Skip to content

Il danno da inquinamento elettromagnetico

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Lavezza
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Carmine Donisi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

L’elettrosmog, quale fattore di inquinamento ambientale in grado di incidere negativamente sulla salute delle persone esposte, sta assumendo connotati sempre più specifici e rilevanti, dando luogo ad un conflitto a più fronti, dove le problematiche appaiono particolarmente complesse, essendo in gioco enormi interessi.
Settori in grande espansione, quello delle telecomunicazioni, e settori tradizionalmente strategici, quello dell’energia, non sembrano disposti a fare i conti con le necessità, inevitabilmente costose, della tutela dell’ambiente e della salute.
L’allarme scatta quando gli studi epidemiologici mostrano un eventuale - probabile rischio per la salute umana derivante da una incontrollata esposizione della popolazione e dei lavoratori alla continua emissione di onde elettromagnetiche, generate dall’attivazione di elettrodotti, di antenne trasmittenti, di ripetitori per la telefonia mobile, di elettrodomestici, ecc
Ma, quali sono i possibili rischi cui è esposta la salute umana?
Gli unici danni biologici ufficialmente riconosciuti, come sottolineato nel capitolo secondo, sono correlati con gli effetti termici delle radiazioni non ionizzanti, derivanti, cioè, dal riscaldamento a livello locale del sistema con cui queste ultime interagiscono.
Negli ultimi tempi, tuttavia, la comunità scientifica rivolge sempre maggiore attenzione ai c.d. effetti non termici della radiazione elettromagnetica, vale a dire quegli effetti, che, pur non traducendosi in un incremento di temperatura significativo, potrebbero sortire dannose conseguenze.
Tuttavia il problema dei possibili effetti a lungo termine dell’esposizione a campi elettromagnetici è, dal punto di vista scientifico, tuttora aperto. L’assenza di un quadro coerente di indicazioni epidemiologiche e biologiche non consente di stabilire una chiara e convincente relazione di causa ed effetto tra alcun tipo di esposizione e alcuna forma di tumore. E’ necessario fornire, comunque , chiare e tempestive motivazioni di scelte puramente cautelative per evitare che vengano interpretate come un’implicita ammissione di pericolosità, aumentando ulteriormente le preoccupazioni e le tensioni dei non esperti, dal momento che è la percezione del rischio che influenza l’atteggiamento psicologico verso i campi elettromagnetici e gli apparati che li generano, con possibili conseguenze anche alla salute.
Quindi, al fine di evitare inutili allarmismi, è compito della letteratura scientifica fornire al pubblico una corretta e completa informazione.
Pertanto, non essendoci certezze scientifiche in merito agli effetti biologici su indicati, è opportuno applicare il principio cautelativo, in base al quale nel campo della salute pubblica e dell’ambiente, bisogna intervenire prima che la scienza dimostri con certezza gli effetti nocivi derivanti dall’interazione umana con fenomeni inquinanti sospetti.
Un criterio protezionistico, universalmente accertato, deve, perciò, indurre all’eliminazione o, quanto meno, alla riduzione delle esposizioni indebite, intendendo con tale termine tutte quelle che non siano giustificate da un adeguato beneficio.
Una politica dei siti ed una riduzione generalizzata delle potenze di emissione dovrebbero mirare a un ottimizzazione dell’impatto globale, con un adeguato bilanciamento delle esigenze sanitarie, ambientali e socioeconomiche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 §1.I campi elettromagnetici e relativi fondamenti di fisica: composizione atomica della materia; la corrente elettrica; campo elettrico, campo magnetico, campo elettromagnetico. Nella società odierna, il fenomeno dell’inquinamento elettromagnetico ha assunto dimensioni ragguardevoli, denotando margini di crescita illimitati. E’ sufficiente pensare alla quantità di energia elettromagnetica impiegata per le comunicazioni radio-mobili, alla presenza di tralicci dell’energia elettrica, ripetitori TV, agli elettrodomestici sempre più sofisticati ma, produttori di campi elettromagnetici. Pertanto, il problema della convivenza con i campi elettromagnetici determina una continua esposizione degli esseri viventi a livelli di radiazioni la cui intensità varia in un intervallo abbastanza ampio, potendo anche raggiungere valori molti elevati. La valutazione delle implicazioni di tali radiazioni, in termini di salute dell’individuo, ha avviato una ricerca volta alla definizione degli effetti biologici delle radiazioni non ionizzanti, dove si definisce non ionizzante una radiazione cui si associa un quanto di energia E=h x f, dove (h) è la costante di Plank ed (f)la frequenza, non sufficiente ad indurre la ionizzazione delle molecole ed a determinare la rottura del legame chimico più debole; si tratta di radiazioni aventi frequenza f < f ionizz. 3x10 Hz, in cui f ionizz. rappresenta la soglia di frequenza in corrispondenza della quale s’ingenerano trasformazioni irreversibili nella materia irradiata, poichè l’effetto della ionizzazione è quello di allontanare dall’atomo dell’elemento in considerazione uno o più elettroni .

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

elettrosmog
radiazioni elettromagnetiche
diritto civile
radiazioni non ionizzanti
campi elettromagnetici
salute pubblica
tutela della sallute
inquinamento elettromagnetico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi