Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I fondi pensione

Questa tesi è iniziata descrivendo le varie riforme del sistema pensionistico italiano.
Abbiamo approfondito i fondi pensione, in particolare modo dei fondi pensione chiusi o negoziali di cui ci siamo soffermati sulle caratteristiche e sul modello di genesi e di costituzione. Abbiamo accennato i fondi pensioni aperti e abbiamo parlato del finanziamento e del trattamento fiscale dei fondi pensione.

In seguito abbiamo parlato dei rischi dei fondi pensione che possono essere il rischio finanziario e quel politico, gli eventuali rimedi a tali rischi, i vantaggi e gli svantaggi dei fondi pensione a contribuzione definita e a prestazione definita, i problemi relativi al governo dei processi legati agli investimenti previdenziali, i costi di gestione che possono incidere molto sui fondi pensione e al problema delle stock option che possono alterare i risultati dei bilanci e condizionare pesantemente i rendimenti dei fondi pensione. Infine abbiamo parlato della formazione e delle cautele da seguire nella fase di costituzione del montante e nella fase di erogazione della rendita.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Nonostante siano presenti nel nostro ordinamento da diversi anni, è soltanto di recente che i fondi pensione sono divenuti oggetto quotidiano di conversazione: in particolare con le disposizioni in materia pensionistica contenute nella cosiddetta “Riforma Maroni” e nella legge finanziaria del 2007 che prevede il conferimento del tfr maturando ai fondi pensione già dal 2007 e non dal 2008 come prevede la riforma Maroni. L’avvio dei fondi pensione in Italia è iniziata già da oltre un decennio. Fino al 1992, infatti, gli italiani hanno vissuto una situazione che si può definire invidiabile, protettiva un welfare che a tutto e che consentiva ai cittadini di dormire sonni tranquilli, soprattutto il loro futuro previdenziale. Poi, per cercare di riequilibrare i conti pubblici, sono arrivate le prime riforme del sistema pensionistico e persino le categorie che in passato si potevano considerare iperprotette hanno dovuto iniziare a valutare attentamente la questione. È, infatti, molto probabile che la pensione pubblica su cui potremo contare, una volta entrate a regime le riforme, oscillerà tra il 25% (autonomi con scarsa contribuzione) e il 63% (dipendenti con elevato incrocio tra età e contribuzione) della retribuzione media. Per integrare la pensione pubblica, che con il passare del tempo diventerà sempre più irrisoria, i lavoratori dovranno aderire ai fondi pensione.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Martina Bernardelle Contatta »

Composta da 99 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1213 click dal 26/07/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.