Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'operaio nella letteratura "paternalista" inglese del XIX secolo e la ricezione italiana della morale selfhelpista

Il lavoro si propone di analizzare un eterogeneo corpus di opere rivolte alle working classes inglesi nel corso dell'Ottocento allo scopo di promuovere presso di esse i valori della borghesia vittoriana; inoltre, si confronterà questa letteratura paternalista con un genere letterario che riscosse una discreta fortuna nell'Italia degli anni '60 (variamente definito come letteratura selfhelpista, lavorista, per il popolo), domandandosi sino a che punto i casi italiani e inglesi siano assimilabili sotto la comune matrice del self help o della morale economica borghese.
L'obiettivo è seguirne lo sviluppo individuando l'origine e l'esaurirsi di questo fenomeno editoriale, le motivazioni religiose e politiche che mossero questi scrittori, le influenze e i legami col mondo industriale e politico, l'etica del lavoro, il modello ideale del lavoratore e delle relazioni sociali che emergono da queste opere e, in parte, si collegano all'ideologia industrialista dei primi imprenditori (esemplare per l'Italia il caso di Alessandro Rossi).
Gli archetipi di questa letteratura vengono rintracciati nel progetto pedagogico intrapreso dalla scrittrice evangelica Hannah More nell'Inghilterra di fine Settecento, percorsa dalle inquietudini causate dalla rivoluzione francese e dalla percezione di un distacco tra la religione e le masse. Un successivo importante sviluppo è individuato negli scritti di Harriet Martineau editi dalla Society for the Diffusion of Useful Knowledge che suggeriscono un punto di svolta nella transizione al capitalismo industriale moderno, secondo l'interpretazione di Polanyi. La figura di Samuel Smiles domina il panorama di questa editoria nella seconda metà del secolo col suo Self-Help e la sua morale basata sul risparmio, l'iniziativa individuale, il distacco da una religione fino ad allora usata per legittimare il rispetto delle gerarchie sociali esistenti.
Smiles rappresenta anche il punto d'incontro tra Inghilterra e Italia, dove si era sviluppata autonomamente una letteratura destinata ai ceti popolari grazie al pionieristico lavoro di Cesare Cantù e alle fortunate traduzioni dei testi di Benjamin Franklin. Strafforello, Lessona, Alfani, Revel, Scarabelli e lo stesso Cantù saranno alcuni tra i nomi, più o meno noti, che negli anni posteriori all'Unità si accinsero a “fare gli Italiani” facendone anche dei buoni lavoratori, in contrasto con la morale cattolica o adattando a essa il selfhelpismo smilesiano ritenuto funzionale allo sviluppo industriale del paese. Riguardo a questi scrittori si accenna anche a possibili influenze francesi (come de Gérando) e si ipotizza che il Self-Help e altri libri fossero l'elaborazione ideologica delle pratiche sociali in vigore in molte industrie, basate sul nesso tra paternalismo e deferenza che doveva continuare a legare le classi sociali anche in presenza dei cambiamenti indotti dall'industrializzazione e dall'urbanesimo.
In conclusione si identificano nella morale cattolica ancora predominante e nelle diffuse resistenze al nuovo modello industriale elementi peculiari al caso italiano, che pure condivide con la letteratura paternalista inglese una tendenza alla progressiva emarginazione delle tematiche religiose a vantaggio di quelle economiche; l'esaurirsi di entrambe queste letterature è rintracciato negli anni '70 col progressivo slittamento verso posizioni conservatrici alimentate dalla paura del socialismo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Nel 1865 i mercati editoriali di due paesi in condizioni così diverse, come l'Inghilterra vittoriana vicina al suo apogeo e l'arretrata Italia, alle prese con i problemi seguiti all'unificazione, erano accomunati dalle abbondanti vendite della stessa opera, un corposo pamphlet che, senza avere alcuna pretesa letteraria, si rivolgeva alle classi lavoratrici per s pronarle a lavorare duramente, risparmiare e rendersi artefici del proprio destino: il Self-Help di Samuel Smiles, destinato a diventare rapidamente uno dei maggiori best seller della seconda metà del secolo a livello internazionale 1 . Questo li bro era, a sua volta, solo l'ultimo esempio di una lunga serie di testi che, principalmente nella Gran Bretagna artefice della rivoluzione industriale, ma in misura minore anche nel nostro e in altri paesi, si proponevano da decenni di diffondere nei ceti subordinati le virtù, le concezioni economiche e gli stili di vita della borghesia, valorizzandone, a seconda dei contesti, pi ù gli aspetti legati alla dimensione produttiva o quelli riguardanti la sfera morale. L'obiettivo che ci si propone in questo lavoro è di seguire gli sviluppi di queste letterature rivolte al popolo indagandone le origini, le matrici ideologiche di questi scrittori, il ruolo svolto nel legittimare l'affermarsi del capitalismo industriale e del modello di fabbrica in un momento cruciale di transizione ad un'economia interamente regolata dal mercato, i loro rapporti con le classi dirigenti e la ricezione di queste opere, istituendo un raffronto tra il caso inglese e quello italiano, anche se verranno brevemente prese in considerazione altre realtà che ebbero un'influenza secondaria sull'elaborazione di questo genere di testi nel nostro paese. L'eterogeneità del materiale, quasi sempre affine nei contenuti, ma divergente sia per le forme che ha di volta in volta assunto (narrativa, pamp hlet, trattatelli popolari) sia per l'orientamento e le finalità di questi autori, che raramente si possono raggruppare in vere e proprie “correnti”, ha reso difficile per gli studiosi identificare questa 1 Oltre alle informazioni qui contenute nei capitoli dedicati a Smiles, per valutare appieno l'immensa fortuna di quest'opera, tradotta anche in francese, tedesco, greco e altre lingue, si veda Adriana Chemello, La biblioteca del buon operaio. Romanzi e precetti per il popolo nell'Italia unita, Unicopli, Milano 1991, pp. 45-46. 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Roberto Destefanis Contatta »

Composta da 206 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 987 click dal 02/08/2011.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.