Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il controllo di Gestione nelle banche

Il mio lavoro nasce dalla volontà di effettuare un’analisi degli aspetti principali del Controllo di Gestione ponendo attenzione alle peculiarità che ne derivano dalla sua applicazione in ambito bancario.
La banca, come sappiamo, è un’impresa operante principalmente sul mercato di capitali e svolge funzioni sia nel settore dell’intermediazione creditizia sia nel settore degli investimenti ed è sottoposta a continui mutamenti che derivano dallo scenario normativo.
Nel primo capitolo ho accennato il contenuto dell’Accordo di Basilea 1 che fu adottato nel 1988 dal Comitato di Basilea. Con esso le banche sono obbligate a detenere, per ogni euro di impiego, 8 centesimi di "Patrimonio di Vigilanza". Tale grandezza consente alle banche di far fronte alle perdite attese ed inattese insite nell’attività creditizia. Tale normativa ha subito negli anni un’evoluzione alla luce delle inadeguatezze in essa riscontrate: non teneva conto del merito creditizio della controparte. Il capitale accantonato dalla banca era infatti determinato come percentuale fissa dell’importo prestato, stabilita sulla base della tipologia di soggetto affidato (altre banche, stati, imprese, famiglie…) ma non della sua qualità creditizia. Questi limiti hanno portato il Comitato di Basilea a rivedere l’Accordo del 1988 e a realizzarne uno nuovo: l'Accordo di Basilea 2. Il principale elemento di novità contenuto in Basilea 2 è l'adozione di un sistema di rating, che deve divenire strumento di guida della politica creditizia della banca.
Nel secondo capitolo ho illustrato il Controllo di Gestione dandone inizialmente una definizione generale per poi passare ad individuare l’importanza che riveste l’analisi dei rischi nel controllo di gestione in banca.
Il lavoro termina con un’illustrazione del Processo Icaap, processo di controllo prudenziale, che costituisce il secondo pilastro dell’Accordo di Basilea 2 e si sostanzia 4 fasi:
- Mappatura dei rischi (Le banche identificano i rischi a cui sono esposte, tenendo conto della propria operatività e del mercato servito);
- Determinazione del capitale interno (misurazione dei rischi);
- Determinazione del capitale interno complessivo;
- Determinazione del capitale e riconciliazione con i requisiti patrimoniali minimi (le banche dovranno essere in grado di illustrare come le risorse patrimoniali ritenute idonee a fini interni si riconciliano con la definizione regolamentare del patrimonio di vigilanza).
Come accennato in precedenza il settore bancario e di conseguenza il controllo di gestione bancario è sottoposto ai continui cambiamenti normativi: è in atto un Nuovo Accordo, l’accordo di Basilea 3 che entrerà in vigore nel 2013 ed introduce norme ancora più rigide per la determinazione dell’adeguatezza patrimoniale.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 1 IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 1.1 L'attività bancaria: la banca come impresa La banca è un'azienda operante principalmente sul mercato dei capitali, la quale svolge una notevole varietà di operazioni non solo nel settore dell'intermediazione creditizia e dei mezzi di regolamento, ma anche in quelli degli investimenti e delle attività accessorie e complementari. La gestione bancaria, dunque, si concretizza nel continuo susseguirsi e intrecciarsi di processi di acquisizione di mezzi monetari e di processi con cui tali mezzi vengono impiegati in operazioni di prestito, in investimenti in titoli pubblici e privati e in altri strumenti finanziari, oltre che, naturalmente, nella predisposizione e nello sviluppo della struttura aziendale 1 . Le banche moderne offrono numerosi servizi accessori, come la gestione diretta degli investimenti (gestioni patrimoniali), il cambio di valute straniere, il credito all'esportazione, l'emissione di titoli di credito (assegni, carte di pagamento), la custodia di valori in cassette di sicurezza, il supporto a varie operazioni finanziarie come la compravendita di titoli di stato, obbligazioni, azioni, fondi comuni di investimento e sicav. 1 Panetta F., Il sistema bancario italiano negli anni novanta. Gli effetti di una trasformazione, Il Mulino, 2004, p. 13.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Anna Aceto Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8864 click dal 13/07/2011.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.