Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ricerca ed Innovazione al servizio dell'impresa: Spin-off, PST e BIC

L'innovazione è alla base di un'iniziativa imprenditoriale di successo; ma, tra l'idea innovativa e la sua effettiva realizzazione, ci sono degli ostacoli tecnici da superare, come reperire finanziatori, redigere il business plan, formare uno staff competente.
È in questa fase, quindi, che intervengono i cosiddetti incubatori d'impresa: si tratta di strutture attrezzate per favorire la nascita e lo sviluppo di nuove iniziative imprenditoriali interagendo con gli imprenditori, offrendo servizi e risorse finanziarie, agendo nella fase in cui serve il cosiddetto seed money, ossia fornendo il capitale per far nascere l'attività assumendo rischi che altre categorie di investitori non sono disposti ad assumere, perché preferiscono intervenire in fasi di sviluppo dell'impresa più avanzate.
La tesi, quindi, dopo aver analizzato lo scenario delle PMI in Italia e in Europa, sottolineando i loro punti di forza e di debolezza, il ruolo primario che hanno nell'economia, passerà in rassegna tutte le strategie connesse allo start-up di impresa, esaminando le varie tipologie di investimento e le categorie di investitori istituzionali (Venture Capitalist, Business Angels e così via). Dopo aver visto come nasce uno spin-off e cosa differenzia uno spin-off di ricerca da uno d'impresa, entreremo nel vivo del lavoro, vedendo nel dettaglio cos'è un incubatore, come si sono sviluppati sin dagli anni '50 negli Stati Uniti e quale è la situazione italiana. Passando attraverso esempi di incubatori, passeremo in rassegna strutture quali Parchi Scientifici e Tecnologici e Business and Innovation Centres. La tesi si concentrerà anche su due casi particolari, che rappresentano, per diversi aspetti, esempi virtuosi del sistema italiano: l'AREA Science Park e Città della Scienza di Napoli (ora nota come Campania Innovazione). A completare la tesi, un'intervista al Prof. Vittorio Silvestrini, iniziatore del progetto Fondazione IDIS e ideatore di Città della Scienza.
Le conclusioni finali contengono alcune riflessioni sull'importanza di investire nell'innovazione, soprattutto per un Paese come l'Italia che, stando agli indici di innovazione, crede poco in tale valore.

Mostra/Nascondi contenuto.
~ 3 ~ Desidero innanzitutto ringraziare il Prof. Amato, relatore della tesi, per i preziosi insegnamenti impartiti durante lo svolgimento delle sue lezioni e per l‟attenzione dedicata al mio lavoro; in secondo luogo, ho il piacere di menzionare la Dott.ssa Lucia Simonetti, sempre cortese e disponibile, per il tempo e i validi consigli dedicati a sostegno di questa tesi. Un pensiero va ai miei genitori per l‟apporto morale e economico ai miei studi, oltre che per il grande aiuto che mi hanno sempre dato e che continueranno a darmi ora che nuove sfide della vita mi attendono. Ringrazio la facoltà di Scienze Politiche e tutti coloro che vi lavorano: ricorderò sempre con piacere tutti i professori, da ognuno di essi ho avuto modo di imparare qualcosa, non solo a livello didattico ma anche a livello umano. Inoltre, esprimo tutta la mia gratitudine ai colleghi d‟università che hanno condiviso con me questo percorso di due anni, un‟esperienza che ha avuto modo di arricchirci a livello formativo e culturale. Probabilmente le nostre strade ci porteranno altrove, ma il ricordo di un periodo importante della nostra vita resterà per sempre. Infine, concludo ringraziando i miei amici, sempre preziosi, e Fabiana, insostituibile presenza nella mia vita. Francesco Piscitelli

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Piscitelli Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 27206 click dal 26/07/2011.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.