Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il romanzo picaresco femminile: ''La niña de los embustes''

Il lavoro analizza il percorso della narrativa picaresca sviluppatasi in Spagna tra il XV e il XVII secolo, dapprima inquadrando generalmente la situazione politica e sociale del Paese e l'ambiente intellettuale in cui è nato il nuovo genere, prendendo in esame anche i due archetipi del suddetto. La seconda parte della tesi si incentra sul filone letterario che a questa nuova narartiva si accosta, ovvero le opere aventi protagonista femminile: descrizione e analisi delle caratteristiche generali e di un'opera in particolare, "La niña de los embustes: Teresa de Manzanares" di Alonso de Castillo Solórzano.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 CAPITOLO 1 NASCITA E SVILUPPO DEL ROMANZO PICARESCO 1.1 Contesto storico e sociale: la Spagna dei secoli XVI e XVII Il romanzo picaresco vede i suoi natali nella Spagna del XVII secolo, il Siglo de Oro, così denominato poiché, in questo periodo, la nazione conosce una grande fioritura in ogni tipo di settore artistico, in particolar modo in quello letterario e teatrale, e una consolidazione dei generi e delle idee e modi di pensieri innovativi che avevano cominciato ad insidiarsi nella cultura spagnola già dall‟epoca precedente. Non si può, però, ben comprenderne la nascita e lo sviluppo senza prima esser bene a conoscenza dei fattori storici, politici e sociali che assunsero un carattere decisivo in quella Spagna a cavallo dei due secoli. Già dai primi anni del „500 gli effetti della cultura e delle arti italiane avevano cominciato a diramarsi al di fuori dei suoi confini, in Europa, raggiungendo in particolar modo la Penisola Iberica, alla quale era sempre stata attribuita (soprattutto per la posizione geografica) una sorta di “chiusura” alle influenze esterne. In effetti, alcuni studiosi affermano che non vi sia stato, al pari dell‟Italia, un ben definito periodo di Umanesimo e Rinascimento, non perché non si svolgessero attività umanistiche, ma perché non vi fu realmente una decisiva spinta innovatrice generata da un impulso di pensiero: «ciò fu

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Selene Convertini Contatta »

Composta da 77 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1745 click dal 31/08/2011.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.