Skip to content

Recidiva e pericolosità sociale

Informazioni tesi

  Autore: Agostino Vigliarolo
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Scuola di Specializzazione Prof. Legali
Anno: 2011
Docente/Relatore: Pietro Pomanti
Istituito da: Università Telematica Guglielmo Marconi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

La presente tesi intende approfondire l’istituto della recidiva, come sviluppatosi nella legislazione italiana. Il tutto strettamente legato al concetto di pericolosità sociale.
Il lavoro si divide in tre parti.
Il primo capitolo, di natura storico-introduttiva, illustra la pericolosità sociale, il suo concetto penalistico, passando in rassegna le principali teorie, dall’indirizzo individualistico, a quello sociologico, al multifattoriale. Il secondo capitolo del presente lavoro analizza invece l’istituto della recidiva nel quadro dello sviluppo normativo. Si passa a esaminare il Codice Rocco, la riforma del 1974, fino ad arrivare a quella del 2005 (legge ex Cirielli), che a tutt’oggi rappresenta la normativa vigente in materia di recidiva. Si approfondiscono poi le forme e la disciplina positiva della recidiva dopo la legge ex Cirielli.
Il terzo e ultimo capitolo è di tipo critico, e parte dall’esaminare i principali problemi di incostituzionalità della “nuova” recidiva. Si analizza poi la recidiva che verrà, prendendo a esame sia il sistema comparato (cosa prevedono gli altri Paesi in materia di recidiva) sia le proposte di modifica legislativa presentate in questi anni al Parlamento italiano. Si passeranno in rassegna i vari progetti di riforma del codice penale (i progetti Pagliaro, Grosso, Nordio) che puntano a favorire una valorizzazione della recidiva, trasformandola da facoltativa in obbligatoria.
L’ultimo progetto di legge che interessa la recidiva è il ddl Berlusconi sul processo breve che introduce un vero e proprio regime differenziato sulla prescrizione del reato per gli incensurati e i recidivi semplici. Una differenziazione - che se dovesse diventare legge - non sarebbe immune da rilievi di incostituzionalità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO 1 La pericolosità criminale nelle teorie criminologiche I Pericolosità sociale e delinquenti: alla radice dell’atto criminoso Nel XIX secolo era generale convincimento che la delinquenza fosse il risultato del diffuso comportamento delle classi più povere. Questa è l’epoca della crescita e del consolidamento del capitalismo industriale più selvaggio, con uno sfruttamento della mano d’opera oggi inimmaginabile: mancano le garanzie più elementari per gli operai, l’assicurazione e la previdenza, i sindacati sono fuori legge, i salari irrisori. Tutti questi fattori sociali così sfavorevoli “rappresentano un importante incentivo alla delinquenza, talché nella cultura dominante a quell’epoca, che era la cultura borghese, andò affermandosi il concetto di classi pericolose”. 1 1 “Il tumultuoso sviluppo industriale aveva attirato dalle campagne grandi masse di proletari che erano costretti a vivere in condizioni miserrime e ai limiti della sopravvivenza. L’urbanizzazione vedeva le città popolarsi di una popolazione contrassegnata in molta parte da miseria, ignoranza, alcolismo, prostituzione e delinquenza. È in questo periodo che va prendendo piede una interpretazione dei fenomeni criminosi come direttamente causati dalla povertà”. Sul punto, si veda PONTI G., Compendio di criminologia, Cortina, Milano, 1999, p. 85.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

controriforma
teorie criminologiche
pericolosità sociale e delinquenti
alla radice dell’atto criminoso
l’indirizzo individualistico
l’indirizzo sociologico
l’indirizzo multifattoriale
concetto di capacità a delinquere
concetto di pericolosità sociale
distinzione tra capacità a delinquere e pericolosi
recidiva nel codice rocco
(legge ex cirielli)
recidiva dopo la legge ex cirielli
la nuova recidiva
la recidiva nell'ord. penale
profili di incostituzionalità
processo breve e berlusconi
processo breve
sconto di pena per i recidivi
progetti di legge in parlamento
riforma della recidiva
riforma del 1974

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi