Skip to content

L'operaio nella letteratura "paternalista" inglese del XIX secolo e la ricezione italiana della morale selfhelpista

Informazioni tesi

  Autore: Roberto Destefanis
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia
  Relatore: Gian Carlo Jocteau
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 206

Il lavoro si propone di analizzare un eterogeneo corpus di opere rivolte alle working classes inglesi nel corso dell'Ottocento allo scopo di promuovere presso di esse i valori della borghesia vittoriana; inoltre, si confronterà questa letteratura paternalista con un genere letterario che riscosse una discreta fortuna nell'Italia degli anni '60 (variamente definito come letteratura selfhelpista, lavorista, per il popolo), domandandosi sino a che punto i casi italiani e inglesi siano assimilabili sotto la comune matrice del self help o della morale economica borghese.
L'obiettivo è seguirne lo sviluppo individuando l'origine e l'esaurirsi di questo fenomeno editoriale, le motivazioni religiose e politiche che mossero questi scrittori, le influenze e i legami col mondo industriale e politico, l'etica del lavoro, il modello ideale del lavoratore e delle relazioni sociali che emergono da queste opere e, in parte, si collegano all'ideologia industrialista dei primi imprenditori (esemplare per l'Italia il caso di Alessandro Rossi).
Gli archetipi di questa letteratura vengono rintracciati nel progetto pedagogico intrapreso dalla scrittrice evangelica Hannah More nell'Inghilterra di fine Settecento, percorsa dalle inquietudini causate dalla rivoluzione francese e dalla percezione di un distacco tra la religione e le masse. Un successivo importante sviluppo è individuato negli scritti di Harriet Martineau editi dalla Society for the Diffusion of Useful Knowledge che suggeriscono un punto di svolta nella transizione al capitalismo industriale moderno, secondo l'interpretazione di Polanyi. La figura di Samuel Smiles domina il panorama di questa editoria nella seconda metà del secolo col suo Self-Help e la sua morale basata sul risparmio, l'iniziativa individuale, il distacco da una religione fino ad allora usata per legittimare il rispetto delle gerarchie sociali esistenti.
Smiles rappresenta anche il punto d'incontro tra Inghilterra e Italia, dove si era sviluppata autonomamente una letteratura destinata ai ceti popolari grazie al pionieristico lavoro di Cesare Cantù e alle fortunate traduzioni dei testi di Benjamin Franklin. Strafforello, Lessona, Alfani, Revel, Scarabelli e lo stesso Cantù saranno alcuni tra i nomi, più o meno noti, che negli anni posteriori all'Unità si accinsero a “fare gli Italiani” facendone anche dei buoni lavoratori, in contrasto con la morale cattolica o adattando a essa il selfhelpismo smilesiano ritenuto funzionale allo sviluppo industriale del paese. Riguardo a questi scrittori si accenna anche a possibili influenze francesi (come de Gérando) e si ipotizza che il Self-Help e altri libri fossero l'elaborazione ideologica delle pratiche sociali in vigore in molte industrie, basate sul nesso tra paternalismo e deferenza che doveva continuare a legare le classi sociali anche in presenza dei cambiamenti indotti dall'industrializzazione e dall'urbanesimo.
In conclusione si identificano nella morale cattolica ancora predominante e nelle diffuse resistenze al nuovo modello industriale elementi peculiari al caso italiano, che pure condivide con la letteratura paternalista inglese una tendenza alla progressiva emarginazione delle tematiche religiose a vantaggio di quelle economiche; l'esaurirsi di entrambe queste letterature è rintracciato negli anni '70 col progressivo slittamento verso posizioni conservatrici alimentate dalla paura del socialismo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Nel 1865 i mercati editoriali di due paesi in condizioni così diverse, come l'Inghilterra vittoriana vicina al suo apogeo e l'arretrata Italia, alle prese con i problemi seguiti all'unificazione, erano accomunati dalle abbondanti vendite della stessa opera, un corposo pamphlet che, senza avere alcuna pretesa letteraria, si rivolgeva alle classi lavoratrici per s pronarle a lavorare duramente, risparmiare e rendersi artefici del proprio destino: il Self-Help di Samuel Smiles, destinato a diventare rapidamente uno dei maggiori best seller della seconda metà del secolo a livello internazionale 1 . Questo li bro era, a sua volta, solo l'ultimo esempio di una lunga serie di testi che, principalmente nella Gran Bretagna artefice della rivoluzione industriale, ma in misura minore anche nel nostro e in altri paesi, si proponevano da decenni di diffondere nei ceti subordinati le virtù, le concezioni economiche e gli stili di vita della borghesia, valorizzandone, a seconda dei contesti, pi ù gli aspetti legati alla dimensione produttiva o quelli riguardanti la sfera morale. L'obiettivo che ci si propone in questo lavoro è di seguire gli sviluppi di queste letterature rivolte al popolo indagandone le origini, le matrici ideologiche di questi scrittori, il ruolo svolto nel legittimare l'affermarsi del capitalismo industriale e del modello di fabbrica in un momento cruciale di transizione ad un'economia interamente regolata dal mercato, i loro rapporti con le classi dirigenti e la ricezione di queste opere, istituendo un raffronto tra il caso inglese e quello italiano, anche se verranno brevemente prese in considerazione altre realtà che ebbero un'influenza secondaria sull'elaborazione di questo genere di testi nel nostro paese. L'eterogeneità del materiale, quasi sempre affine nei contenuti, ma divergente sia per le forme che ha di volta in volta assunto (narrativa, pamp hlet, trattatelli popolari) sia per l'orientamento e le finalità di questi autori, che raramente si possono raggruppare in vere e proprie “correnti”, ha reso difficile per gli studiosi identificare questa 1 Oltre alle informazioni qui contenute nei capitoli dedicati a Smiles, per valutare appieno l'immensa fortuna di quest'opera, tradotta anche in francese, tedesco, greco e altre lingue, si veda Adriana Chemello, La biblioteca del buon operaio. Romanzi e precetti per il popolo nell'Italia unita, Unicopli, Milano 1991, pp. 45-46. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

paternalismo
ottocento
weber
self help
victorian age
franklin
cantù
luddismo
polanyi
alessandro rossi
selfhelpismo
samuel smiles
harriet martineau
paternalist
cartismo
character
hannah more
paternalista
strafforello
lessona
cheap repository tracts
brougham
society for the diffusion of useful knowledge

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi