Skip to content

Il gap di produttività Stati Uniti - Europa dopo il 1995

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Masciotti
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Mirella Damiani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 119

Nel presente lavoro si esplorano le ragioni del differente andamento dei tassi di crescita della produttività del lavoro di Europa e Stati Uniti dagli anni Ottanta ad oggi. Dalla contabilità della crescita emerge infatti che il tasso di crescita della produttività del lavoro, misurata come output prodotto per ore lavorate, è aumentato negli Stati Uniti e diminuito in Europa a partire dal 1995. Tale andamento rappresenta una marcata inversione di tendenza rispetto al periodo precedente, che aveva visto un progressivo processo di convergenza europeo rispetto ai livelli di produttività più elevati dell’economia statunitense.
Gran parte del divario che si manifesta a partire dalla metà degli anni Novanta è attribuibile alla differente performance della Produttività Totale dei Fattori (PTF) tra le due aree prese in esame. Come è noto tale indicatore cattura i miglioramenti di efficienza produttiva dovuti all’adozione di tecnologie superiori, la combinazione più efficiente degli input produttivi e la presenza di economie di scala, e fornisce pertanto una misura dello scostamento dei paesi dalla frontiera tecnologica.
Cercheremo quindi di ripercorrere sinteticamente la letteratura principale sull’argomento evidenziando il ruolo chiave di alcune determinanti istituzionali nell’inibizione della crescita della PTF: la regolamentazione del mercato dei prodotti e servizi e le rigidità del mercato del lavoro.
Nel farlo terremo in considerazione alcuni elementi. In primo luogo si segnaleranno le eterogeneità delle performance dei diversi settori all’interno del campione europeo. Inoltre si esamineranno gli eventuali effetti legati alle politiche suggerite dall’OECD Job Strategy del 1994 e dall’Agenda di Lisbona del 2000. In particolare il focus sarà posto sui regimi di protezione all’impiego e sulla regolamentazione del mercato dei beni e servizi dai paesi europei durante il decennio 1998-2008. Tra le ipotesi interpretative, si assumeranno gli elementi chiave del modello di crescita endogena di tipo “neo-schumpeteriano”. Secondo tale modello, la crescita della produttività totale dei fattori dipende dai fenomeni di adozione ed imitazione della tecnologica esistente o da processi radicalmente innovativi a livello tecnologico. Maggiore è la distanza dalla frontiera tecnologica maggiori saranno i processi di imitazione tecnologica dei paesi lontani da essa, mente lungo la frontiera sono le attività radicalmente innovative a spingere maggiormente in alto i tassi di crescita della PTF.
Si darà inoltre conto della letteratura econometrica che ha stimato la presenza di legami di complementarietà delle determinanti istituzionali nella spiegazione della diminuzione della crescita della PTF.
L’ultima parte del lavoro darà spazio ad un’analisi paese-settore, così da porre in evidenza in quali settori di attività le performance della PTF siano in particolare peggiorate nel corso degli anni nei paesi del vecchio continente.
In sintesi, i risultati raggiunti evidenziano come, i tassi di crescita europei della PTF rispetto a quelli statunitense siano crollati dopo il ‘95 in 3 settori d’attività ben definiti, come quello delle tecnologie delle informazione e comunicazione (ICT), della distribuzione all’ingrosso e al dettaglio, e dei servizi turistici (alberghi e ristoranti). I settori di attività dove l’Europa ha registrato invece tassi di crescita della PTF maggiori rispetto agli Stati Uniti dopo il ’95 sono stati: i) poste e telecomunicazioni; ii) attività finanziarie ed assicurative; iii) produzione di macchinari ed apparecchiature.
Emerge inoltre che le riforme adottate dai paesi europei per ridurre le rigidità del mercato del lavoro e le norme anti competitività dei servizi non manifatturieri non sembrano essere state in grado di alterare in maniera significativa il trend negativo delle perfomance della PTF nel decennio 1998-2008. Tali riforme, definite come “al margine”, hanno infatti fatto leva sugli aspetti politicamente meno controversi su cui intervenire, come i contratti di lavoro di tipo temporaneo; inoltre, le liberalizzazioni dei servizi non manifatturieri non sono state sufficientemente incisive, come nel caso dell’Italia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Nel presente lavoro si esplorano le ragioni del differente andamento dei tassi di crescita della produttività del lavoro di Europa e Stati Uniti dagli anni Ottanta ad oggi. Dalla contabilità della crescita emerge infatti che il tasso di crescita della produttività del lavoro, misurata come output prodotto per ore lavorate, è aumentato negli Stati Uniti e diminuito in Europa a partire dal 1995. Tale andamento rappresenta una marcata inversione di tendenza rispetto al periodo precedente, che aveva visto un progressivo processo di convergenza europeo rispetto ai livelli di produttività più elevati dell‟economia statunitense. Gran parte del divario che si manifesta a partire dalla metà degli anni Novanta è attribuibile alla differente performance della Produttività Totale dei Fattori (PTF) tra le due aree prese in esame. Come è noto tale indicatore cattura i miglioramenti di efficienza produttiva dovuti all‟adozione di tecnologie superiori, la combinazione più efficiente degli input produttivi e la presenza di economie di scala, e fornisce pertanto una misura dello scostamento dei paesi dalla frontiera tecnologica. Cercheremo quindi di ripercorrere sinteticamente la letteratura principale sull‟argomento evidenziando il ruolo chiave di alcune determinanti istituzionali nell‟inibizione della crescita della PTF: la regolamentazione del mercato dei prodotti e servizi e le rigidità del mercato del lavoro. Nel farlo terremo in considerazione alcuni elementi. In primo luogo si segnaleranno le eterogeneità delle performance dei diversi settori all‟interno del campione europeo. Inoltre si esamineranno gli eventuali effetti legati alle politiche suggerite dall‟OECD Job Strategy del 1994 e dall‟Agenda di Lisbona del 2000. In particolare il focus sarà posto sui regimi di protezione all‟impiego e sulla regolamentazione del mercato dei beni e servizi dai paesi europei durante il decennio 1998-2008. Tra le ipotesi interpretative, si assumeranno gli elementi chiave del modello di crescita endogena di tipo “neo-schumpeteriano”. Secondo tale modello, la crescita della produttività totale dei fattori dipende dai fenomeni di adozione ed imitazione della tecnologica esistente o da processi radicalmente innovativi a livello tecnologico. Maggiore è la distanza dalla frontiera tecnologica maggiori saranno i processi di imitazione tecnologica dei paesi lontani da essa, mente lungo la frontiera sono le attività radicalmente innovative a spingere maggiormente in alto i tassi di crescita della PTF. Si darà inoltre conto della letteratura econometrica che ha stimato la presenza di legami di complementarietà delle determinanti istituzionali nella spiegazione della diminuzione della crescita della PTF.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

innovazione
stati uniti
competizione
europa
formazione professionale
nmr
crescita endogena
aghion-howitt
contabilità della crescita
produttività del lavoro
epl
differenziale produttività
ptf
analisi paese-settore
pmr
on the job training
regimi di protezione all'impiego
regolamentazione mercato dei prodotti
neoschumpeteriano
neoschumpeteriana
variabili istituzionali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi