Skip to content

Il clientelismo politico. Il Caso Mastella

Informazioni tesi

  Autore: Marina Negro
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Valter Coralluzzo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 94

Il lavoro che qui si presenta propone uno studio del fenomeno del clientelismo politico in una duplice prospettiva, che potremmo definire ‘statica’ da un lato e ‘dinamica’ dall’altro. Essa, infatti, si struttura in una parte teorica, in cui l’attenzione di chi scrive si è incentrata su un inquadramento generale del fenomeno, alla luce degli studi e delle riflessioni dottrinarie più importanti, senza ovviamente tralasciare proficui riferimenti a realtà esterne e diverse dal contesto italiano; in una parte stricto sensu empirica, in cui si è posto in risalto, sulla base delle conclusioni raggiunte in sede teorica, con riferimento al c.d. “Caso Mastella” (rectius: alle indagini coordinate e condotte, tra il 2006 e il 2007, dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere sulla fitta rete di clientele che facevano capo al partito politico UDEUR), oggetto di diretto interesse della presente, il clientelismo si connoti, ontologicamente, quale fenomeno politico piuttosto che sociale.
In tale ultimo senso, si è rivelata la lettura della ricostruzione dell’attività di quello che il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale casertano, Dr. Francesco Chiaromonte, non ha esitato a definire “sistema”, infatti la ricostruzione dei fatti ha portato all’emissione di svariate misure cautelari nei confronti dei soggetti indagati, sulla scorta delle indicazioni del Pubblico Ministero competente. Ritroveremo, nel riportare l’attività del gruppo dirigente del partito UDEUR, con riferimento eminentemente alla realtà politico-istituzionale campana, quei presupposti che la dottrina più moderna e attenta pone alla base dei più frequenti e attuali fenomeni di politica lato sensu clientelare.
A tal proposito, la presente propone una riflessione ragionata sul tema della raccolta del consenso, centrale nelle democrazie moderne per quanto attiene alla delicata problematica della selezione delle classi politiche e dirigenti. In una simile prospettiva, si esamineranno quelle forme di politica clientelare che in alcuni Paesi esteri trovano addirittura legittimazione normativa (basti pensare allo spoils system).
Dall’analisi teorica del fenomeno clientelare, contenuta nei capitoli primo e secondo, in cui si è dato ampio risalto agli studi effettuati da sociologi e antropologi su numerose comunità di individui, al fine di sviscerarne le relazioni umane, si presenteranno le maggiori acquisizioni della letteratura in tema di clientelismo, tanto dal punto di vista sociale quanto da quello politico. Gli ultimi due capitoli, invece, saranno interamente dedicati, come già anticipato, alla ricostruzione della vicenda giudiziaria sopracitata con un’attenzione particolare ai richiami che, nel commento di un caso pratico, sarà opportuno effettuare alle indicazioni teoriche presentate nella prima parte della Tesi.
È parso opportuno, inoltre, a chi scrive, corredare l’indagine teorica sul fenomeno clientelare con il ricorso ad una prospettiva storica, che rendesse conto dell’evoluzione dello stesso (come si vedrà, in una con il progressivo abbandono delle teorie e degli approcci sociologici al problema, con l’approdo ad una più matura visione razionalistico-politica), prendendo le mosse dalle riflessioni di quegli studiosi che si sono interessati a quel serbatoio di clientele non soltanto politiche che fu la Roma repubblicana e Imperiale.
Il lavoro si conclude, con un esame critico della vicenda giudiziaria trattata: dal tenore delle conversazioni tenute dagli appartenenti al c.d. “sistema” ruotante attorno al leader di partito e intercettate dalla Procura della Repubblica, si evinceranno e sarà possibile indagare e porre in evidenza le forme, i registri, i codici e le modalità d’azione di una capillare compagine clientelare operante al giorno d’oggi. Si avanzerà, a tal proposito, la conclusione che l’attività posta in essere dal Sen. Mastella e dai suoi più stretti e fidati collaboratori, con riferimento alla conduzione della politica di partito in terra campana, possa essere fatta rientrare nell’attività di un constituency service di matrice statunitense, vale a dire in quel complesso meccanismo in cui l’agente politico imposta il suo impegno e volge la sua influenza all’interno dei pubblici uffici al fine di garantire, prevalentemente – quando non esclusivamente – gli interessi della macchina politica cui appartiene e cui, non di rado, deve il successo elettorale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI CLIENTELISMO: NOZIONE E GENESI STORICA 1. La nozione di clientelismo Nell‟accezione comune con il termine clientelismo si allude a quel rapporto, arricchito da elementi affettivi, che lega due soggetti di norma posti su gradi differenti della scala sociale, in uno scambio di reciproco interesse in cui si incontrano bisogno di protezione e asservimento ad un padrone (cd. clientelismo sociale). Con tale espressione si può fare anche riferimento a quelle pratiche, ampiamente diffuse nell‟ambito dell‟apparato burocratico statale, con cui funzionari infedeli elargiscono favori, benefici, attenzioni, nei confronti di cittadini che non avrebbero merito o diritto alcuno ad un simile trattamento preferenziale. Per il solo fatto di appartenere a una clientela, ovvero di far parte del seguito di un qualche importante esponente politico, in cambio dei cui favori si è garantito sostegno elettorale (di norma, con riferimento non semplicemente ad un‟unica competizione elettorale). Un individuo si vede assegnata una sorta di corsia preferenziale nel suo rapporto con l‟Amministrazione, in virtù della mediazione offerta dal politico-patrono: è

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi