Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il laboratorio dell'immaginazione, progetto educativo didattico nella scuola dell'infanzia

Nel presente lavoro di tesi, l'intera trattazione si articola all'interno di quattro capitoli ognuno dei quali mette in evidenza un determinato aspetto del tema della creatività. Nel primo capitolo ci occuperemo di definire l'etimologia e i diversi significati del termine Creatività; presenteremo un excursus sugli autori che si sono occupati di creatività dando inizio ad una serie di ricerche per poi giungere all'analisi delle due variabili che influenzano la formazione dell'individuo quali la famiglia e la scuola.
Il secondo capitolo è dedicato alla presentazione di alcuni strumenti e programmi, frutti di ricerche, utilizzabili nel contesto scolastico per valutare e misurare la produzione di idee creative. In particolare verranno presentate le strutture e le modalità di somministrazione dei seguenti strumenti: Una prova di creatività pratica, Test della Creatività Infantile, Attività di Sviluppo Della Creatività Infantile, Il test della Creatività e del pensiero Divergente..
Il terzo capitolo, è interamente dedicato a conoscere l’importanza dello sviluppo della creatività, dell’immaginazione e della fantasia per la formazione del bambino e illustrerò le teorie di alcuni autori.
Nel quarto capitolo verrà illustrato in particolare la creatività in relazione al problem solving.
In conclusione il quinto capitolo, presenta la struttura di un questionario per gli insegnanti della scuola materna avente lo scopo di rilevare quali siano gli atteggiamenti degli insegnanti nei confronti del tema della creatività. Il questionario in esame è stato somministrato a dodici insegnanti della scuola dell'infanzia I.T.C "B. Buozzi”, sito a Monterotondo e in tale capitolo illustreremo anche i risultati dell' elaborazione delle risposte fornite in maniera qualitativa.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 PARTE PRIMA CAPITOLO I “LA CREATIVITA’ ” 1.1 Il termine creatività: etimologia e significati L'etimologia della parola creatività ci riporta alla parola di origine indoeuropea che significa crescere. La parola cereale ha la stessa origine: l'atto creativo è e permette una crescita 1 . Cosa s'intende quando ci si esprime con frasi quali: mio figlio ha molta creatività; quel ragazzo è creativo; quella persona ha eccezionali capacità creative? Quando il genitore parla del figlio, per spiegare che ha molta creatività dice che ha fantasia, che riesce a divertirsi con poco o niente, che ha sempre qualcosa da fare. L'insegnante di un alunno creativo dice che è estroso, originale, che dà risposte inattese e convincenti. Di una persona adulta si dice che è molto intelligente, che non si scoraggia di fronte alle situazioni difficili, trova molte soluzioni, che è instancabile e pieno di interessi. Alcune parole sono veri e propri sinonimi della parola creatività, altre magari fanno porre l'accento su alcuni suoi particolari aspetti. Se si pensa all'atto creativo viene in mente che l'individuo che crea, immagina una realtà, esistente o no; oppure che intuisce il problema, nel senso che lo imposta in modo diverso e in modo diverso lo risolve; o ancora che inventa qualcosa di nuovo. Immaginare è la raffigurazione mentale di qualcosa che è al di fuori dell'esperienza che può essere possibile o no. L'immaginazione è un andare oltre le informazioni che si posseggono. Intuire è arrivare alla soluzione senza fare uso dell'algoritmo opportuno, cioè di quella sequenza logica di operazioni che porterebbe alla soluzione prevedibile. Si può arrivare anche ad altre 1 H. Anderson, La creatività e le sue prospettive. La scuola, Brescia, 1972

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Cristina Garofalo Contatta »

Composta da 263 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 11656 click dal 20/07/2011.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.