, ma forse il più importante ed il più catastrofico di tutti, a causa delle ripercussioni che ha avuto sul mondo allora diviso in due blocchi totalmente contrapposti, è l‟invasione sovietica. Il coinvolgimento russo ha comportato sicuramente il crollo dell‟U.R.S.S. e la rottura dei blocchi con la conseguente fine della Guerra Fredda che sarebbe avvenuta poco dopo il ritiro. Il mancato conseguimento della conquista dell‟Afghanistan da parte dell‟Armata Rossa è da attribuire in gran parte all‟immane sostegno fornito dalla C.I.A. e dai suoi alleati ai mujahiddin, in una guerra che è rimasta per lungo tempo segreta. Quello che andremo ad analizzare è appunto il coinvolgimento della C.I.A. in Afghanistan ed il contributo di molte potenze mondiali grandi e piccole schierate in concerto e da essa coadiuvate contro l‟Unione Sovietica. La partecipazione alla guerra per procura della C.I.A. ha infatti visto come attori e protagonisti molti stati che hanno creato il primato di un movimento di resistenza unico nella storia dal punto di vista del supporto economico e logistico dall‟esterno. La Russia ha mirato sin dall‟epoca zarista (Pietro il Grande e il Great Game 1 ) all‟accesso ai porti dei mari caldi perché i suoi vasti territori precludevano le facili vie di comunicazione tra Russia europea e Siberia. La guerra russo-giapponese del 1904-05 sembrava rivendicare questa visione. La Transiberiana non trasportava provvigioni e rifornimenti in sufficiente quantità per supportare l‟esercito zarista in Manciuria. La flotta russa nel Baltico impiegava otto mesi dopo che gli inglesi negarono l‟accesso al Canale di Suez, per raggiungere i mari del Sud-Est asiatico. 1 L‟espressione Great Game fu probabilmente coniata da un ufficiale britannico, Arthur Conolly, impegnato in operazioni militari in Asia centrale nella prima metà del 1800 che, fatto prigioniero da un emiro uzbeko, fu gettato in un pozzo nel quale venivano giornalmente buttati rettili e vermi; dopo due mesi quanto restava dell‟ufficiale fu decapitato. J. W. Kaye, lo storico della prima guerra afgana, che lesse il suo taccuino di appunti, usò l‟espressione per definire la contesa tra Russia e Gran Bretagna in quell‟area. Rudyand Kipling la rese celebre nel romanzo “Kim” . Nella seconda metà dell'Ottocento il “Grande Gioco” è, quindi, la secolare conflittualità tra Russia e Gran Bretagna per l‟egemonia in Asia centrale e sull‟impero ottomano;

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

stati uniti
iran
unione sovietica
egitto
afghanistan
osama bin laden
cia
carter
pashtun
gorbaciov
breznev
kgb
golfo persico
mujahiddin
isi pakistana
zia al haq
mi-6
ahmed sha massoud
tagiki
hekmatyar
stinger

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi