Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tria, progetto di citycar

Con TRIA si è dato vita all’idea di creare una vettura di ridotte dimensioni per uso urbano, possiamo infatti considerarla un’auto da città (o con il termine inglese citycar ormai di uso comune) dove con questa espressione si fa riferimento a quei veicoli in cui dimensioni esterne, potenza del motore e numero dei posti sono inferiori a quelli della comune utilitaria.
La principale funzione di questo tipo di veicolo è quella di cercare di dare una soluzione ai problemi che i centri storici delle città odierne si trovano ad affrontare giornalmente: traffico, parcheggio, inquinamento. TRIA cerca di risolvere efficacemente questi problemi. La sua dimensione longitudinale viene drasticamente ridotta (2,5 m.) con un lieve aumento delle altre due conferendo nuovi canoni di proporzione all’oggetto automobile da cui trae beneficio il parcheggio ed anche l’abitabilità; inoltre prevede una propulsione elettrica, che elimina ogni tipo di inquinamento atmosferico ed acustico.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI ARCHITETTURA Dipartimento di Processi e Metodi della Produzione Edilizia Indirizzo Tecnologico Tesi in DISEGNO INDUSTRIALE PROGETTO DI CITYCAR Laureando : Paolo SANTORO Relatore : prof. Roberto SEGONI Correlatore interno : arch. Luciano FANUCCI Correlatori esterni : arch. Ermanno CRESSONI (Centro Stile FIAT) designer Eugenio BODDA (Centro Stile FIAT) A.A. 1996/97

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Paolo Santoro Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 423 click dal 16/03/2012.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.