Skip to content

China and India between trade cooperation and competition

Informazioni tesi

  Autore: Anita Consonni
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne
  Corso: Lingue, Mercati e Culture dell'Asia
  Relatore: Antonella Ceccagno
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 77

China and India, have come to play an increasingly relevant role in the world to the extent that they are about to change the geopolitical equilibrium in Asia and upset the world order established at the end of the Cold War.China and India share a lot of the same history: they are both two of the world’s oldest
civilisations that have been linked by religion and commerce thanks to Buddhism and the Silk Road. In the 1700s their economies were the richest and the most developed, far ahead of Europe and the newly born United States. In the 18th and 19th century they both experienced the Western colonial influence and colonial trading regimes that slowed down their growth and marked a setback in their relation. After India’s independence and the establishment of the People’s Republic of China, exchanges
started again based on the Five Principles of Peaceful Coexistence and summarized by the catch phrase “Hindi-Chini bhai-bhai”, Hindi for “Indians and Chinese are brothers”.
2010 has marked the 60th anniversary of the establishment of diplomatic relations between China and India.
The Sino-India relationship hasn’t always been positive: India and China share a long and disputed border that had been cause of many controversies in the recent year. After a bloody war fought in 1962, the rapprochement was slow and prude. Many meetings had been held and agreements had been signed, but concerning the border disputes, little tangible progress has been made.
Trade is a key element in the modern relationship between China and India. In the past twenty years improving bilateral trade has been the main cause of interaction and cooperation between China and India.
After a brief stall in 1998 due to India’s nuclear testing, trade figures rapidly picked up with growth rates of 45% per year. Currently India is China’s tenth trading partner while China is India’s top trading partner. In 2008 their bilateral trade amounted to US$ 51 billion and the trade target of US$ 60 billion established for 2010 has been reached despite the world financial crisis. Considering the trade figures, Sino-India trade partnership seems strong and stable, but analyzing the trade composition it is clear that the relation is uneven, and highly in favour of China. India lags far behind China in both
world commerce and bilateral trade.
Considering bilateral trade composition and volume, India is much more dependent on China than vice versa. China’s imports from India are mainly composed of raw materials, which China takes away from India’s industries, because India lacks a strong and competitive manufacturing sector and is bound to import value added products, such as electrical and electronic products and machineries from China. Therefore India’s exports of low value added products and imports of high value added products show its subordinate position in bilateral trade. Trade deficit between the two is also
another indicator of China’s dominance; in 2008 it amounted at 11.2 billion. Before assessing trade cooperation or the realization of a Free Trade Area between China and India, the issue of trade deficit needs to be solved.
Also analyzing the performance of China and India in the world economy, it is clear how China ranks far ahead of India for volume and composition of trade. China is now the second largest economy behind the United States, having passed Japan in 2010. In comparison to India, China is more open to international commerce, has been able to strengthen his position in many market sectors, is a best recipient for Foreign Direct Investment and has suffered less from the world financial crisis. Except for the size of the software industry, India lags behind on most developmental indicators.
By retracing the history of trade between China and India in the first chapter, and through an analysis of China and India bilateral trade and their performance in world trade in the following chapters, this thesis aims at demonstrating that the relationship between the two countries could be considered one of cooperation. However, a deepen analysis shows that the partnership is not balanced: China clearly holds a favourable position in bilateral and world trade and is not willing to let India catch up with it.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1. HISTORY OF TRADE 1.1 THE BEGINNING Map 1: The Silk Road Source: International Encyclopedia of the Social Sciences The earliest evidence of trade between the two countries dates back to as early as the fourth century BC when the different types of Chinese silk were mentioned in the Sanskrit work Kautiliya Arthasastra. On the Chinese side, China’s conquest of the Western region during the early Han period marked the start of the commercial relationship with India. Since then China had been exporting silk and benefitting from the cotton goods in the Indus valley. 1 In the first century A.D, the practice of Buddhism spread from India to China. This new religion helped increase the interactions between the two civilizations. Monasteries and pilgrims contributed to diffusion of trade and consumption of goods. The best symbol of the trading relationship between China and India is the so-called Silk Road. The southern Silk Road stretched through Sichuan and Yu nnan provinces, Burma, and had India as its final destination. Records of the cotton and silk travelling this route date back to the second century BC. 2 In the forth and sixth century, the northern Silk Road route became unstable and trade along the southern Silk Road increased substantially. 3 1 Prakash Charan Prasad, Foreign Trade and Commerce in Ancient India , (New Delhi: Abhinav Publications, 1977), p. 66. 2 Ibid., p. 66. 3 “Silk Road”, International Encyclopedia of the Social Sciences , 2008, http://www.encyclopedia.com/doc/1G2-3045302450.html (3 November 2010). 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi