Skip to content

Analisi statistica del mercato automobilistico in Italia

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Bruschetta
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Scienze Statistiche
  Corso: Statistica per le applicazioni
  Relatore: Romina Gargano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

Il settore dell’automobile ricopre un ruolo fondamentale per l’intera economia mondiale fin dalla sua nascita. Esso è considerato l’industria delle industrie ed anche in Italia è il settore con più addetti. A causa della crisi economica, l’automotive da un pò di anni alterna situazioni di crisi a riprese più o meno incoraggianti. La sua caratteristica principale è quella di essere un settore in continuo “movimento”, nel senso che essendoci una forte competizione, le case automobilistiche fanno dell’innovazione continua la loro arma principale. Obiettivo di questo lavoro è stato descrivere l’andamento delle immatricolazioni automobilistiche in Italia, evidenziando eventuali differenze regionali, e fornire un contributo alla modellizzazione statistica di tale fenomeno descrivendo l’andamento temporale mediante un approccio basato sui modelli ARIMA stagionali.
Nel primo capitolo si è brevemente introdotto il tema del mercato automobilistico focalizzando l’attenzione sulla situazione italiana.
Il secondo capitolo è dedicato alla descrizione del trend delle immatricolazioni delle automobili in Italia dal 2000 al 2010. Come era prevedibile si è assistito negli anni ad un progressivo decremento delle vendite di automobili, eccezione fatta per 2006 e soprattutto per il 2007. Tale inversione di rotta è dovuta principalmente agli incentivi statali, nonchè alla messa in circolazione di nuovi modelli di automobili (esempio Fiat 500). Il trend mensile delle immatricolazioni, ha evidenziato che generalmente il “boom” delle immatricolazioni avviene nel primo trimestre dell’anno, Marzo in particolare, mentre un brusco calo si ha nel mese di agosto. Probabilmente ciò è da addebitarsi, alle campagne promozionali delle case automobilistiche le quali nei primi mesi dell’anno effettuano sconti sulle autovetture presenti in azienda e fabbricate l’anno precedente, mentre il calo in agosto è giustificabile con il periodo delle ferie estive. Inoltre, poichè di fronte alla crisi economica, l’acquisto di un’automobile nuova rappresenta un bene di cui si può fare a meno, ed essendo note le differenze socio-economiche delle diverse regioni italiane, si è proceduto alla descrizione degli andamenti delle immatricolazioni nelle quattro macro aree (Italia Settentrionale, Italia Centrale, Italia Sud, Italia Insulare). Il trend in generale mostra un andamento simile anche se si sono osservate delle importanti differenze nei valori assoluti. Di conseguenza, al fine di evitare la possibile influenza della diversa densità abitativa sono stati costruiti i rapporti di composizione rapportando il numero di autovetture immatricolate alla popolazione media del periodo. É stato confermato il divario tra le vendite di automobili nuove del centro-nord con il sud e le isole è ed un’inversione del centro-nord con sud e le isole, ma si è evidenziata un’inversione del nord Italia con il centro e del sud Italia con le isole.
Per confermare quanto detto, è stata applicata una MANOVA non parametrica utilizzando la metodologia NPC test che ha mostrato l’esistenza di differenze statisticamente significative tra le immatricolazioni nelle macro aree. Dal confronto a coppie si è visto come tale differenza sia da imputare al comportamento del sud Italia e delle isole. Successivamente, al fine di verificare se tale comportamento sia variato negli anni, è stata ripetuta l’analisi stratificando per anno, i risultati, però, hanno evidenziato una certa omogeneità di comportamento negli anni tra le macro aree. Volendo ulteriomente indagare sulle differenze tra le regioni, è stata studiata la dipendenza tra il numero di immatricolazioni ed i principali fattori socio-economici, (tasso di disoccupazione, redditi procapite, diverse zone, anni) attraverso la metodologia CART. Si è notata una significativa differenza tra il numero medio di immatricolazioni nelle tre aree considerate. In particolare si evince che in media nel nord esiste quasi il doppio delle auto immatricolate rispetto al centro-sud. Tale differenza aumenta se si considera il confronto nord sud.
Il terzo capitolo è stato, invece, dedicato alla modellizzazione del fenomeno. Dopo un breve background teorico, si è passati all’individuazione del modello che meglio descrivesse il comportamento temporale delle immatricolazioni delle auto in Italia. Tra tutti i modelli stimati quello che minimizza l’AIC è un SARIMA(2,1,1)(0,1,1). La bontà del modello è stata confermata anche dall’analisi dei residui e dall’ottima bontà previsiva. In conclusione, è possibile affermare che il futuro della vendita delle auto nuove non è certo roseo soprattutto senza i benefici statali. Il bene “automobile nuova” in questi ultimi anni sta divenendo, infatti, un lusso per molti italiani soprattutto per gli abitanti delle regioni con tassi di disoccupazione alti e redditi pro capiti bassi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 2 Descrizione del trend delle immatricolazioni Nel presente lavoro di tesi è stata analizzata la serie mensile dal 2000 al 2010 delle immatricolazioni in Italia di autovetture per provincia e regione. I dati sono stati forniti dall’Associazione nazionale filiera industria automobilisti- ca(Anfia). 2.1 Descrizionedeltrenddelleimmatricolazioni in Italia In tabella 2.1, si riporta la distribuzione per mese ed anno delle immatrico- lazioni in Italia. Le figure 2.1 e 2.2 riportano, rispettivamente, gli andamenti annui e mensili dalle immatricolazioni delle automobili avvenute in Italia. 7

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi statistica
mercato automobilistico
mercato dell'automobile
npc test
modelli sarima
modelli arima stagionali
crisi del mercato dell'auto
andamento temporale
immatricolazione automobili
automobili in italia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi